Genere:
Qualcuno mi spieghi dov’è finita la ragazza del pub
Uno stravagante avvocato si aggira per le strade di Londra una ragazza misteriosa rapisce il suo cuore e poi scompare. Un’indagine strampalata e strappalacrime come non se ne erano lette prima. Attaccarsi alla bottiglia è il miglior modo con cui Gary Thorn riesce a ottenere qualunque risultato, che sia passare una serata o risolvere casi impossibili. Ma andiamo con ordine: Gary, il nostro protagonista, non è proprio un tipo anonimo, ma è anche vero che raramente qualcuno si sofferma più di tanto a guardarlo. Una sera, va a bere una birra con il suo (unico) amico Brendan. Il quale, però, lo molla a metà pinta; a quel punto una brunetta si avvicina a Gary (strano!), comincia a flirtare (ancor più strano!), finché, appena lui si volta dall’altra parte… anche lei sparisce. Lasciando dietro di sé solo un libro, lo stupido bestseller dalla copertina orrenda che tutti, ma proprio tutti, sembrano avere nella borsa, in quel periodo. Quando il giorno dopo Gary viene a sapere che il suo amico è scomparso, capisce che sta succedendo qualcosa di un tantino strano. Che c’entri la misteriosa ragazza del pub? E l’amico, che fine ha fatto? Difficile da dire. Soprattutto perché Gary è un detective imbarazzante, con scoiattoli e vecchiette come aiutanti, e se può prendere un granchio lo prende. Sempre. Dal comico più amato in Inghilterra, un giallo che fa morire dal ridere, e in cui, nonostante tutto, a salvare capra e cavoli sono – pensate un po’ – i libri.
Un giallo da morire (dal ridere)

A volte capita di leggere un romanzo che non è nelle tue corde. Spesso si dice che è capitato tra le mani il romanzo sbagliato o che non si adatta al momento storico che stai vivendo. Lunga premessa per dire che ho trovato questo “Qualcuno mi spieghi dov’è finita la ragazza del pub” un romanzo insulso, noioso e per nulla divertente. La copertina promette un giallo che farà morire dal ridere, ma di giallo in questo libro non v’è traccia (se non per il colore scelto in copertina per il nome dell’autore); per quanto riguarda il “morire dal ridere” poi, beh, siamo lontani anni luce.

Qualcuno mi spieghi dov’è finita la ragazza del pub è un romanzo che dovrebbe avere nel protagonista il suo punto di forza, ma come spesso accade al cinema, anche l’attore più quotato se costretto a recitare il nulla cosmico, alla fine non riesce nell’impresa.

Qualche spunto qua e là c’è, qualche situazione che strappa un (timido) sorriso non manca, ma non credo siano elementi questi sufficienti ad etichettare il libro come un “giallo leggero”, ribadito poi, se non fosse abbastanza chiaro il concetto, che un “giallo” è tutta un’altra storia: non basta far sparire qualcuno e insidiare il sospetto di omicidio.

La trama di questo romanzo sembra basata su caso e improvvisazione, qualità fondamentali nell’esibirsi dal vivo per un comico, ma non altrettanto utili alla stesura di un buon romanzo; i colpi di scena escono dal cilindro come conigli dopo aver inserito nel cilindro persone scomparse, chiavette a forma di pannocchia, personaggi strampalati e quasi mai in linea con il ruolo assegnato, e aver agitato per bene.

Vi lascio con il vero mistero che aleggia attorno ad un libro del genere: non si fosse trattato del romanzo d’esordio di un noto comico, avrebbe veramente trovato un editore?

Dello Stesso Genere...
Thriller
mbaldi
Luna rossa

AVVERTENZA: Se non avete letto il libro precedente “Il coltello” NON leggete la recensione! Harry Hole: ero molto preoccupata alla fine del romanzo precedente, “Il

Leggi Tutto »

Lascia un commento