Genere:
Le linee storte di Dio
Alicia, un investigatore privato, entra in un ospedale psichiatrico simulando la paranoia, al fine di raccogliere prove per il caso su cui sta lavorando. La realtà che dovrà affrontare durante la reclusione supererà ogni sua aspettativa. Un mondo sconosciuto ed emozionante apparirà davanti ai suoi occhi. Il corso che prenderanno gli eventi la vedrà passare da detective a sospettata in un gioco di indizi intrecciati con sorprendente maestria.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Manuela Baldi

Diffido sempre un po’ quando vedo libri che superano un certo numero di pagine, ho sempre l’impressione che le parole scritte siano troppe e non necessarie. Questo libro però mi era stato consigliato per il tema e la trama e incuriosita avevo deciso di leggerlo ma l’avevo lasciato da parte, come spesso mi accade, ad un certo punto mi ha “chiamata” e ho deciso di leggerlo, perché era il suo momento. Una volta iniziato ho  continuato fino alla fine, senza interruzioni. Non nascondo che sono precipitata dentro a un mondo che mi lascia attonita, mi provoca qualche disagio: quello delle malattie mentali. Leggendo alcuni dialoghi, non ho potuto fare a meno di pensare e Franco Basaglia, psichiatra italiano, colui che, sintetizzando al massimo, fu l’artefice dell’apertura dei manicomi, a Gorizia prima e a Trieste poi, portò avanti la sua visione della psichiatria, non solo aprire i manicomi ma riorganizzare completamente i servizi di salute mentale. Fu l’ispiratore di una legge che porta il suo nome, oggetto di studio in molti Paesi.

Ma torniamo al libro, la storia scritta da Torcuato Luca de Tena e pubblicata più di 40 anni fa in Spagna, racconta di un’investigatrice privata che si fa ricoverare in un ospedale psichiatrico per continuare un’indagine che le è stata affidata da un cliente. Alice Gould, donna capace, intelligente, colta e molto moderna, entra nella struttura e pensa di cavarsela in poco tempo, il suo contatto all’interno dell’ospedale, il direttore Samuel Alvarez non è presente al momento del suo ricovero e Alice scopre che è partito per le ferie. Inizia il suo viaggio all’interno della struttura e noi con lei scivoliamo in un mondo che lascia attoniti e increduli. I cancelli che vengono chiusi a chiave, la spoliazione, l’obbligo di vestirsi in maniera ordinaria, in modo più consono all’ambiente, la privazione degli effetti personali, tutto viene descritto con crudezza che ho percepito come violenza. Nei giorni successivi al suo internamento, Alice conosce gli altri ospiti, si interessa ad alcuni di loro e alle loro storie, con qualcuno riesce a fare amicizia. Con la psicologa Montserrat Castell e con il medico che le è stato assegnato, il dottor Arellano stabilisce un rapporto da pari a pari, entrambi la ritengono intelligente e tutti i test ai quali viene sottoposta la collocano nei parametri dei “sani”. Il tempo passa, Alice si interessa anche agli altri ospiti, è ricoverata in una stanza singola, perché è una paziente solvente, succedono molti piccoli e grandi fatti, i suoi incontri con il dottor Arellano sono molto interessanti per gli argomenti trattati. Al ritorno del direttore Alvarez, Alicia pensa che la sua indagine sia conclusa e che presto potrà uscire, però da qui in avanti il romanzo subisce una accelerazione, niente di quanto Alice si era aspettata si avvera, per chi legge è difficile comprendere chi mente e chi dice la verità, chi è sano e chi è malato. Come dice ad un certo punto del libro il dottor Alvarez, parlando di Alice: ” Si tratta di un caso di sovrapposizione di paranoia e simulazione.” e ancora :” La paziente è un’autentica paranoica e in quanto tale non si rende conto di esserlo, ma finge una falsa paranoia per assecondare il suo vero delirio.” Della trama posso dire che è ben congegnata e complessa, il libro va letto e il viaggio nel mondo delle malattie mentali va fatto. 

Recentemente da questa storia è stato tratto un film che è visibile su Netflix. Torcuato Luca de Tena per scrivere questo libro visse per un po’ di tempo in una struttura psichiatrica per prendere spunto nella costruzione di alcuni personaggi e mi sento di dire che gli sia perfettamente riuscito.

Dello Stesso Genere...
Noir
felix77
Il montacarichi

Il montacarichi del noto romanziere francese Frederic Dard è un noir di assoluta qualità, con quelle atmosfere cupe come in un film in bianco e

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
ATTRAVERSARE LA NOTTE

RECENSIONE  a cura di Edoardo Todaro: Il noir francese è una fucina continua di notevoli autori. Hervè Le Corre già con i suoi tre precedenti,

Leggi Tutto »

Lascia un commento