Genere:
Velo d’ombra (Shadow people, analisi di un folclore moderno)
Quando inizia la notte, migliaia di persone in tutto il mondo sprofondano nel terrore. Mentre stanno dormendo, qualcosa li osserva dalle tenebre e impedisce loro di muoversi rubandogli il respiro. Quando si svegliano, all’improvviso, vedono che qualcuno è in piedi proprio di fronte a loro: è un uomo alto che indossa un cappello a tesa larga. Solitamente si limita ad osservare il loro terrore, ma altre volte accadono cose che possono avere solo i connotati di un incubo. Queste persone hanno sollevato il sottile velo che si trova al di là delle tenebre. Queste persone, hanno incontrato gli Uomini Ombra. Avete visto qualcosa muoversi intorno a voi con la coda dell’occhio? Avete mai avuto la sensazione di sentirvi osservati mentre vi trovate a letto nell’oscurità? Un’ombra alta che sembra vestire trench e cappello è mai comparsa davanti a voi nel buio di un corridoio? Questo è quanto accade a chi asserisce di aver visto (o di vedere costantemente) queste inquietanti entità chiamate Uomini Ombra. Fenomeno nato negli Stati Uniti, dove vengono chiamate Shadow People, viene portato per la prima volta in Italia al grande pubblico con questa monografia di Massimo Mayde che intende far luce sulla verità che si nasconde dietro l’apparizione di queste strane e terrificanti creature, responsabili (pare) anche delle paralisi notturne e altri inquietanti fenomeni. Verità o folklore? Un viaggio tra le ombre, dalla Bibbia all’esoterismo egiziano, dal cinema noir e horror dei primi del 1900 ai Man in Black e…. Contiene testimonianze analizzate nel dettaglio, contenuti speciali (raggiungibili tramite QR Code) e persino notizie di cronaca italiana dell’Ottocento e Novecento che riportano tracce di uomini ombra.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Roberta Castelli

Questo libro è un gioiellino, ricco di informazioni che gli appassionati del mistero non possono perdere. La caratteristica che preferisco di Massimo Mayde è la sua capacità di rimanere con i piedi ben ancorati al terreno, anche se si parla di argomenti paranormali. A differenza di molti, sempre a caccia di sensazionalismi ridicoli, Massimo va alla ricerca di ciò che può confutare le tesi, smontandole. Se poi, quel che resta dopo attente indagini non può essere confermato né smentito, allora è probabile che ci sia qualcosa di vero. In questo libro, l’autore riversa anche la sua grande passione per il vecchio cinema noir in bianco e nero e ci propone delle interessanti analogie tra le pellicole e gli Uomini Ombra. In realtà, è una domanda che mi sono posta spesso anche io: quanto c’è di vero nelle storie che sentiamo e quanto, invece, è frutto dell’influenza esterna che, spesso e volentieri, giunge da oltreoceano? La mente umana è fatta a modo suo e utilizza dinamiche che rare volte riusciamo a comprendere davvero. Quello che vediamo, sentiamo, percepiamo, è reale o stiamo solo elaborando a modo nostro cose che abbiamo assorbito? In una nota aggiuntiva a inizio libro, per spiegare la difficoltà avuta nel perseguire la verità riguardo gli Uomini Ombra, Massimo Mayde ci dice:

“… ho scelto appositamente per questo libro uno stile tra il vagamente ‘fumettoso’ e il diario di appunti, proprio per l’impossibilità di fornire una fluidità e una coerenza di pensiero che dovrebbero essere fondamentali per un libro che si prefigge di fare chiarezza.”

Ecco, di questa sua scelta stilistica lo ringrazio, perché ho amato ogni immagine inserita all’interno di questo piccolo ma grande tesoro.

Iniziando con una breve storia delle Ombre, passiamo attraverso il cinema noir del Novecento per arrivare poi a una sorta di catalogo, che illustra e spiega forme e caratteristiche delle Shadow People. Troviamo anche un ventaglio di opzioni che potrebbero spiegare alcune esperienze, come per esempio la paralisi del sonno (o paralisi notturna). Qui mi sento coinvolta in prima persona perché ho avuto modo di provarla, per fortuna una sola volta, e credetemi… non la auguro a nessuno! La sensazione di essere bloccata a letto, schiacciata da qualcuno che sussurrava lugubri parole incomprensibili, era davvero reale. In quel momento, per me, sarebbe stato impossibile capire che si trattava di un episodio creato dalla mia mente (forse per stanchezza o troppo stress) e solo dopo, studiando il fenomeno, ho scoperto che aveva un nome. Il contributo di Massimo Mayde, quindi, è molteplice: se da un lato ci accompagna verso mondi ignoti, dall’altro ci spiega con chiarezza quali potrebbero essere le cause reali e decifrabili di certi fenomeni.

A corredare il tutto, troviamo molte testimonianze dirette delle quali l’autore specifica ogni volta il livello di attendibilità, integrando le storie con ritagli di giornale dell’epoca, foto e contenuti speciali, raggiungibili facilmente tramite QR Code. È una lettura davvero appassionante, che affascina, fa riflettere e ci mostra dimensioni che non si vedono (o forse sì?) ma esistono e ci osservano. Quindi, non posso che consigliarvi Velo d’ombra e, mi raccomando, tenete la luce sempre accesa!   

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Redenzione

Recensione a cura di Todaro Edoardo Con il noir scritto da Chiara Marchelli ci troviamo di fronte a qualcosa che potrebbe essere definito un noir

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
Il messaggio

Che dire? Scrivere de “ Il messaggio “ è qualcosa di anomalo rispetto a quanto siamo abituati nell’affrontare il genere noir. Inizi con la prefazione

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
Dentro la gabbia

Provenire dalla scuola di Massimo Carlotto non può che essere elemento positivo nell’approcciarsi a leggere “ Dentro la gabbia”. Stefano Cosmo nel 2014, con il

Leggi Tutto »

Lascia un commento