Deprecated: preg_replace(): Passing null to parameter #3 ($subject) of type array|string is deprecated in /home/gialloec/public_html/wp-includes/kses.php on line 1744

“Non ci resta che il crimine” (2019) di Massimiliano Bruno


Deprecated: preg_replace(): Passing null to parameter #3 ($subject) of type array|string is deprecated in /home/gialloec/public_html/wp-includes/kses.php on line 1744
Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
locandina

a cura di Domenico Livigni

Tre amici romani, Sebastiano (Alessandro Gassman), Moreno (Marco Giallini) e Giuseppe (Gianmarco Tognazzi), tentano di sbarcare il loro lunario proponendosi come guide turistiche di uno strano e “strepitoso” tour, alla scoperta dei luoghi legati alla famigerata banda della Magliana, un’associazione criminale sviluppatasi a Roma negli anni ‘80. I tre sono pronti per lanciarsi in questa impresa e a trasformare il tour in una macchina da soldi. Durante una pausa caffè, i tre amici, per sfuggire alle critiche del loro amico Gianfranco (Massimiliano Bruno), si infilano in un cunicolo spaziotemporale che li catapulta all’epoca in cui erano bambini: giugno 1982. L’anno dei Mondiali di calcio e il periodo più acceso e temibile della vera Banda della Magliana, che all’epoca gestiva le scommesse clandestine sulle partite di calcio.

Grande successo d’incassi, il titolo Non ci resta che il crimine è un esplicito omaggio all’ironia del cult assoluto Non ci resta che piangere, il crimine, invece, fa parte di tutto l’intreccio del film. E vi è sicuramente anche un omaggio a Ritorno al futuro nella corsa contro il tempo per ritornare al presente. Vari omaggi che sono riscontrabili nella commistione del genere “comedy” e “fantasy”.  Il film di Massimiliano Bruno, infatti, mescola molti generi – comico, fantasy e gangster movie – che però gestiscono bene questo tipo di narrazione e, soprattutto, il trio formato da Gassman, Giallini e Tognazzi; un trio che si trova immischiato nei loschi affari del “vero” Renatino, interpretato da Edoardo Leo. Il film oscilla intensamente e rapidamente tra il passato e il presente, tra nostalgia e realtà, e prova a strizzare l’occhio a un pubblico di vasta età, creando un’operazione tradizionalista che come idea si può assolutamente considerare “azzeccata” visto l’attrazione odierna verso gli anni ’80 e la cronaca nera del periodo. Con un incasso di circa 2 milioni di euro nei cinema italiani, ha sbaragliato la concorrenza dei Blockbuster americani. In merito a ciò, i produttori Federica Lucisano e Paolo del Brocco si sono così espressi: “E’ una grande gioia, che unisce tutti quelli che a livello produttivo e distributivo si sono impegnati per raggiungere questo risultato. Il cinema italiano è vivo, forte, solido ed ha tanto da offrire al pubblico. E’ un risultato che ci rende particolarmente orgogliosi. Non ci resta che il crimine è una commedia ‘di genere’ spassosa, ben congegnata, che è riuscita a fondere toni e atmosfere, linguaggi e stili narrativi cinematograficamente distanti. Massimiliano Bruno ha superato la prova a pieni voti e il pubblico gli ha dato ragione.”. Non ci resta che il crimine, è infine un omaggio alla stagione d’oro per antonomasia del nostro Paese, elettrizzante ed elettrizzato di fronte alle sue icone “positive”: Heather Parisi e la tuta indossata in Fantastico, i gol del compianto Paolo Rossi, il rock dei Kiss e le pubblicità che, oggi, sono un ponte, una porta, verso la memoria di un tempo felice in cui tutto era ancora magicamente “futuribile”.

Dalla stessa Rubrica...
felix77
Il segreto di Rahil

Film 2007 Regia di Cinzia Bomoll, con Ons Ben Raies, Lorenza Indovina, Jamil Hammoudi, Giorgio Faletti, Serra Ylmaz, Mimmo Mancini, Vincenzo Scuruchi, Eva Robbins, Elisabetta

Leggi Tutto »
abiasco
Joy

Regia di David O. Russell   Film del 2015 con Jennifer Lawrence, Robert De Niro, Bradley Cooper, Isabella Rossellini, Édgar Ramírez, Diane Ladd, Virginia Madsen

Leggi Tutto »

Lascia un commento