Genere:
La morra cinese
Incontenibile umorismo e suspense avvincente, tra politica, lotta sociale e studi letterari un nuovo intrigo coinvolge i Vecchietti e il barrista Massimo. A Pineta è successo qualcosa che nessuno si aspettava, la destra ha vinto le elezioni amministrative, conquistando un feudo rosso più o meno dal 1946. Mentre i Vecchietti si dividono, anche Massimo ha i suoi problemi con la nuova amministrazione: infatti ha difficoltà ad ottenere l’autorizzazione per il suolo pubblico. La cosa però non gli toglie il sonno, dato che ormai, con la nascita di Matilde, la sua primogenita, non dorme da mesi. Per fortuna, anche in Comune hanno le loro gatte da pelare: il primo atto della nuova amministrazione è stata la vendita di un ampio terreno nell’entroterra a una ditta che intende realizzare un megaresort, contro il parere di varie associazioni locali (come gli ambientalisti e i cicloamatori) e con il favore di altre. Ma ben più grave è che nel parcheggio sul retro del Municipio viene rinvenuto un cadavere. È Stefano Mastromartino, studente di filologia della Scuola Normale, che ultimamente passava molto tempo a fare ricerche nella casa del conte Valdemaro Serra Catellani, nobile decaduto il cui antenato aveva intrecciato una corrispondenza con Giacomo Leopardi. Le lettere autografe del poeta, se ritrovate, sarebbero una vera e propria manna per il conte: pare che tra queste ci fosse anche una poesia di rara bellezza, rimasta inedita. Un bel rebus per il vicequestore Alice Martelli che potrà contare sulle pettegole deduzioni dei Vecchietti e su Massimo che, bazzicando in Comune, si rende conto che qualcuno entra un po’ troppo spesso in uffici che in teoria non gli competono …
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Come nei precedenti, anche in questo caso  l’umorismo, il pessottimismo, è punto di riferimento per i lettori e per gli amanti di Malvaldi che non rimangono affatto delusi .Massimo, il barrista che si arrovella su come predisporre i tavoli all’aperto tenendo in considerazione le aspettative dei clienti. Ma rispetto ai precedenti, in “ La morra cinese “ ai soliti e simpatici vecchietti, ovviamente anche Massimo ed Alice, incontriamo Matilde e figlia. La curiosità di sapere chi esse siano potrà essere svelata, ovviamnte, solo leggendo il romanzo di Malvaldi. Ma se ci sono dei cambiamenti definibili epocali, a questi. Pineta non si può sottrarre. Le elezioni: il voto fa sì che la “ sinistra “, evento mai accaduto prima, cede il passo. Se cambiano le cose, qualcosa non cambia. Qualcosa? : LOTTA COMUNISTA. Senza nulla togliere alla genuinità di alcuni dei loro militanti, è un gruppo dell’arcipelago della sinistra “ rivoluzionaria” presente in Italia, che sopravvive in un’ortodossia irreale che si tramanda di generazione in generazione,. Lotta Comunista come i Testimoni di Geova, quante volte abbiamo sentito questo parallelo. La domenica sei a casa e dormi … suona il campanello? O testimoni di geova o lotta comunista..Pineta che si ritrova a fare i conti con la speculazione che aggredisce il Boscotorto ….  in vendita; ma soprattutto con il ritrovamento di un cadavere, un cadavere di uno studente sotto le finestre del comune, uno studente puntiglioso, sveglio, ricercatore con tesi di dottorato. Se incorriamo nella vendita del Boscotorto, entriamo in contatto con autorizzazioni per il suolo pubblico, con i cambi di destinazione d’uso del piano regolatore general,riguardanti i piani urbanistici e le, cosiddette, abitudini dei dipendenti comunali; abitudini che avvengono, prima o dopo, il cambiamento ipolitico in corso. Mi stavo scordando di Massimo e dei vecchietti, reduci della prima repubblica, …. una relazione che entra in difficoltà visto che Massimo non sopporta le discussioni tra i vecchietti che vedono al centro la politica, nonostante che siano attenuate dalla Morra Cinese. Ma se non vi basta l’ironia, accontentatevi dei riferimenti culturali verso Leopardi. Ma, come si diceva una volta, sarà una risata che vi seppellirà, e quindi alla prossima.

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Requiem per un killer

Milano: la Comasina, Baggio, Corvetto, Via Padova, la sua periferia, il convivere con la morte omicida nonostante i suoi abitanti non l’accettino … altrimenti dove?

Leggi Tutto »
Noir
elio.freda
A MUSO DURO

Trama Se è vero, ed io ritengo sia così, che il noir è da assumere come “ romanzo sociale “ in quanto ci fa conoscere

Leggi Tutto »

Lascia un commento