Genere:
Lo sparo – Le indagini di Selma Falck 
Una donna uccisa brutalmente con un colpo partito da lontano, una giudice della Corte suprema trovata impiccata e un politico morto in circostanze misteriose. Stavolta, per scoprire la verità, Selma Falck dovrà farsi largo tra abusi di potere, tragedie personali e un’infinità di bugie. A una festa tra vecchi amici Selma Falck viene ferita da un cecchino e la sua migliore amica, la parlamentare Linda Bruseth, viene uccisa. La polizia è convinta che l’obiettivo principale fosse proprio l’avvocata, ma dopo il ritrovamento del cadavere di un secondo membro del parlamento e di una giudice della Corte suprema, Selma comincia a intravedere una trama oscura fatta di vendette, complotti e una feroce premeditazione nella scelta delle vittime. Mentre si propone di vendicare la morte dell’amica e scoprire la verità dietro la cospirazione, la sua stessa vita, ancora una volta, è seriamente minacciata. In questo caso, però, il pericolo potrebbe essere piú vicino di quanto avrebbe mai immaginato.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione di Mary Basiricò

Anne Holt oltre ad essere una delle più importanti scrittrici di gialli scandinavi, è avvocato, giornalista e dal 1996 al 1997 ha ricoperto il ruolo di ministro della Giustizia norvegese. Le sue due serie, incentrate sui detective Johanne Vik e Yngvar Stubø, e l’ispettore di polizia Hanne Wilhelmsen, hanno venduto milioni di copie.

Con La pista, La tormenta e Lo sparo ha preso il via una nuova appassionante serie gialla, con protagonista l’investigatrice privata Selma Falck. Questo libro rappresenta quindi il terzo della serie dedicata alla Falck, ma si può leggere tranquillamente anche senza aver letto i precedenti in quanto  sono riassunti i punti salienti.

Il lettore viene fin dalle prime pagine catapultato nell’intricata trama tessuta dalla scrittrice, un momento di allegra convivialità viene brutalmente rovinato da uno sparo che ferisce a morte la politica Linda Bruseth e di striscio la nostra Selma. Ma chi era il vero bersaglio? Questa è la prima domanda che tutti si pongono. Il mistero deve essere svelato così da poter indagare sul movente dell’omicidio. La Falck grazie alla sua carriera ha pestato qualche callo, ha già rischiato la vita più volte, come si evince dai romanzi precedenti, ma chi rischierebbe un atto così plateale per colpirla? E se il bersaglio invece fosse proprio quella Linda Bruseth, facente parte del gruppo laburista, politica ai margini, spostata qua e là e poi finalmente parcheggiata alla Commissione Famiglia e Cultura? In definitiva una sconosciuta per gli elettori.

Il ritrovamento del cadavere di Kajsa Breien, giudice della Corte Suprema, impiccata in un bosco appena fuori il centro abitato e di un secondo membro del Parlamento, scuotono sia il mondo politico che sociale. L’indagine si apre sul complicato mondo della gestione dei minori, sui Servizi Sociali e sulle possibilità degli stessi di intervenire in caso di situazioni di degrado e incuria parentale.

Oltre a Selma, troviamo diversi altri altri personaggi che reggono la trama, sono ben descritti e interessanti. La protagonista è una donna volitiva, risoluta, ma anche fragile. Deve fare i conti con la paura della morte e con la figlia Anine, cui il rapporto è alquanto complesso. Il lettore non può che provare simpatia per lei, per il suo senso di giustizia e la ricerca della verità.

Il romanzo è corposo, il lettore ritrova una Norvegia complessa, dove la realtà non è un mondo idilliaco, ma dove ognuno è chiamato a fare la sua parte per difendere i valori e i diritti dell’uomo.

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Un caso maledetto

Se con “ L’anno dei misteri “, la precedente indagine del commissario Bordelli, l’anno di riferimento era il 1969 e la finale di canzonissima; con

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
IL TEMPO DELL’ODIO

RECENSIONE  a cura di Edoardo Todaro: Inizii a leggere “ Il tempo dell’odio “ e ti ritrovi di fronte a cose scritte da Stephen King,

Leggi Tutto »

Lascia un commento