La bella di Lodi – Alberto Arbasino

Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp

Trama

“La bella di Lodi” è una commedia d’amore e soldi tra una splendida ragazza possidente e prepotente e un intraprendente meccanico, molto attraente e sexy. Al di là dei conflitti di classe, i due finiscono presto energicamente avvinghiati, strapazzandosi in luoghi non propizi, lungo l’autostrada del Sole appena aperta: raccordi, svincoli, autogrill, garage, motel. Ma non si tratta solo d’amore. La coppia deve fare i conti anche con altri aspetti importanti nella vita italiana di sempre: lavoro, famiglia, società, motori, differenze patrimoniali, musica leggera.

Recensione a cura di Dario Brunetti

La bella di Lodi è un romanzo di una delle più influenti voci del panorama letterario italiano, Alberto Arbasino. Definito il padre delle “espressioni” è stato uno scrittore raffinato e un esteta del linguaggio, uno dei primi a raccontare i disagi degli omosessuali italiani. Non solo scrittore di romanzi e poesie è stato un critico teatrale e musicale, giornalista ed infine politico.

In questo piccolo volume che fu scritto nel 1960 e pubblicato per la prima volta nel 1972, per rendere omaggio all’autore di Voghera l’Adelphi ha editato La bella di Lodi nel 2000.

Un testo che si avvale di locuzioni gergali e dialettali racconta gli anni 60 nel pieno del boom economico con due protagonisti molto particolari. Roberta, una bella ragazza appartenente alla ricca borghesia lodigiana che è rimasta sedotta da Franco, un meccanico molto attraente dotato di grande verve e spirito di iniziativa.

I due ragazzi si sono conosciuti un pomeriggio d’estate su una spiaggia della Versilia mentre Franco prestava servizio A.C.I sull’autostrada del Sole.

Se dovessimo trovare la parola chiave per questa storia raccontata con spontaneità e leggerezza, sarebbe seduzione.

Il racconto si lascia andare a quell’amore frivolo dove si perdono i freni inibitori facendo prevalere la componente erotica e le pulsioni dei due giovani che cercano di essere predominanti l’uno sull’altro, ma l’autore proprio in questa reciprocità tanto decantata ci mette l’ostacolo, rappresentato dal puro interesse di comodo e quindi dal calcolo freddo e razionale.

E allora vien da chiedersi cosa si nasconde dietro al fascino di Franco che come un magnete attrae le attenzioni della giovane donna? Cosa accadrà in quella notte di torbidi passioni e quale sarà la cattiva sorpresa del giorno dopo?

Arbasino è sagace nel tendere delle trappole alla relazione amorosa dei due giovani per farci inquadrare la commedia attraverso una prospettiva psicologica, di quel predominio assoluto che si concretizza sottoforma di rivalsa senza attuare la forza fisica ma con l’inganno che appartiene ai più abili manipolatori.

Sullo sfondo di una Milano rappresentata dal boom economico, l’autore serve al lettore una storia leggera capace di ridicolizzare i suoi stessi protagonisti prendendosi gioco di loro e al tempo stesso giocando con loro.

Del romanzo La bella di Lodi verrà realizzato nel 1963 l’unico film di Mario Missiroli, prestato al Cinema perché era un regista che si occupava solo ed esclusivamente di teatro.

Roberta sarà interpretata da una giovanissima Stefania Sandrelli al suo quarto film e Franco dallo spagnolo Angel Aranda che lo ritroveremo negli spaghetti western e nei poliziotteschi all’italiana.

Alberto Arbasino sarà cosceneggiatore assieme a Mario Missiroli della stessa pellicola che non sarà

La bella di lodi non sarà il romanzo più rappresentativo nella vasta produzione letteraria di Arbasino, ma avrà un impatto significativo soprattutto in una società italiana degli anni 60 che era destinata a un radicale cambiamento, la stessa società che sarà aspramente criticata da un altro dei maggiori esponenti della cultura italiana, quel Pierpaolo Pasolini che la definirà “società dei consumi” in cui il nuovo potere sembrerà prendersi gioco del popolo.

 

 

Dettagli prodotto

  • Editore ‏ : ‎ Adelphi (16 maggio 2000)
  • Genere : Narrativa
  • Lingua ‏ : ‎ Italiano
  • Copertina flessibile ‏ : ‎ 168 pagine
  • ISBN-10 ‏ : ‎ 8845917312
  • ISBN-13 ‏ : ‎ 978-8845917318
Dalla stessa Rubrica...
mbaldi
Bassure – Herta Müller

Herta Müller, vincitrice nel 2009 del Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: «Ha saputo descrivere il panorama dei diseredati con la forza della

Leggi Tutto »

Lascia un commento