Genere:
Dieci parole per uccidere. La seconda indagine di Luce Frambelli– Marina Bertamoni
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

gialli.jpg

 Trama

Il 19 gennaio, giorno della festa patronale di San Bassiano, la città di Lodi si sveglia ammantata da una spessa coltre nevosa. Un bel guaio, dato che si tratta dell’evento cittadino più atteso dell’anno e la neve rischia di rovinare la festa. Ma la neve non è l’unica emergenza a cui la Questura dovrà far fronte: nella notte, in provincia, un noto imprenditore e la moglie sono stati torturati e uccisi in maniera brutale, all’interno della loro lussuosa villa, blindata e a prova di intrusione. L’indagine è da subito indirizzata verso l’ipotesi più probabile, una rapina in villa finita male. Bande di extracomunitari dedite a rapine di questo tipo sono già state segnalate in provincia, è facile sospettare che siano gli autori anche di questo orribile delitto. Le cose, però, non sono così semplici e l’Ispettrice Luce Frambelli, guidata da un’ispirazione e da un’ostinazione tutte femminili, è decisa ad andare oltre le apparenze. Ci sono molte cose che non tornano e Luce non è disposta ad accettare la soluzione più facile, quella che consentirebbe di chiudere il caso senza troppe complicazioni. La tenacia di Luce si scontra con la svagatezza del Vicequestore Binaschi, sempre più assente e rassegnato, e con le resistenze del Dottor Rufillo, il magistrato inquirente che aspira a una carriera politica. Soprattutto, Frambelli dovrà combattere con una mentalità che vede lo straniero come il colpevole ideale, il capro espiatorio da sacrificare a prescindere. È una lotta contro i pregiudizi, nel tentativo di stabilire una verità assoluta. Sempre che questo sia possibile, perché la verità è una dea dalle molte facce e tu vedrai solo quella che ti assomiglia.

Voce di Luciana Fredella

[bandcamp width=100% height=120 track=2920636806 size=large bgcol=ffffff linkcol=0687f5 tracklist=false artwork=small]

Recensione a cura di Luciana Fredella

La neve, la notte, le parole, la fortuna, i ricordi, il dolore, il tempo, la verità, l’amore: queste le parole di un complotto ordito contro la famiglia di imprenditori edili Menicotti. Il duplice omicidio del rampollo dei Menicotti e della moglie è solo il coperchio di un vaso di Pandora che aperto, sprigionerà cattiverie, macchinazioni, soprusi, fino a giungere allo svelamento della trama che lascerà il lettore sorpreso e forse con un po’ di amaro in bocca. Nonostante la veloce risoluzione iniziale del caso, Luce Frambelli, incaricata delle indagini, intuisce che qualcosa è rimasta sospesa, anche se non sa cosa. L’ostinazione, ma anche il fato, la aiuterà a riportare ogni tessera al suo posto anche se…

Al plot principale l’autrice affianca la vicenda personale di Luce Frambelli che dovrà affrontare il continuo contrasto dei suoi sentimenti verso le persone della sua vita (lo scrittore Angelo Di Dio, il fedele collega Fabrizio Calligaris, i suoi genitori) e verso se stessa.Per come è stata strutturata la storia e per come termina il libro, non è difficile ipotizzare che presto avremo nuove notizie di Luce Frambelli.

 

Dettagli

  • Genere: Noir
  • Copertina flessibile: 208 pagine
  • Editore: Frilli (28 novembre 2018)
  • Collana: Supernoir
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8869433080
  • ISBN-13: 978-8869433085
Dello Stesso Genere...
Giallo
felix77
Omicidio alla Garbatella

Recensione a cura di Dario Brunetti Dopo il promettente esordio con il romanzo I silenzi di Roma, ritroviamo una delle più talentuose autrici della Fratelli

Leggi Tutto »
Giallo
fmanu
Piovono mandorle

Piovono Mandorle è probabilmente uno dei romanzi gialli più insoliti che io abbia mai letto: giallo, ma perché confinarlo in un unico genere? Io direi

Leggi Tutto »
Le notti di Reykjavik
Giallo
elio.freda
Le notti di Reykjavík

Leggere Indriðason è come bere una bottiglia di vino conosciuto ma che da diverso tempo non si assapora. Non si può che essere eternamente estasiati

Leggi Tutto »

Lascia un commento