Genere:
L’anno dei misteri
È il 6 gennaio del ’69 e molti italiani si preparano a vedere la «finalissima» di una delle trasmissioni più popolari e seguite, Canzonissima. Anche il commissario Bordelli si siede davanti al televisore per godersi la serata, ma una telefonata della questura lo strappa dalla poltrona e lo costringe a uscire di casa: una ragazza è stata uccisa, proprio mentre andava in onda la sigla… zum zum zum zuuum zum. Da quel momento le giornate del commissario si complicano, altri misteri dovranno essere risolti. Uno in particolare lo tormenta: la terribile vicenda del maniaco omicida che ha già ucciso sei prostitute, tutte e sei bionde, di media statura, una ogni nove mesi esatti. Bordelli si sente affaticato, e in mezzo alle ricerche concitate cerca di ritagliarsi momenti di tranquillità e di riflessione nel silenzio del bosco, che i versi degli animali rendono ancora più vero e profondo. Tra poco più di un anno andrà in pensione, e teme di lasciarsi alle spalle dei casi insoluti…
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Edoardo Todaro

Eccoci  di fronte alla nuova indagine del commissario Bordelli ed al suo creatore Marco Vichi. Il nuovo giallo ha un titolo diciamo importante: “ L’anno dei misteri “. Un anno  che è il 1969, e non poteva essere diversamente visto cosa quell’anno ha rappresentato per l’Italia e non solo: dallo sbarco sulla luna alle proteste studentesche / operaie “ …. niente sarebbe stao più come prima ….”; dal Che Guevara al Viet-Nam alla primavera di Praga; ai servizi segreti locali che tramano perché l’Italia non prenda una svolta troppo progressista, e qui ritroviamo il colonnello Arcieri preso in prestito da Leonardo Gori  …. e perché no … canzonissima e la sua finale. E’ proprio la finale di canzonissima, e la sua sigla iniziale, che diviene, di fatto, protagonista.  Tutto accade o può accadere ma nessuno si accorge o si rende conto di niente: perché? Perché tutti sono incollati al televisore a vedere la finale e scoprire chi vincerà. Ecco che  quindi si entra in quanto accade e si sviluppa nel romanzo: una ventitreenne assassinata, come altre, prostitute e bionde, oggi assisteremo  alla corsa dei vari mezzi d’informazione nel definire l’omicida un serial killer o vari assassinii come “ femminicidio “, ma come detto siamo nel ’69. Un commissario, Bordelli, ormai sessantenne vicinissimo al pensionamento …. ed ad andare in pensione senza risolvere un caso non ci pensa proprio, che segue più la propria coscienza che la legge aiutando ladruncoli, contrabbandieri con l’ironia come strumento fondamentale di supporto ecc…. che non solo  trova l’energia vitale grazie ad una Eleonora ….. che ha 30 anni in meno e che detta tempi e modi del loro rapporto sul quale si può permettere di filosofeggiare,  ma che continua a gozzovigliare con cene esagerate annaffiate dal buon vino dal lesso rifatto con le cipolle e con l’ inseparabile maggiolino che lo scorrazza a destra e manca. Vichi scrive pagine molto importanti nell’avvicinare il lettore ai luoghi della resistenza e della successiva liberazione di Firenze: Abbazia di Monte Scalari; Pian d’Albero; la casa colonica della famiglia Cavicchi ( contadini impiccati nel giugno del ’44 dai tedeschi ), Ponte agli Stolli; il bosco dove affiorano i corpi dei partigiani impiccati. Il bosco luogo scelto da Bordelli per godersi la tranquillità meritata con il suo fedelissimo cane, Blisk. In queste pagine non troviamo solo il comm Bordelli con le proprie indagini impegnative ma troviamo anche riferimenti  sulle sue elucubrazioni mentali rispetto all’amore, sul come si scrive e cosa si scrive “ …. quello che leggiamo deve cambiarci, altrimenti a che serve … “ Un Bordelli che non smettendo le vesti di commissario diviene psicologo nell’intestardirsi a capire come un uomo può diventare un mostro e che si confronta con i sentimenti “ malati “ che fanno muovere il mondo. Ultima notazione dovuta alla “ Settimana Enigmistica “ che fa sviluppare nuovi livelli di attenzione …. come nelle indagini.

 Avanti con la prossima

Dello Stesso Genere...
Noir
fmancini
Il giorno degli orchi

Aurora è una splendida ragazza di 16 anni, brillante, con ottimi voti a scuola e un fascino che ammalia uomini di ogni età e attira

Leggi Tutto »
Noir
arezzonico
Negli occhi di Timea

Tablet, telecamere di controllo, emulatori di smartphone, sono una presenza ormai costante nella nostra vita. Su questi schermi scorrono semplici pallini colorati, puntini in continua

Leggi Tutto »

Lascia un commento