Genere:
SOLO TREDICI CHILOMETRI
In un nebbioso pomeriggio d’autunno, dentro un fosso ai margini di una strada di campagna in provincia di Venezia, viene casualmente trovato il corpo senza vita di una ragazza. Presenta chiari segni di strozzamento, i pantaloni abbassati e del nastro adesivo a tappare bocca e narici. La sua identità è presto svelata: si tratta di una diciannovenne austriaca, Johanna Pichler, residente in una località appena oltre il confine sudtirolese, a pochi chilometri dalla Val Pusteria. Da un’evidente traccia rinvenuta sul cadavere, quasi una firma del delitto, gli inquirenti risalgono a un giovane di San Candido, Martin Scherer: è con lui che la ragazza ha trascorso le ultime ore prima di essere uccisa. Il quadro indiziario sembra lasciare pochi dubbi, il caso è considerato risolto. Non fosse che dal carcere Martin si dichiara innocente e il castello di accuse a suo carico comincia lentamente a vacillare. A cercare la verità, tra una selva di misteri e contraddizioni, sarà l’avvocato De Vitis, alla sua prima esperienza in un processo penale per omicidio, che diventerà un vero e proprio apprendistato giuridico e umano. Ispirato a un fatto di cronaca, “Solo tredici chilometri” è un legal thriller che ricostruisce una vicenda giudiziaria lunga e controversa, non priva di clamorosi colpi di scena, ma anche un romanzo di formazione ambientato in una terra che dietro ameni paesaggi da cartolina nasconde atmosfere cupe e sinistre.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

RECENSIONE a cura di Edoardo Todaro

Il noir sta sviluppando un effetto collaterale di indubbio interesse: il legal thriller. Se il noir indaga e mette allo scoperto le contraddizioni sociali, il legal thriller si ispira e prende spunto da fatti di cronaca, anzi da vicende giudiziarie controverse. Questo è il caso di “ Solo tredici chilometri “: una ragazza austriaca, autostoppista, viene trovata senza vita,uccisa, nei pressi di Venezia, e immediatamente viene individuato il colpevole, un assassino seriale che non può fare ameno di uccideree che uccide senza capire il perchè. Marco De Vitis, agli esordi nella sua attività di avvocato ed in questo caso alla prima esperienza professionale ed “ umana “ , capisce che così non è e si impunta per trovare la verità, al di là di ogni ragionevole dubbio, dubbi utili per ribaltare impianti accusatori. Da questo principio De Vitis si ispira nel contrapporre ad ogni tesi accusatoria il dubbio. Quest’ ultimo è il principio a cui si attiene e che lo muove nella sua ricerca della verità, visto che la verità processuale e quella fattuale non collimano. De Vitis non ha modelli o metodi da seguire e per questo motivo si affida all’istinto, e fa bene, e alla fredda logica a dispetto di ogni emozione, ai libri letti più che all’esperienza fatta, senza alcuna esperienza in quanto ad interrogatori che per potersi fidare più che avvocato difensore prende le sembianze del pubblico ministero; che vuol cogliere ogni debolezza e contraddizione nella versione dell’assistito.  Un avvocato alle prime armi, senza segretaria né collaboratori che a dispetto della tecnologia usa gli appunti, appunti che servono a riordinare le idee; che si rilassa e riesce a rielaborare ciò che sta facendo grazie all’ascolto di musica classica. Accardo e De Pascalis, gli autori, con queste 352 pagine, ci mettono a conoscenza di tutta i meccanismi che fanno parte di un percorso giudiziario, di una indagine:  dalle udienze di convalida alla deposizione della nomina alla difesa in procura; dall’incontro in carcere con l’assistito all’interrogatorio di garanzia; rogatorie,intercettazioni,perizie, autopsie, il processo indiziario; dal guardare negli occhi i membri della corte al parlare “ a braccio “ senza leggere, visto che il compito dell’ avvocato non è avere opinioni. Tutti passaggi che servono a De Vitis nell’andare avanti, nel porre dubbi, nel trovarsi, in solitudine, al bar con una birra per fissare gli elementi fondamentali , nell’entrare nelle chiese per recuperare energie, nel footing che aiuta a prospettare ipotesi, definire scenari. Sullo sfondo di tutto questo troviamo l’Alto Adige con i suoi meravigliosi panorami, con la musica tradizionale austriaca; i quartieri operai … da sempre, con le tante fabbriche in attività; la presenza della popolazione tedesca rientrata in Alto Adige dopo la guerra; con l’esame di bilinguismo previsto dallo statuto dell’essere  provincia autonoma; i cartelli stradali i due lingue; Bolzano città chiusa in se stessa e respingente verso le diversità; da una parte lingue e culture differenti dall’altra “ tutti sono minoranza da tutelare “. La determinazione di De Vitis nel voler trovare la verità; nell’inserirsi nei glangli della malagiustizia mettono in discussione anche i rapporti affettivi. Ovviamente starà ai lettori capire come le cose si muovono.

Dello Stesso Genere...
La ragazza e la notte
Noir
sghelfitani
La ragazza e la notte

Guillaume Musso non mi ha ancora delusa, la sua creatività pare non avere fine e questo romanzo, ancora una volta, non appare scontato e ci

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
LE INVISIBILI

“ Le donne sostengono  l’altra metà del cielo “ diceva un antico proverbio cinese, e come non dargli torto. Sfruttamento, violenza subita, derisione, uccisione, emarginazione

Leggi Tutto »
Noir
zamaccapani
La solitudine di Adamo

Recensione a cura di Achille Maccapani Giunge al decimo episodio il ciclo seriale delle avventure del vicequestore e commissario di polizia Vittorio Scichilone, affiancato dal

Leggi Tutto »

Lascia un commento