Genere:
DEBITI  DI  SANGUE
In Spagna e nel resto d’Europa la crisi economica esplode implacabile, come la bolla immobiliare. Da una parte le banche, dall’altra migliaia di cittadini che non sono più in grado di pagare i mutui e si ritrovano per strada, senza casa. In questo clima, nel freddo inverno di Pamplona, viene ucciso Jorge Viamonte, presidente della Banca Ispano-Francese. Un delitto che fa molto rumore e che porta alla luce una lunga catena di disperazione e odio. L’ispettore David Vázquez cerca di far luce sul caso, scontrandosi con un clima rovente di odio sociale, in un’indagine che lo porterà nelle profondità più oscure della corrotta società spagnola. Intanto Irene Ochoa, la sua compagna, cerca disperatamente di proteggere il suo segreto e la sua vera identità. A qualsiasi costo. Dopo l’ottima accoglienza di Senza ritorno, arriva in Italia il secondo capitolo della trilogia crime di Susana Rodríguez Lezaun, la voce più originale del nuovo noir spagnolo.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Con “ Debiti di sangue “ abbiamo a che fare con il secondo capitolo che vede protagonista l’ispettore Vazquez, e la sua compagna Irene che nasconde una verità importantissima, e che ci fa fare un passo in avanti nel conoscere le capacità di scrittura di Susana Rodriguez Lezaun. Se con  il precedente “ Senza ritorno “ abbiamo avuto la possibilità di apprezzare quanto scrive la Rodriguez, con “ Debiti di sangue “ non possiamo che confermare il giudizio positivo già scaturito in precedenza. La Spagna e Pamplona,una città dove non succede niente, con le sue spinte autonomistiche, la crisi economica con la sua bolla finanziaria, si fa sentire tra fallimenti, commissariamenti ed istituti finanziari in bancarotta. L’ispettore Vazquez refrattario sia  agli ordini, in particolare a quelli che vanno contro il suo buonsenso, sia alle pressioni politiche, che si fanno sentire in modo pesante, e che desidera comunicare immediatamente con i familiari dell’ucciso in quanto i primi momenti possono essere importanti nell’acquisire informazioni utili viste le difese basse e la mente offuscata che in questi casi sono caratteristica comune a chi subisce eventi luttuosi e se  il tempo passa ciò è sicuramente a sfavore delle indagini . Un ispettore che è capace di tenere fuori  dal proprio modo di agire i sentimenti per trattenere solo le informazioni rilevanti ed i dati di fatto, e che se ha in Irene il modo per lasciarsi alle spalle dolore, morte, e tutti i lati della cattiveria, percepisce il carattere delle persone attraverso segnali che possono essere considerati secondari, ma non lo sono per lui, studiare il linguaggio del corpo come ad esempio  la forza ed il tempo di una stretta di mano; che tiene in considerazione, come maestra di insegnamento, l’esperienza acquisita e la applica nel mettere sotto pressione l’indiziato in modo da farlo innervosire e fargli fare un passo falso. Ma dicevamo della crisi economica, con  le difficoltà di una società con la gente disperata;  con gli  effetti collaterali che produce e che prolungati nel tempo con tagli ai servizi sociali,con le bollette non pagabili, è normale che la situazione si esasperi: Jorge Viamonte, presidente della banca ispano-francese,  banca con responsabilità diretta  a proposito dell’ondata di sfratti, della chiusura di molte imprese, di crediti negati a privati e piccole imprese viene ucciso e che anche se il passare del tempo lo avrebbe consegnato all’oblio, il fatto scatena il panico. Ma se proprio la si vuol dire tutta sia l’ispettore Vazquez che Irene sono superati nell’attenzione che il lettore pone a queste 403 pagine, dalla figura di Gabriela con la doppia vita scaturita dalla crisi che colpisce soprattutto il modo del lavoro, anzi la forza/lavoro. Gabriela che impersonifica quel minimo di solidarietà che esiste soprattutto tra gli ultimi, gli avanzi, della società; l’umanità e la sensibilità di chi ha toccato il fondo. Un’altra figura espressione vera della crisi  è il fratello indigente, alcolista, drogato, che vive di carità, del  presidente della banca ispano/francese. Un romanzo che parlando di Spagna non può non citare i sommovimenti sociali che si sono prodotti negli anni scorsi dagli indignati; al M15 a Podemos. Interessante anche la descrizione etimologica del significato di banca. Comunque anche Rodriguez Lezaun come ad esempio Markaris o Dominique Manotti fa ruotare il tutto su il denaro e sulle acque turbolenti della finanza internazionale  ed i suo valore attrattivo in cui la linea tra legale ed illegale diviene labile. All’indagine sull’assassinio del direttore della banca in parallelo si affianca quella rispetto ad Irene ed anche la relazione sentimentale diviene indagine. Leggendo degli scontri interni alla banca per il potere, per incarichi dominanti, dove l’uno attacca l’altro; gli sgambetti reciproci ; addirittura si capisce che la preoccupazione dei vari arrivisti non è conoscere l’omicida ma  conoscere chi diventerà il nuovo  direttore, dove il sentimento prevalente è l’ambizione e non il dolore; questo clima   ci fa venire alla mente Brecht con il suo “ Cos’è rapinare una banca a paragone del fondare una banca “. Le banche che con il denaro a disposizione producono volutamente contabilità irregolari, truffe o frodi e nel caso che qualcosa vada storto, c’è sempre un paradiso fiscale a disposizione, oppure mettono in piedi società di intermediazione per incassare sostanziose commissioni.  Le due indagini parallele avranno esiti diversi e non ci resta che aspettare l’uscita del terzo romanzo che sarà l’ultima parte della trilogia nata dalla penna di Susana Rodriguez Lezaun.

Dello Stesso Genere...
Noir
felix77
Anatomia di una rapina

Recensione a cura di Dario Brunetti Anatomia di una rapina è il nuovo romanzo di Maurizio Blini uscito per Edizioni del Capricorno, nella collana Piemonte

Leggi Tutto »
Le regole degli infami
Noir
etodaro
LE REGOLE DEGLI INFAMI

Seguire i suggerimenti di Piergiorgio Pulixi vuol dire vincere facile. Ed infatti nonostante che leggere del Nordest possa sembrare un qualcosa di rituale nel genere

Leggi Tutto »

Lascia un commento