Genere:
YOUTHLESS  FIORI  DI  STRADA
Veneto, una cascina tra le verdi colline coltivate a prosecco, ospita sette ragazzine. Sono tutte minorenni e in fuga. Dalla famiglia, dalla polizia, dalla vita. Anna e Claudia Veneto, una cascina tra le verdi colline coltivate a prosecco ospita un gruppo di ragazze. Sono tutte minorenni e in fuga. Dalla famiglia, dalla polizia, da se stesse. Anna ha sedici anni ed è incinta, e assieme a sua sorella Claudia nasconde un terribile segreto. Domitilla è una bellissima diciassettenne dal cognome nobile che non l’ha salvata, anzi: la ragazza dipende dall’eroina e dalla chimica che riesce a trovare. Léa è una ragazza francese che sta per compiere diciotto anni, attivista dei centri sociali, ricercata per aver ferito un poliziotto durante scontri di piazza. Rachida è una giovane senegalese. Cerca la madre e una vita più sopportabile, lontano dal sistema di valori inaccettabile del suo clan. Teresa è una sedicenne calabrese dallo sguardo feroce: figlia di ’ndrangheta, scappa dalla propria famiglia che le ha ucciso la madre. Infine c’è Stella: di lei non si sa quasi nulla, appena arrivata è scomparsa. Viene trovata morta e le ragazze nel panico decidono di cambiare zona. Ma prima che possano farlo irrompono nella cascina due poliziotti, il sovrintendente Cristoforo Marino e il vicecommissario Giustina Rebellin, che le catturano. Riescono a liberarsi, ma a caro prezzo. Inizia la loro Odissea, un viaggio che le porta lontano dal passato verso un futuro che sembra impossibile da raggiungere, dal Veneto verso la Calabria, inseguite da Giustina, implacabile, perversa e crudele, mentre il superiore di lei, il commissario capo Valerio Pavan, comincia a capire che le zone d’ombra della vicenda sono molte.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

RECENSIONE a cura di Edoardo Todaro

Quando ti trovi di fronte ad un libro con più autori pensi di apprestarti a leggere un libro diviso in racconti che ogni autore ha scritto. Ecco che, invece “ YOUTHLESS “ smentisce quanto ho scritto poco sopra, ma soprattutto smentisce ciò che ritenevamo un dato acquisito. 5 autori, e che autori. Da Acciai impegnata in particolare come produttrice  per teatro, cinema e televisione a Carlotto, affermatissimo scrittore, con una trentina di romanzi;collaborando anche  a graphic novel ecc ….. ; dalla Rinaldi che ha dato alla luce, ed alle stampe, la detective Bianca Occhiuzzi; al sardo Ruju della squadra autrice del famoso Dylan Dog, oltre ai noir collocati nel contesto sardo; per finire con Massimo Torre, napoletano che ama Pulcinella, a tal punto da dedicargli tre noir. Anna, Claudia, Domitilla, Lea, Rachida, Teresa, sei minorenni, cresciute troppo in fretta, in fuga dal male quotidiano prodotto da famiglie e culture  malate, da esperienze di vita negative, accomunate, per resistere, dalla disperazione,dal coraggio e dal “ contare su se stesse “, che ricorda il bellissimo “ noi siamo tutto “ con l’ unità che unisce e rafforza la fiducia reciproca,stanche, stremate ma unite e che malauguratamente entrano in collisione con Giustina, un vicecommissario, un essere indecente  e spregevole che definire perfida è poca cosa, serial killer diabolica e psicopatica crimunale. Certo ci sono anche dei protagonisti che appartengono al genere maschile, ad esempio il commissario Pavan, il volto buono delle forze dell’ordine,ma ritengo giusto definire questo un noir al femminile, comprese le due ragazze, Stella e Titti, trovate ammazzate. Scappare e sopravvivere i due imperativi categorici a cui le sei fanno riferimento e si attengono scrupolosamente, sei minorenni che sono dei residui umani di una società alla deriva. Scappare che si trasforma in clandestinità obbligata. Fuggire senza smettere di farlo. Un noir che è una storia di violenza e sopraffazione. Tanti sono gli aspetti sociali presi in considerazione in questo noir dalla militanza sociale; alla criminalità organizzata; dalla dipendenza alle sostanze che rendono meno grigia la noia quotidiana; gli abusi in divisa; il populismo che fa sì che  la paura diviene un sentimento condiviso e l’uso/abuso dei mass-media  ….. Finisci di leggere il libro e ti aspetti che prosegua …. certo. Ci dovrà essere un seguito che ci faccia sapere che fine hanno fatto tutte e 7, non sei.

Dello Stesso Genere...
Noir
rcolombo
L’ammiratore

Recensione a cura di Rita Colombo Una Bologna né dotta, né grassa, né accogliente quella raccontata da Roberto Carboni nel suo settimo romanzo, “L’ammiratore” –

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
La sposa gitana

A Madrid si ammazza poco? Ecco l’ispettrice Elena Blanco che smentisce l’affermazione iniziale, o quanto meno ci introduce in inquietanti avvenimenti, inquietanti indagini che, a

Leggi Tutto »

Lascia un commento