Genere:
Scrivere uccide
Taormina. William, un giornalista della provincia siciliana, ha il vizio di scrivere racconti. Due di essi, ucronici, e a distanza di anni l’uno dall’altro, si realizzano tali e quali all’indomani della loro stesura (non della loro pubblicazione): uno sulla morte di Berlusconi e uno su quella di Saviano. William impazzisce, ma tenta lo stesso di scoprire cosa c’è sotto. Quale Male può nascondersi, infatti, dietro tanto potere? La mafia? Una setta? Una forza soprannaturale? Niente di tutto ciò? Ma soprattutto: quando tutto sembra perduto, cosa sarà disposto a fare il protagonista per riprendersi la sua vita, il libero arbitrio su di essa, per riappropriarsi, insomma, del suo destino di scrittore? William capisce che non gli resta che prendere di petto il Male, mettendo letteralmente la parola “fine” a tutto, inventandosi cioè un epilogo della sua stessa vita. Prima, però, deve raccontare tutto ciò che gli è successo. Solo così la sua uscita di scena avrà un senso. Quindi, ha bisogno di un testimone. Così, si affida ad un Lettore, che alla fine prenda in consegna il suo manoscritto, entri nella storia e la pubblichi, facendola conoscere ai posteri. La fine, tuttavia, non sarà così scontata come sembrava dovesse essere, come cioè se l’era immaginata William medesimo. Anzi, la scena finale rimette tutto in discussione, compresi i concetti di destino, fato e caso del protagonista, da cui partirà il sequel.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Il racconto di Antonio Magrì ha dalla sua parte sicuramente due caratteristiche: l’originalità e la capacità di osare. Da un punto di vista tecnico, infatti, L’Autore si serve di alcuni stratagemmi per catturare l’attenzione del lettore e per “traspostarlo” sempre di più all’interno della vicenda, coinvolgendolo a 360°. L’originalità, più che nella trama in se, l’ho vista nella struttura narrativa, in una ricerca del dettaglio non fine a se stesso, nella capacità di tratteggiare appena dei personaggi che risultano però molto verosimili. Forse un pochino lento nella parte iniziale, ma letteralmente esplosivo nel suo culmine con un finale sorprendente nella sua costruzione e nella scelta di regalare un epilogo che ritengo elegante ed appropriato. Non è un racconto semplice e immediato, non una lettura da “comodino” per intenderci ma sicuramente una prova coraggiosa e, a parer mio, ben riuscita. Racconto molto suggestivo.

 

 

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Requiem per un killer

Milano: la Comasina, Baggio, Corvetto, Via Padova, la sua periferia, il convivere con la morte omicida nonostante i suoi abitanti non l’accettino … altrimenti dove?

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
L’ELEGANZA DEL KILLER 

RECENSIONE a cura di Edoardo Todaro. Nuovo e decisamente interessante appuntamento con Paolo Roversi ed il suo giornalista hacker Enrico Radeschi. Qualcuno avendo seguito ciò

Leggi Tutto »

Lascia un commento