Genere:
Addicted
Rebecca Stark è una brillante psichiatra londinese che ha messo a punto un innovativo sistema per guarire la gente dalle proprie ossessioni. Il metodo Stark è così efficace che un magnate russo, Grigory Ivanov, decide di affidarle la conduzione della Sunrise, la prima di una serie di cliniche all’avanguardia, disseminate in tutto il pianeta, che aiuteranno le persone ad affrancarsi dalle loro peggiori addiction. Viene così lanciata una campagna pubblicitaria a livello mondiale. Il primo centro apre in Italia, in Puglia, all’interno di un’antica masseria ristrutturata, circondata da campi e ulivi. Un posto perfetto per accogliere i pazienti che, come parte integrante della cura, dovranno lavorare, cucinare e dedicarsi alle pulizie. Vivranno, insomma, come una piccola comunità isolata. Fra le centinaia di richieste che arrivano vengono selezionati sette candidati da diversi Paesi: Lena Weber, ossessionata dalla perfezione fisica; Jian Chow, web designer e hacker voyeur; Rosa Bernasconi, una ragazza tecno dipendente; Claudio Carrara, giocatore d’azzardo compulsivo; Julie Arnaud, manager ninfomane; Tim Parker, trader cocainomane; e, infine, Jessica De Groot, autolesionista. All’inizio della terapia tutto sembra girare nel migliore dei modi ma, ben presto, alcuni pazienti scompaiono misteriosamente. Complice una pioggia torrenziale che tiene segregati gli ospiti, impedendogli la fuga e ogni contatto con l’esterno, comincia da quel momento un macabro gioco al massacro. Roversi architetta un thriller teso e avvincente che indaga nei meandri più reconditi della psiche umana e nei suoi lati oscuri e inconfessabili: le dipendenze.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Rino Casazza

Le dipendenze sono il problema psichiatrico, ma si potrebbe dire esistenziale, del nuovo millennio. Coloro che, sempre in numero maggiore, ne sono affetti, gli “addicted” del titolo del romanzo, cadono in preda alla schiavitù di ripetere e ripetere la stessa attività: giocare d’azzardo, drogarsi, fare sesso (reale o virtuale), masturbarsi, ferirsi, insomma praticamente qualsiasi cosa, con l’unico comun denominatore di riempirsi la vita di una totalizzante ossessione.

Costoro esistevano anche nell’epoca precedente alla globalizzazione della rete, e si chiamavano maniaci, o monomaniaci, ma erano un fenomeno in qualche modo ristretto e marginale; oggi la condivisione universale di qualsiasi contenuto risucchia molte più persone nel solipsismo, allontanandole dai rapporti umani e sociali, e spingendole nel vortice di appagamenti sostitutivi in apparenza autosufficienti che, invece, portano alla distruzione di sé.

“Addicted” parte come un’immersione nel mondo torbido delle dipendenze, conducendo il lettore dentro un’iniziativa sperimentale nella cura delle stesse: una clinica, chiamata “Sunrise”, alba in italiano, immersa nella profonda campagna pugliese, dove gli “addicted” possono disintossicarsi tornando alla vita agreste in un’esperienza di gruppo lontana dalle tentazioni della quotidianità.

Il tutto sotto la guida della dottoressa Rebecca Stark, psichiatra terapeuta specializzata nella materia, e con gli ingenti mezzi finanziari messi a disposizione da un milionario ex addicted, Grigory Ivanov, guarito grazie al “metodo Stark” e deciso a investire per diffonderlo su vasta scala.

Ben presto la storia, complice il voluto, totale isolamento della struttura medica, vira verso una classica situazione del mistery, inaugurata da Agatha Christie nel suo “Dieci piccoli indiani”: la decimazione progressiva dei membri di una piccola comunità ad opera di un assassino, certamente uno di loro, che fino all’ultimo non si riesce a identificare.

Inevitabile l’instaurarsi di un clima di tensione e sospetto reciproco, acuita dalla mancanza di un investigatore, cui non c’è tempo di rivolgersi prima che lo “sterminio goccia a goccia” finisca.

Ricordiamo, a merito della grande scrittrice britannica, che la Christie inventa la situazione, e contemporaneamente la supera portandola alle estreme, paradossali conseguenze: in “Dieci piccoli indiani” alla fine non rimane nessuno, ma allora chi è il colpevole?

In “Addicted” lo stress derivante dalla minaccia sconosciuta e apparentemente inarrestabile, che si ritrova in tutte le declinazioni del tema (e pensiamo ad alcuni famosi esempi cinematografici, come “La Cosa” di John Carpenter, o l’intero ciclo di “Scream” di Wes Craven) trova un moltiplicatore nella circostanza che i protagonisti sono psicopatici ancora fissati nella loro mania temporaneamente sospesa e dunque più ambigui e imprevedibili di una persona sana di mente.

Perché uno di loro uccide? Qual è il suo scopo? E c’è uno scopo?

Questi dubbi finiscono per travolgere lo staff medico e di servizio, incapace di contrastare l’imprevisto (o fin troppo annunciato?) sviluppo poiché la situazione “simil piccoli indiani” non perdona: il tutti contro tutti coinvolge nel sospetto e nelle paranoie medici e pazienti.

Sull’evolversi dell’intreccio dal punto di vista “giallo” nulla diremo, per non togliere al lettore il gusto di arrivare senza anticipazioni allo scioglimento finale.

Un doveroso cenno a quella che a tutti gli effetti va considerata coprotagonista del romanzo: l’incontaminata bellezza della terra di Puglia con i doni della sua agricoltura, di cui salutisticamente si cibano gli abitanti della ex masseria trasformata in centro curativo.

Memorabile anche la messa in scena del lato sgradevole ed anzi violento di una natura così predominante, con una specie di diluvio universale che nel momento topico della storia si abbatte sulla clinica facendo addirittura temere che a completare il lavoro del misterioso assassino siano le spalancate cateratte del cielo.

Dello Stesso Genere...
L'uomo perduto
Thriller
vbarletta
L’uomo perduto

L’uomo perduto è l’ultimo romanzo pubblicato nell’ottobre 2020 dalla giornalista australiana Jane Harper. Il protagonista della vicenda è Nathan Bright, un uomo molto triste, ombroso e

Leggi Tutto »
Thriller
elio.freda
Non voltarti indietro

Ecco un altro autore che andrebbe presentato a dei corsi di scrittura per analizzare la sua capacità di costruzione della storia. Barclay è secondo me

Leggi Tutto »

Lascia un commento