Genere:
Delitto in riva al mare
Il corpo senza vita di Elena Perna, una ragazza di diciannove anni, viene trovato riverso su una spiaggia di Salerno. Il caso viene affidato al commissario Massimo Trotta e a Lidia Basso, psicologa forense e consulente della questura. Le indagini assumono da subito dei contorni a dir poco inquietanti. Lidia e Massimo ricevono infatti una chiamata dal Santacroce, una struttura che ospita giovani pazienti psichiatrici: un diciassettenne di nome Matteo fa da giorni disegni che sembrano ritrarre proprio Elena, la ragazza che è stata uccisa. Senza averla mai vista. Nessuno, in quel reparto del Santacroce, ha contatti con l’esterno né con i mezzi di informazione. Lidia fa di tutto per avere un colloquio con Matteo. La sfuggente personalità del ragazzo la affascina, ma a irretirla è la storia di cui in passato è stato protagonista. Una vicenda segnata da indicibili sofferenze e violenze inimmaginabili, nota alle cronache come “La casa degli orrori”, sulla quale aleggiano ancora interrogativi destinati a non trovare risposta. Com’è possibile che ci sia un legame tra Elena e Matteo? Eppure, nelle sue allucinazioni, sembra nascondersi una chiave per individuare l’assassino…
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Un thriller agghiacciante in cui Lanzetta ci conduce mettendo in evidenza un tema così delicato: la psiche umana. Non esiste nulla di più complesso del cervello umano, delle sue devianze e delle sue zone d’ombra. La storia percorre una realtà soprannaturale che trascina il lettore in un vortice di puro terrore in quanto uno dei protagonisti principali possiede una dote particolarmente dolente e forse la peggiore delle torture: la visione dei defunti. Uomini o donne che richiedono l’aiuto di Matteo, un ragazzino rinchiuso in manicomio a causa di un terribile crimine omicida commesso quando era solo un bambino. Il ragazzo esprime la propria stramba empatia attraverso il disegno ritraendo la ragazza morta su cui la procura di Salerno sta indagando. Lidia Basso nota psicologa forense indaga sul caso stringendo con Matteo un rapporto basato sulla fiducia reciproca.  Ed è proprio qui che entra in gioco la vera natura di entrambi i protagonisti che si ritroveranno a confrontarsi con il passato che li ha maledettamente segnati; un trascorso che li perseguita e li rende simili in un destino inaspettato.

L’apparenza inganna e la vera follia si nasconde sotto mentite spoglie. Questi aspetti sono determinanti nella storia e l’autore ancora una volta è riuscito a sorprendermi. Un romanzo con dei forti richiami al genere horror, vorrei citarne uno dei maestri come Edgar Allan Poe, del quale ancora oggi molti autori prendono spunto per le loro opere.

Dello Stesso Genere...
Thriller
Regina Cesta
Il Maestro dei sogni

Marco De Franchi ritorna dopo “ La condanna dei viventi” con questo nuovo, oscuro e travolgente thriller. Ritroviamo Valentina, Loris, Gabriele e Fabio e li

Leggi Tutto »
Thriller
mbasirico
LA TERAPEUTA

Romanzo d’esordio per la norvegese Helene Flood, di professione psicologa come Sara, la protagonista di questo thriller. Sara abita con il marito in una grande

Leggi Tutto »

Lascia un commento