Genere:
Nulla si perde – Cloé Mehdi
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…
71Wf7advCtL

Trama

Mattia Lorozzi è un ragazzino di 11 anni che vive in una banlieue francese non meglio precisata. Alla sua età ha già conosciuto un carico di sventure sufficiente per una vita intera. I genitori lo hanno, in modi diversi, abbandonato e lui dunque vive con Zé, suo tutore, giovane di buona famiglia dalla quale però si è allontanato dopo la morte accidentale di una compagna di liceo, qualche anno prima. Tutte queste esistenze ruotano per molti aspetti intorno a un episodio di violenza poliziesca di una decina d’anni prima: Said, un ragazzo di banlieue picchiato a morte da un poliziotto. Un passato che riemerge, al pari dei graffiti col volto di Said tracciati sui muri, e subito ricoperti. Inquietudini private e pubbliche che si sommano, distruggendo vite. Un romanzo malinconico e dolente, a tratti cupo, su vite tritate da un tritacarne sociale che non perdona gli errori, ma che nonostante ciò non perde la bussola della speranza, di una possibile ripartenza.

Recensione a cura di Edoardo Todaro

Dalla Francia ci provengono numerosi autori che hanno influenzato la scrittura del “ noir “ . Lunghissimo  l’elenco degli autori che ormai sono riferimento indiscutibile del noir nostrano; da Manchette ad Izzo; dalla Manotti a Helena a Daeninckx … .  La Francia, le banliues ( le periferie ), la prepotenza delle forze dell’ordine, il razzismo ….. : temi di stringente attualità che  “ Nulla si perde “, il noir di Cloè Mehdi, tratta in modo decisamente interessante. Senza voler enfatizzare assolutamente nulla , non credo che aggiungere  Mehdi tra i nomi sopra citati sia qualcosa di esagerato, anzi.  La lettura di questo noir costringe, obbliga, impegna …. il lettore a non abbandonare mai, e poi mai il testo e confrontarsi con esso per capire. Comprendere il tessuto sociale, il contesto nel quale “ Nulla si perde “ è inserito. Scoprire il nesso, il filo che unisce, che tiene insieme le banlieu ed una serie di suicidi è come riconciliarsi con le 285 pagine che compongono questo noir. Solo quando con la lettura oltrepassi la metà delle pagine cominci a renderti conto di cosa hai letto fino a quel momento e che cose apparentamenti non collegabili, traiettorie parallele che non dovrebbero incrociarsi mai, lo sono e non poco. Anche i protagonisti di questo noir possono apparire, in prima lettura, come soggetti l’uno scollegato all’altro … no non è così. Il padre, divorato dal male, che si impicca; il ragazzo assassinato che non può tornare in vita; il poliziotto, omicida, che continua a svolgere la propria professione; ed i giovani delle periferie, delle banlieu, da Gina a Siham sorella del giovane assassinato, da Karim a Nadir; dai graffiti, per non dimenticare; ai genitori di Said, e di Siham, che non hanno più la forza di ribellarsi ,pieni di stanchezza e di rinuncia morale e che sono costretti ad abbandonare la propria abitazione per lasciare spazio ai progetti di “riqualificazione urbana; a Thomas, poliziotto da generazioni,  che fa suo il “ tormentare “ durante gli interrogatori “; a Mattia un 11enne cresciuto troppo e Nouria la psicologa comprensiva non perché “ umana” ma per la sua capacità di attenzione. Periferie dove il ritmo quotidiano è scandito da assoluzioni dei “ servitori dell’ordine “ al nuovo omicidio e così via senza soluzione di continuità; da arresti di massa e condanne.  “ Non si può andare avanti così “; “ Quanti morti ci vorranno ancora prima che qualcuno reagisca “. Una periferia dove il sopruso è la legge, dove un semplice controllo di documenti può degenerare in qualcosa di irrimediabile e che darà vita al corto circuito della vendetta. Una periferia che non è altro che un mondo in agonia in cui non c’è niente da salvare e le terapie costrittive divengono l’apparente soluzione quando capisci che le cose non cambieranno mai al limite possono oscillare e tornare come erano. Un noir che al di là dell’esito, del colpevole trovato, dimostra come la pace sociale non possa esserci senza fare i conti con una giustizia che non può funzionare solo e soltanto in una direzione, e quindi avanti fino al prossimo abuso di potere che sicuramente Mehdi ci saprà descrivere.

Dettagli

  • Copertina flessibile: 285 pagine
  • Genere: noir
  • Editore: Edizioni e/o ( 2020 )
Dello Stesso Genere...
Noir
fbelleri
Notturno metropolitano

Recensione di Federica Belleri Il freddo milanese è cattivo e invadente, porta il cielo a scurirsi e gli animi a rinchiudersi. Il commissario Daniele Ferrazza

Leggi Tutto »
un volo per sara
Noir
gmorozzi
Un volo per Sara

Conoscete Mike Noonan, scrittore? Forse no: è il protagonista di Mucchio d’ossa, di Stephen King. Bene: Mike Noonan, spiegando cosa si aspettano da uno scrittore

Leggi Tutto »

Lascia un commento