Genere:
Io Ti Perdono – Elisabetta Bucciarelli
Risate, voci allegre ai confini di un bosco in montagna: cercano castagne. Un cagnolino scodinzola vicino alla piccola Arianna. Lei lo insegue nel labirinto degli alberi in una corsa malferma fino all’abbraccio di qualcuno. Scomparsa. Richiamata da un sacerdote che la conosce da quando era bambina, l’ispettore Maria Dolores Vergani torna in quel paesino della Val d’Aosta. L’uomo le chiede di aiutare la madre di Arianna in veste di psicologa, professione che non svolge più da tempo. Ma c’è anche dell’altro, che il prete non vuole o non può dire. Una leggenda antica, una richiesta di perdono, un senso di colpa che non trova pace. Intanto a Milano vengono rinvenuti in un’area industriale dismessa i resti di una donna e il collega Pietro Corsari la coinvolge, suo malgrado, in un’indagine ben oltre le mura della città, dove i milanesi sciamano per soddisfare desideri inveterati. In questo momento difficile, Maria Dolores può fidarsi solo di Achille Maria Funi, il suo aiuto, che la segue in missioni oltre la loro stretta competenza e che si rivela questa volta inaspettatamente sensibile e perspicace. L’ispettore Vergani si ritrova a fare i conti con l’amore, quello da cui non si può sfuggire e dal quale si vuole a tutti i costi scappare. E mai come ora Maria Dolores deve ripercorrere il proprio passato – un percorso che la porterà forse a diminuire la distanza di sicurezza fra sé e le persone della sua vita.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Elio Freda

Leggendo il libro della Bucciarelli, incentrato sul tema del perdono, si ha la sensazione di scorrere un album fotografico. Questo lo si deve anche alla scelta narrativa di suddividere le varie vicende della protagonista assieme alla storia principale in tanti piccoli capitoli. Questo rende la lettura a parer mio interessante, dovendo continuamente ricostruire gli eventi, recuperare il filo delle diverse situazioni affrontate. C’è dentro un po’ di tutto, amore,[…], fede, prostituzione. Sopra tutte le situazioni aleggia la tematica del perdono, la capacità di saperlo amministrare o meno. Un bel libro, in un genere, il noir, che secondo me in Italia cerca ancora il suo elemento di spicco.

Votazione : 4/5

Video-Trailer : 

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=hBKaBnkHz3U]

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
IL CASO KARMAL

Che dire, recensire quanto ci troviamo di fronte non è facile, in quanto: abbiamo letto 168 pagine di un noir, ma allo stesso tempo siamo

Leggi Tutto »
Noir
elio.freda
Il giapponese cannibale

Recensione a cura di Elio Freda Raccontare qualcosa esula dal proprio vissuto, affrontando una tematica così forte come quella trattata ne Il giapponese cannibale, potrebbe

Leggi Tutto »
Noir
felix77
L’artiglio del tempo

La Sanità rappresenta il cuore autentico della città di Napoli. In quei vicoli circondati da chiese barocche,   palazzi appartenenti a famiglie nobiliari e case in

Leggi Tutto »

Lascia un commento