Genere:
Il compimento è la pioggia – Giorgia Lepore
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Trama

«Le nuvole sono una promessa. L’adempimento è la pioggia». (Proverbio arabo)

Nella notte di San Nicola, a Bari, c’è stato un omicidio efferato. In una piccola casa bassa del centro storico è stata trovata morta una ragazza di poco più di vent’anni. Il cadavere è squarciato da varie ferite, intorno al corpo martoriato tracce della presenza di bambini: giocattoli, biberon, vestiti. I bambini però sembrano scomparsi nel nulla. Sul luogo del delitto arriva l’ispettore Gerri Esposito, seguito dal suo capo, Marinetti, e dall’ispettrice Sara Coen, con la quale Gerri ha un rapporto che si fa sempre più complicato. L’indagine si snoda nell’arco di pochi giorni. Giorni freddissimi, in cui la Puglia e il suo capoluogo vengono investiti da un’insolita nevicata, che alla fine lascerà il posto alla pioggia. Ancora una volta, una storia di infanzia violata. Quell’infanzia che Gerri deve ricostruire e recuperare da qualche parte nei suoi ricordi perduti.

«E se fosse Giorgia Lepore la vera, grande voce nuova del romanzo nero italiano?». Maurizio de Giovanni «Giorgia Lepore scava dentro di voi con le parole. [Angelo che sei il mio custode] è un magnifico – e terrificante – battito del cuore…». Donato Carrisi

 

Recensione a cura di Luciana Fredella

Da quando è comparso in I figli sono pezzi di cuore il personaggio di Gregorio Esposito, Gerri, Giorgia Lepore accompagna il lettore nella narrazione noir attraverso i suoi deliri, i suoi schemi, i suoi mal di testa, le intolleranze verso le persone ma anche nell’empatia che riesce a suscitare negli altri. La sua esperienza di orfano lo porta ad avere un rapporto particolare con i bambini e proprio i bambini diventano i veri protagonisti dei romanzi della Lepore.

L’intera vicenda si svolge nell’arco di un mese, dicembre, che è il mese più bello dell’anno per la presenza del Natale, soprattutto per i più piccoli. È al contrario il mese più brutto per Gerri che odia le consuetudini della festa, sia per il rapporto conflittuale con le donne della sua vita sia per i ricordi legati alla sua permanenza nell’istituto durante gli anni dell’infanzia.

Nonostante le continue emicranie, Gerri non perde la lucidità necessaria per lo studio del caso e come spesso accade, le sua analisi vanno contro la linea di indagine del suo superiore Marinetti e del nuovo pm milanese Giancarlo Anteri con cui è antipatia a prima vista.

Con grande bravura, Giorgia Lepore affronta diversi temi come la violenza assistita, il femminicidio, il razzismo, lo sfruttamento della prostituzione e la tratta delle donne di colore.

Il collettivo Sabot/Age si conferma la risposta italiana al noir e al thriller internazionale.

 

Dettagli

  • Genere: Thriller
  • Copertina flessibile: 239 pagine
  • Editore: E/O (21 Marzo 2018)
  • Collana: Sabot/Age
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8866329436
  • ISBN-13: 978-8866329435
Dello Stesso Genere...
Thriller
fmanu
IL GIOCO DELLA NOTTE

Recensione a cura di Manuela Fontenova C’era una volta la regina del giallo nordico, amata per le sue narrazioni intrise di quotidianità e di vita

Leggi Tutto »
Thriller
anoseda
Nancy. Morì d’autunno

Recensione a cura di Alessandro Noseda La più grande soddisfazione di Elio e mia, lo sapete bene voi che ci seguite da tempo, è dar

Leggi Tutto »

Lascia un commento