Genere:
Il tradimento è delitto
Angela Savino, agente immobiliare di Locorotondo che con il bandito Mazzacani sta trattando la compravendita di un castelletto nelle campagne, assolda il bandito e il suo secondo, Luigi Mascione, per scoprire la verità sulla morte del fratello Riccardo, bancario irreprensibile e dalla reputazione limpida. Nel tentativo di venire a capo di un suicidio a dir poco sospetto in una zona ad alto tasso criminale, Carlo Mazzacani e Luigi Mascione cominciano a cercare negli ambienti della Sacra Corona Unita e in quelli della mala barese. Nella nuova puntata della sua serie, muovendosi tra l’alta finanza, le cosche locali e la malavita internazionale, Leonardo Palmisano svela un enorme giro di denaro, di collusioni e di compromessi, entrare in contatto con i quali può costare la vita. Un libro per chi crede nel principio “follow the money”.
Un complicato affare per il bandito Mazzacani

Nuovo capitolo descritto da Palmisano con protagonista il bandito Mazzacani, un bandito fuori dai ruoli prefissati dalle regole imposte dalle leggi del crimine, che si presenta come “ uno che svaligia le banche “.  Un capitolo che ci porta in un’analisi su cos’è la criminalità organizzata in Puglia, cos’è la Sacra Corona Unita. Cos’è quell’ idioma,quel caffè di mandorla e ghiaccio, quelle pennette fresche di semola di Manduria con pesto di zucchine, usato in quelle terre, terre di un territorio cosiddetto attenzionato, con i muri degli edifici riempiti di effigi che rappresentano i volti delle giovani vittime, vittime della guerra tra clan e dei clan contro le istituzioni, dove vige una tranquillità, che è solo apparente, visto che in realtà è solo e soltanto il rigido controllo del territorio. Brindisi, Lecce e Salento, con il suo turismo di massa, nessuna località sfugge all’illecito. Certo l’idioma, certo le prelibatezze culinarie, ma perché non la xylella che attacca gli olivi e gli effetti collaterali che produce sull’ economia agricola di quei luoghi. Traffici che vedono interessare il Banco di Levante,Banco, sotto osservazione dell’Ufficio delle Informazioni finanziarie, che induce i propri correntisti a divenire azionisti di fondazioni già fallite, fondazioni fantasma; la finanziaria che pratica l’usura e la figura dell’ex pugile supermassimo Luigi Mascione; il contrabbando di sigarette passaggio obbligato, visti gli sviluppi degli interessi illegali, verso l’eroina. Il tutto si svolge attorno a quei malcapitati che sono passati alla storia, anzi digeriti dalla storia, di questi ultimi anni, cioè i correntisti anonimi, malcapitati sui quali si consuma il lavaggio internazionale di denaro sporco ed un vero e proprio terrorismo finanziario, sistema vecchio ma efficace e vincente. Traffici illegali che travalicano il livello finanziario per approdare ai rapporti tra il narcotraffico albanese e la cupola sacrista, con la sezione di massima di sicurezza del carcere di Lecce nel quale si svolge tutto e di più, ma non solo cosche albanesi abbiamo anche narcotrafficanti di Sinaloa, Messico. Ma non possiamo non parlare della procuratrice che indaga su quanto sta avvenendo, la procuratrice che si allena con il judo e fa della corsa il modo per scaricare la stanchezza che accumula nello studiare l’inchiesta in corso e dei meccanismi che portano esponenti di primo piano degli addetti alla tutela dell’ordine pubblico, ad accumulare patrimoni illeciti. Comunque una storia, una brutta storia, di tradimenti, di organizzazioni malavitose, di alta finanza, finti omicidi, sui quali Mazzacani, bandito in proprio, indaga; di poliziotti corrotti come del resto un  mondo finanziario alle dipendenze delle mafie.

Dello Stesso Genere...
Il fiume di porta via
Noir
elio.freda
Il fiume ti porta via

Recensione a cura di Fulvio Luna Romero È un incedere lento, alle volte doloroso. Una massa d’acqua e di sensazioni che si muovono apparentemente placide,

Leggi Tutto »

Lascia un commento