Genere:
TEMPESTA
Renzo e Camilla non sono un padre e una figlia qualunque. Novantadue anni lui, diciassette lei, una vita intera li divide, o anche più d’una. Di quest’uomo che aveva già i capelli grigi quando è nata, che non ha mai visto giovane e forte come i papà delle sue amiche, Camilla si è sempre un po’ vergognata. E così, quando Renzo si ammala gravemente e viene ricoverato in una clinica dalla quale è presto chiaro che non tornerà più a casa, Camilla ha l’inconfessabile sensazione di potersi finalmente tuffare verso il futuro, senza voltarsi indietro. Mala malattia del padre la mette davanti alla consapevolezza che non si può costruire niente senza aver prima fatto i conti con le proprie radici, che non puoi perdere qualcuno senza aver provato a conoscerlo, e che forse le rimane ancora un po’ di tempo per essere davvero sua figlia. Così inizierà a cercare nel passato per scoprire il ragazzo che Renzo è stato tanti anni prima, quando la guerra infiammava l’Italia, i giovani salivano in montagna, sparavano, soffrivano la fame e il ghiaccio, cercando ogni giorno e ogni notte di dare un senso alle loro azioni. Il tempo in cui Renzo era ‘Tempesta’, comandante di una brigata partigiana. Per Camilla, riappropriarsi della storia familiare e di una memoria collettiva che non ha smesso di vibrare significherà trovare una nuova prospettiva per aprirsi al mondo, agli altri e all’amore. Con una scrittura di inconsueta sensibilità, capace di tendere agguati e rivelare sempre nuovi angoli dell’essere, Camilla Ghiotto dà voce a una generazione consapevole di dover combattere battaglie diverse da quelle del passato, ma non meno decisive. Perché la libertà non si conquista mai una volta per tutte.
Non è mai troppo tardi per imparare a essere figli, né per riannodare la memoria al presente.

Quando ho iniziato a leggere Tempesta, il romanzo d’esordio di Camilla Ghiotto non sapevo bene cosa aspettarmi, di certo non avrei immaginato di imbattermi in una scrittura così matura ed elegante considerata l’età dell’autrice e il fatto che fosse il suo romanzo d’esordio.

La storia che Camilla sceglie di raccontarci è quella di suo padre e del lungo percorso che ha affrontato per poterlo conoscere e amare senza i limiti di un enorme divario generazionale. Ma chi era suo padre? Renzo Ghiotto, un uomo molto amato per le sue azioni, un partigiano, un modello da seguire. Ebbe una vita piena e avventurosa, fu catturato e torturato dai fascisti, poi fu a capo di una brigata partigiana con il soprannome di Tempesta, sopravvisse alla guerra, visse in Argentina e solo dopo i 70 anni ebbe Camilla.

Una grandissima distanza generazionale, un‘eredità difficile da portare sulle spalle per una ragazza di diciassette anni che ha sempre mal vissuto l’età del padre. L’autrice ci racconta come da piccola si è vergognata di quel genitore anziano che nascondeva agli amici, ha sofferto dell’impossibilità di avere un reale confronto con un uomo troppo lontano dalla sua realtà.  La distanza tra loro sembrava incolmabile ma con la morte di Renzo Camilla riuscirà a riempire il vuoto che li separava imparando ad amare incondizionatamente un padre che molto le ha insegnato.

Il romanzo si apre proprio con la morte di Renzo, Camilla ha 17 anni e non capisce ancora quali sentimenti la leghino al lutto che sta vivendo. Come dovrebbe sentirsi?  Lo ha mai realmente conosciuto? Ci ha mai provato? Le risposte alle sue domande arriveranno in un crescendo di emozioni grazie a degli scritti inediti che trova tra le carte di Renzo. Sono i racconti degli anni partigiani quando ancora ragazzo venne soprannominato Tempesta e con i suoi grandi ideali si incamminò verso una nuova vita. La lettura delle avventure del papà sarà per lei una scoperta, un riappropriarsi dell’amore paterno che a lungo aveva tenuto distante.

Il romanzo è scandito dall’alternanza tra le pagine di Renzo e le riflessioni di Camilla che nel mentre si diploma e sceglie di studiare filosofia a Milano. Un cammino lento e doloroso che la porterà a seguire le tracce del padre in Argentina per poter comprenderlo ancora meglio. Come dicevo sopra la scrittura è matura, è ponderata, è consapevole della portata della memoria che racconta. Sicuramente è un libro impegnativo, non è una lettura che corre via perché tante sono le vicende e tanti i sentimenti che ne scaturiscono. Se per lei il percorso di consapevolezza è stato lungo e doloroso lo è anche per i lettori che cercano di calarsi nelle vesti di un ragazzo del ventennio fascista e di una giovane figlia dei nostri tempi, cercando parallelismi o punti di contatto, come se anche noi fossimo invitati a compiere un cammino di conoscenza e accettazione.

Nelle pagine di Tempesta assistiamo alla trasformazione di Camilla in una giovane donna sensibile, colta e fiera delle sue origini, Il bagaglio culturale lasciatole dalla sua famiglia è vivo e chiaro in ogni pagina e credo che potremo leggere molto altro in futuro da questa nuova ed emozionante penna.

Dello Stesso Genere...
Follia – Patrick McGrath

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/61IoZNAMX9L.jpg Trama Una grande storia di amore e morte e della perversione dell’occhio clinico che la osserva. Dall’interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno

Leggi Tutto »
Storico
mdifelice
Il profanatore di tesori perduti

Mentre leggevo il prologo quando ho incontrato la frase “due monti gemelli divisi da una gola che somigliava all’orlo di un baratro” e quando conseguentemente

Leggi Tutto »
Storico
felix77
Fino alla fine di noi

Giada Trebeschi è un’autrice raffinata di indiscusso talento, una vera artigiana della scrittura che si è contraddistinta nel corso degli anni in opere storiche di

Leggi Tutto »

Lascia un commento