Genere:
L’eredità di Agneta
Stoccolma, 1913. Dall’ultimo violento litigio con i genitori a Natale, Agneta ha chiuso ogni rapporto con la famiglia di origine, rinunciando al titolo nobiliare di contessa di Löwenhof e trasferendosi in un piccolo appartamento nel quartiere studentesco della capitale. A venticinque anni, il suo sogno non è certo sposarsi con un buon partito, ma studiare per diventare pittrice, lottare per il diritto di voto insieme alle amiche femministe e, soprattutto, vivere liberamente le sue passioni, compresa quella per Michael, aspirante avvocato. Finché una mattina un telegramma le porta una notizia destinata a cambiare completamente il corso della sua vita: il padre e il fratello sono rimasti coinvolti in un incendio, e la madre le chiede di tornare subito a Löwenhof. Inaspettatamente, i verdi prati, i boschi imponenti, i recinti dei cavalli e la bianca villa padronale suscitano in lei una strana malinconia. Ancora non sa che la situazione è molto più grave del previsto e che sarà posta di fronte a una scelta: prendere la guida della tenuta o continuare a inseguire i suoi sogni di libertà. Dilaniata dal dubbio che l’incendio sia stato doloso, tormentata dalla madre che vorrebbe vederla sposata con un aristocratico, Agneta troverà sostegno solo in Max, il giovane amministratore delle scuderie da cui si sente pericolosamente attratta…
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Il romanzo inizia con la narrazione della quotidianità di Agneta, una ragazza ribelle che ha ben chiaro cosa vuole dalla vita, nonostante il suo status di donna in una famiglia di nobile discendenza. Il destino però ha in serbo per lei un’altra strada, e così sarà costretta a rinunciare innanzitutto all’amore e poi anche alla sua libertà. In questa fase iniziale del romanzo, la forza d’animo della ragazza e il suo senso di responsabilità, prendono il sopravvento sul suo istinto, e il lettore vive insieme a lei l’angoscia dell’essersi ritrovata improvvisamente alla guida di quella famiglia e della proprietà a cui aveva rinunciato per i suoi sogni. Molto belle le ambientazioni descritte dall’autrice: la natura che circonda la tenuta, l’amore di Agneta per i cavalli, i progressi della medicina nel piccolo ospedale finanziato dalle donazioni della sua famiglia.

Ho apprezzato particolarmente la descrizione degli stati d’animo dolorosi della protagonista. Un dolore che lei vive fisicamente, e che l’autrice riesce a descrivere molto bene, mettendo nero su bianco il netto contrasto tra le emozioni tangibili di Agneta e l’atmosfera soffocante e artefatta della casa in cui vive con sua madre e i domestici.

La descrizione del lavoro delle cameriere al servizio di Agneta e sua madre, offre a chi legge uno spaccato di vita lussuosa e agiata, segnata però dal silenzio e dalla rigidità di alcuni comportamenti imposti. Lo spirito indomito della ragazza nonostante la situazione che vive, esce fuori nella relazione con l’affascinante Max, l’amministratore delle scuderie, che farà vivere ad Agneta una storia di passione travolgente. Un libro delicato, dove tutta la narrazione si mantiene eterea e sospesa nell’atmosfera fredda della tenuta. Anche i colpi di scena sono raccontati con naturalezza, senza marcare troppo sull’effetto sorpresa, per mantenere costante la fluidità di un racconto immerso in un’altra epoca. Anche il finale è dettato dalla ragionevolezza, da una ritrovata armonia e maturità della protagonista.

 

Dello Stesso Genere...
Rosa
arinaldi
Gioco Reale

Uno sguardo, poche parole e un incontro si trasformano in una favola, una Cenerentola, per essere più precisi un Cenerentolo dei tempi moderni. Logan e

Leggi Tutto »
Rosa
pvaralli
Forse ho sognato troppo

Ho letteralmente adorato “Ninfee nere” che ritengo (e non sono la sola) il capolavoro indiscusso di Bussi nonché uno dei libri più belli mai letti

Leggi Tutto »
Giallo
mbaldi
Una festa in nero

Alice Basso ci ha abituate ai personaggi a tempo. Le sue serie non vanno oltre i cinque libri, è un suo tratto distintivo, del resto

Leggi Tutto »

Lascia un commento