Genere:
Il cacciatore di occhi
Frank Lahmann e Zarin Suker hanno molto in comune: sono due psicopatici, crudeli, spinti da un desiderio di morte e vendetta che affonda le sue radici malate nella loro infanzia. E, per diverse ragioni, sono ossessionati dagli occhi delle loro vittime. Alina Gregoriev, una fisioterapista cieca, ha il compito di trovare le prove per incastrare Suker, interrompendone la catena di violenze. Alexander Zorbach deve trovare a ogni costo il serial killer Lahmann, che ha ucciso sua moglie e gli ha rapito il figlio. Ma l’uomo, che la stampa ha ribattezzato il “Collezionista di occhi”, sembra conoscerne in anticipo le mosse, e si diverte a giocare con lui come il gatto col topo. Alina e Alexander hanno già lavorato insieme, e insieme hanno scoperto chedietro i delitti del Collezionista c’era Lahmann. Ma ora sono presi tra due fronti, e con il crescente sospetto che i loro nemici, ben lungi dall’essere ignari uno dell’altro, agiscano seguendo un unico, folle disegno.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Torna in libreria Fitzek e lo fa cambiando casa editrice. Einaudi infatti pubblica il nuovo lavoro che viene definito come ”il secondo capitolo indipendente dal primo”. In effetti i protagonisti sono gli stessi del precedente romanzo alle prese questa volta con un altro squilibrato. Avendo letto tutti i libri sin ora editi dal giovane tedesco, potrei essere considerato un estimatore dell’autore. Ebbene, ciononostante considero questo il peggior libro di Fitzek e stavolta, è questo l’aspetto che mi fa più paura. Mi aveva abituato troppo bene, regalandomi libro dopo libro piacevoli certezze. Questo libro invece fa acqua da tutte le parti. Resta sempre degna di nota la sua capacità di scrivere e di coinvolgere il lettore, poiché il libro si finisce e anche presto. Stavolta però non ci sono innovazioni, anzi per tanti versi sembra di leggere la sceneggiatura di uno degli episodi della saga di Saw (per chi non avesse visto nessun episodio, in estrema sintesi, uno psicopatico che pone le sue vittime sempre di fronte ad una scelta, il più delle volte una tortura, per salvare la vita). Anche sul versante colpi di scena, non ci siamo affatto (non vado oltre per non rovinarvi la lettura). Un romanzo scontato, ampiamente prevedibile in cui serpeggiano tra le pagine atroci torture, fini a se stesse. Non è uno thriller psicologico così come ci aveva abituato, ma una serie di violenze atte forse ad impressionare e basta. Ad ogni modo, se volete leggerlo, fatelo dopo “Il gioco degli occhi”, sia perché è di tutt’altro spessore, sia perché la prima pagina di questo ultimo romanzo riassume il precedente. Nel caso in cui, invece, non abbiate letto nulla di questo autore, il mio consiglio spassionato è di non cominciare da “Il collezionista di occhi”.

Votazione : 2,5/5

 

Dello Stesso Genere...
Thriller
elio.freda
L’alienista

“L’Alienista” è un romanzo definito ‘thriller intelligente e carico di atmosfera’. Io aggiungerei anche originale. Fa parte di quei libri un po’ particolari, che magari

Leggi Tutto »
Thriller
arezzonico
Febbraio gelido

“Amo infiltrarmi in qualsiasi chat altrui, conosco il web e posso visitare siti, visionare foto in maniera disinibita. Traccio qualsiasi tipo di conversazione e i

Leggi Tutto »

Lascia un commento