Genere:
Lo stupore della notte – Piergiorgio Pulixi
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

9138WFAq2pL

Trama

Se la incontri non la dimentichi, perché il commissario Rosa Lopez è pronta a sacrificare un ostaggio per riportare la situazione in parità. La ricordano ancora in Calabria, dove si è fatta le ossa nella guerra alle cosche. Non la dimenticano oggi, a Milano. Lettere minatorie e proiettili nella cassetta della posta sono il premio per una carriera che l’ha condotta ai vertici dell’Antiterrorismo. Ma dietro la scorza da superpoliziotta, Rosa cova il tormento: il suo compagno è in coma, vittima di un attentato. E non c’è solo il senso di colpa, ci sono anche le frequentazioni con quelli del Lovers Hotel, il luogo che non esiste, in cui niente è proibito e quando qualcuno deve cantare si attacca la musica della tortura. La sbirra, però, non può cedere alla donna. Una minaccia gravissima incombe sulla città: la più perfida delle menti criminali ha ordito un piano di morte. Lo chiamano il Maestro e insegna l’arte della guerra. Per fermarlo, la Lopez scivolerà in una spirale di ricatti, tradimenti e vendette. Considerato la voce under 40 più brillante del noir italiano, Piergiorgio Pulixi si avvale di fonti confidenziali per esplorare gli oscuri rovesci delle strutture di pubblica sicurezza. In una metropoli caleidoscopio delle vanità dell’Occidente, nelle cui strade l’eroina scorre a fiumi e impazzano le gang di latinos, mentre i milanesi hanno smesso di ammazzare al sabato per trasformarsi in potenziali bersagli, tutto quello che credete di sapere vi apparirà sconosciuto.

Recensione a cura di Adriana Rezzonico

I gatti non hanno un’indole facile, la loro vita sociale non è semplice. Sono in grado di essere scattanti, molto agili e pronti a superare enormi ostacoli, si intrufolano in qualsiasi anfratto e passeggiano nervosamente sui muretti, sono sempre all’erta. Spesso percepiscono il pericolo con molto anticipo e vedono anche nelle tenebre.

“Gatti mannari, guardandoli Rosa, non poté fare a meno di pensare, scattanti come mici nella notte ma letali come lupi famelici”, cita l’autore Piergiorgio Pulixi che torna nelle librerie con un thriller dal ritmo serrato ma intriso di poesia.

Rosa Lopez è la protagonista che ricopre un ruolo delicato ma molto strategico: è il Commissario della squadra antiterrorismo a Milano, una metropoli in continua evoluzione e crocevia di loschi personaggi. La sua squadra ha le fattezze di una colonia di felini sempre a caccia nelle tenebre, quando la città meneghina trasuda violenza e il malaffare si impadronisce dei quartieri. Lei è molto autorevole, integerrima e nello stesso tempo molto fragile, non può permettersi distrazioni e una vita privata. Milano diventa terreno di caccia dove i topi si palesano con i nomi di Nadwa, Toufik.

Rosa deve preservare tra mille peripezie la sua squadra, la propria incolumità e quella di Michele Diamante, suo vice e braccio destro, ma anche fare i conti con “Il Maestro”.

Proprio quest’ultimo avrà un ruolo decisivo  e insieme a cacciatori e prede si muoveranno sui muri di confine, proprio come i gatti.

La città è pronta a farvi soggiornare in una delle metropoli più vive e affascinanti ma anche tra le più buie, dove la notte vi riserverà molte sorprese. Un viaggio unico nel suo genere tra piazze moderne come Gae Aulenti e Piazza Duomo nella sua imponenza.

Rinnovo i complimenti all’autore che stavolta ci dona un thriller decisamente ben strutturato dove il lettore verrà risucchiato in una spirale senza sosta, non potrà fare altro che adeguarsi allo stupore e seguirlo in questa nuova avventura.

In ogni caso ci farà fare l’ennesimo tuffo nel baratro dell’anima per scoprire i sentimenti più veri e le emozioni più forti.

Desiderate soggiornare a Milano?

Posso prenotarvi una camera al Lovers Hotel?

 

Dettagli

  • Genere: Thriller
  • Copertina flessibile:360 pagine
  • Editore: Rizzoli (29 Maggio 2018)
  • Collana: Nero Rizzoli
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8817103098
  • ISBN-13: 978-8817103091

 

Dello Stesso Genere...

Lascia un commento