Genere:
Il gioco dei silenzi – Maurizio Foddai
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

1497523439

 

Recensione a cura di Gino Campaner (ginodeilibri)

Maurizio Foddai, architetto torinese amante della musica, del cinema e attore di teatro è l’autore di questo bel romanzo che definire un giallo è riduttivo. Foddai non si limita a raccontare un omicidio e a incentrare gran parte del libro sulle indagini con tanto di scoperta del colpevole,  ma scava nel tempo fino a utilizzare un evento mai chiarito, forse cruento, per raccontare la vita passata e quella presente di un gruppo di amici. Questo, almeno, erano 25 anni fa.

Leggiamo dei loro progetti, delle loro aspettative verso il futuro e poi delle loro (spesso) deludenti esistenze.

Venticinque anni prima erano tutti adolescenti alle prese con l’ultimo anno di scuola e con le scelte che avrebbero condizionato il resto delle loro vite; erano molto affiatati e, come in ogni gruppo di amici, nascevano amori, gelosie, invidie, scherzi.

Ci fu però un evento inspiegabile che pian piano portò il gruppo a disgregarsi e gli amici ad allontanarsi per sempre. Ora una componente di questo ex gruppo, rientrata da poco in Italia, ha deciso che quei vecchi compagni devono riunirsi un’ultima volta (la notte di san Silvestro del 2015) per vedere come e cosa sono diventati e per confrontarsi su di un punto chiarificatore rispetto a ciò che avvenne tanto tempo prima.

Il romanzo si sviluppa con frequenti cambi temporali e inizia con la scoperta di un omicidio. A indagare viene chiamato Andrea Sacchi, un componente di quel gruppo di amici ora diventato commissario.

Ho trovato questo romanzo molto coinvolgente e impegnativo, certamente non banale. Piuttosto apprezzabile la capacità dell’autore di far vivere all’interno del racconto un gran numero di personaggi senza però che il lettore arrivi a perdere “l’orientamento”, pure se una certa attenzione è necessaria per comprendere a fondo l’intreccio.

Ogni protagonista viene descritto in maniera precisa, sia nella vita da adolescente sia in età adulta: tra lettore e personaggi si crea subito empatia. L’autore ci porta ad operare scelte, ognuno di noi opta per il suo preferito, quello per cui sperare che non si riveli, alla fine, uno spietato assassino. Il finale raggela e ci lascia con un palmo di naso. L’autore si è divertito a trasmettere, fino all’ultimo, una certa suspense circa il mistero che si cela nel romanzo.

In conclusione: un romanzo, seppur breve, molto divertente e appassionante, con un climax crescente che ti tiene incollato alle pagine.
Mi è piaciuto e lo consiglio vivamente.
Voce di Roberto Roganti

[bandcamp width=100% height=120 track=1280882000 size=large bgcol=ffffff linkcol=0687f5 tracklist=false artwork=small]

 

Trama

Torino, 1 gennaio 2016. Nelle prime ore del mattino il commissario Andrea Sacchi, insieme con la sua squadra, scopre un cadavere all’interno di un appartamento di un condominio semideserto. Sul comodino, una fotografia di gruppo risalente agli anni del liceo della vittima e alcuni fogli scritti a mano. Qualcosa che somiglia a una confessione e che riporta l’azione indietro di venticinque anni, quando il gruppo di ragazzi della fotografia condivideva tutto, a partire dalla passione per il teatro, e pensava che l’amicizia che li legava fosse così forte da resistere al tempo e ai casi della vita. Quell’illusione adolescenziale, invece, svanisce subito dopo la scomparsa misteriosa di Barbara, la ragazza più bella e desiderata del gruppo. I sospetti e le tensioni che ne seguono portano ciascuno a prendere una strada diversa, allontanandosi dagli altri. Finché, venticinque anni dopo, una nuova scomparsa, quella di Giuliana, un’altra componente del vecchio gruppo, fa sì che tutti si ritrovino a trascorrere insieme la sera di Capodanno. Le due sparizioni presentano inquietanti analogie. È possibile che i due casi siano in relazione l’uno con l’altro, dopo tanto tempo? È possibile che le due donne non siano solo scomparse, ma che qualcuno, forse la stessa persona, le abbia uccise? E in questo caso, è possibile che il responsabile si trovi all’interno del gruppo di amici? Qualcuno di loro sa, ma non parla. Tra colpi di scena, segreti indicibili e personaggi insospettabili, l’attentato a Benito Mussolini e il linciaggio di Anteo Zamboni sembrano poter cambiare il destino dell’Italia. Di cosa si tratta? Riusciranno Emiliano Solerti e il suo assistente a scoprire la verità?

 

Dettagli

  • Genere: Thriller
  • Copertina flessibile: 240 pagine
  • Editore: Libromania (8 aprile 2019)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8833101002
  • ISBN-13: 978-8833101002
Dello Stesso Genere...
Thriller
ecentonze
Neve e Fango

La storia si apre con una citazione dell’Inferno di Dante, Canto V, girone dei lussuriosi “La bufera infernal, che mai non resta, mena gli spirti

Leggi Tutto »
alla fine del viaggio
Thriller
lfrigiotti
Alla fine del viaggio

Antonio Fusco realizza, per la nuova storia di Casabona un romanzo raffinato nei contenuti e nella scrittura. Non c’è molto da dire in realtà, quando

Leggi Tutto »

Lascia un commento