Genere:
INDAGA DETECTIVE
Dodici indagini, dodici storie nere che hanno come protagonisti alcuni degli investigatori seriali più amati dai lettori. Una raccolta unica in cui gli eroi maggiormente apprezzati delle serie crime – come dei vecchi amici che il lettore ritrova, affezionandosi sempre di più, romanzo dopo romanzo – indagano in una sorta di narrazione corale in cui le storie si intrecciano esplorando i lati e i luoghi più oscuri della nostra società. Una mappa dell’Italia criminale e non solo. Si parte con un cammeo nella Napoli degli anni Trenta del commissario Ricciardi di Maurizio de Giovanni per poi immergersi in una Milano che ha molte facce: quella di Andrea G. Pinketts e del suo Lazzaro Santandrea raccontata da Sandrone Dazieri, quella del giornalista hacker Enrico Radeschi di Paolo Roversi, quella dell’avvocato penalista Lorenzo Ligas di Gianluca Ferraris e quella di Libera Cairati, la Miss Marple del Giambellino di Rosa Teruzzi. E poi c’è Siena, con sette segrete e una confessione fatta al commissario Soneri di Valerio Varesi; la Parma misteriosa nell’indagine della marescialla dei carabinieri Nina Mastrantonio di Daniela Grandi; la Ferrara solare del capitano della Guardia di Finanza Gaetano De Nittis di Paolo Regina; la Pescara fuori stagione del vicequestore Laura Damiani di Romano De Marco; la Genova che profuma di mare del vicequestore aggiunto Paolo Nigra della coppia Ronco e Paolacci; la Firenze ottocentesca di un irriconoscibile Collodi di Leonardo Gori; la Torino magica e nera della detective privata Zara Bosdaves di Enrico Pandiani e la Londra misteriosa di Sherlock Holmes in un’avventura inedita scritta da Luca Crovi. Prefazione di Maurizio de Giovanni.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Quello che ci troviamo di fronte non è una semplice raccolta di storie che hanno come protagonisti alcuni degli investigatori conosciuti ed apprezzati nel panorama noir italiano. Quello che ci troviamo di fronte è qualcosa in più, perché i dodici autori che hanno scritto in “ Indaga detective “ si sono resi disponibili per un progetto decisamente importante. Un progetto lanciato e proposto da Paolo Roversi per sostenere chi, come la Croce Rossa Italiana, è impegnato nell’intervenire in piena emergenza sanitaria. Sì perché, come giustamente scrive proprio Roversi, “ …… comprando  e leggendo  questo libro, avrai dato un contributo “ non secondario, aggiungo io. Che dire: subito con la prefazione si viene coinvolti, perché ci imbattiamo addirittura in Maurizio De Giovanni con Luigi Ricciardi, oltre a far intravedere un possibile ritorno del suo/nostro commissario De Giovanni, risultando di fatto il 13°, da una sorta di input agli altri autori di “ Indaga detective “. Ogni autore che ha dato il suo contributo, ha una città come riferimento. Non una città a caso, bensì la città che ha accompagnato i romanzi da loro scritti in precedenza. Milano è la città che risulta la più citata. D’altronde il connubio Milano/noir è ormai consolidato da tempo. Milano è la città che ha dato numerosi spunti agli autori di questo genere. Quindi da Sandrone  Dazieri con il gratta e vinci che diviene il simbolo di un possibile riscatto sociale; a Paolo Roversi con il mai dimenticato giornalista hacker Enrico Radeschi ed il suo giallone; da Gianluca Ferraris e l’avvocato Ligas alle prese con il classico colpevole di niente se non del proprio passato;a Rosa Teruzzi che evidenzia ingrato  il lavoro delle immigrate;con Enrico Pandiani ci spostiamo a Torino ed attraverso l’investigatrice privata Zara Bosdaves evidenzia l’esistenza di due Torino, non solo centro e periferia, ma quartieri che cambiano la propria fisionomia e vita, dalla mattina alla sera. Proprio Zara ci riporta al tema centrale del progetto di questo libro, in quanto si divide tra un’indagine ed il volontariato verso senzatetto e tutta quella umanità che risiede nel girone più basso, perché “ la scala della vita è sdrucciolevole e fai veloce a finire in fondo “.Il tour prosegue per arrivare a Parma con Daniela Grandi e la sua marescialla dei carabinieri che predilige la lettura al computer ( ! ); che per pensare alle sue indagini usa passeggiare e che essendo, tra le altre cose, nera suscita stupore, quando va bene, fastidio, nel peggiore dei casi; Da Parma a Ferrara con Paolo Regina, il finanziere capitano De Nittis ed il giornalista Giuseppe Bonfanti. Eccoci a Genova di Ronco & Paolacci con il vicequestore aggiunto Paolo Nigra e casi semplici che spesso sono quelli più tristi. Non poteva mancare la Toscana che Valerio Varesi, ed il commissario Soneri con Siena, ci porta nel mondo delle sette segrete e quanto del governare la paura è così attuale; Varesi entra direttamente nel campo filosofico con il ragionamento su cos’è oggi la democrazia; sulla comunicazione ed il suo controllo; e quindi la Firenze di fine ‘800 descritta da  Leonardo Gori attingendo a Carlo Lorenzini, all’Artusi; all’antico ghetto ricettacolo di miserabili e malavitosi di fatto una città nella città .Lasciata Firenze, giungiamo a Pescara,con Romano De Marco ed la vicequestore Laura Damiani. Un De Marco quasi romantico nel descrivere il mare a settembre. Infine, una veloce emigrazione verso Londra, perché Luca Crovi ci prta verso, niente meno che Sherlock Holmes ed il suo creatore. Le ultime considerazioni non possono non essere sull’elemento che unisce i 12 autori: l’emergenza sanitaria e le modificazioni intercorse nel tessuto sociale con conseguenze del tutto  imprevedibili:da una parte gli effetti benefici della reclusione forzata con la riscoperta di leggere i libri, della musica da ascoltare, cucinare …. ma dall’altra parte l’accapparamento di generi alimentari come se dovesse finire il mondo; l’emergenza sanitaria che accentua la crisi ed i suoi effetti sui più deboli; le zone rosse; il non stringersi la mano; città chiuse a doppia mandata; il tempo scadenzato dall’arrivo della chiusura obbligata, del lockdown; l’” andrà tutto bene “ …. forse. Comunque una buona lettura davvero per, tra l’altro un obiettivo da raggiungere, un obiettivo importante.

Dello Stesso Genere...
Noir
rcolombo
Milano disillusa

  Milano ha un nuovo pulotto, il commissario Negri. Nella migliore tradizione investigativa veste male, fuma peggio, beve troppo e ha un passato doloroso con

Leggi Tutto »
Noir
anoseda
Solo per scelta

Recensione di Alessandro Noseda “Solo per scelta” non e’ un noir,  un giallo, un poliziesco, neppure un legal-thriller: e’ un romanzo d’amore. L’indagine e’ solo

Leggi Tutto »

Lascia un commento