Genere:
L’uomo perduto
“Dall’alto, da lontano, i segni della polvere formavano un cerchio stretto. Il cerchio era tutt’altro che perfetto, una curva deformata che si faceva sempre più spessa e poi tornava sottile fino a spezzarsi in alcuni punti e non era vuoto. Al centro c’era una lapide, consumata da oltre un secolo di sferzata sabbia, vento e sole… Il nome dell’uomo sepolto lì era svanito da tempo e la gente del posto la chiamava la tomba del mandriano.”
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

L’uomo perduto è l’ultimo romanzo pubblicato nell’ottobre 2020 dalla giornalista australiana Jane Harper. Il protagonista della vicenda è Nathan Bright, un uomo molto triste, ombroso e malinconico con alle spalle un divorzio devastante. Nathan ha perso il papà in un incidente stradale. Non ha avuto una vita facile, come anche i suoi due fratelli Bub e Cameron. Cresciuti con un padre violento assieme alla loro madre Liz, non hanno il coraggio di denunciare la situazione.

La sua famiglia e i suoi compaesani parlano spesso della “tomba del mandriano”, un luogo conosciuto a causa di una leggenda inquietante. Proprio lì, accanto alla tomba dell’outback australiano, Nathan e Bub trovano il cadavere di Cameron. Nessuno riesce a spiegarsi come sia possibile che l’uomo si sia allontanato dalla macchina senza chiedere soccorso a qualcuno. Cameron aveva con sé una radio per  chiedere aiuto, una scorta di cibo e di acqua, come se sapesse che gli sarebbe successo qualcosa. La sua scomparsa porta allo scoperto vecchi rancori sepolti nel cuore della sua famiglia da molti anni.

Recensione a cura di Valentina Barletta

Inizialmente la trama del romanzo ruota attorno al mistero che ha dato origine alla morte di Cameron, ma non sarà lineare fino alla fine. Con lo scorrere delle pagine la vicenda si sposta sui drammi della famiglia di Nathan Bright. Tramite i vari dibattiti dei personaggi, emergono episodi confusi del passato, litigi non raccontati e invidie tra fratelli. Un intreccio di violenza e rancore tra le diverse generazioni. Per sua madre, Cameron sembra essere il “figlio perfetto”, ma nel corso del romanzo ogni bugia verrà a galla.  

L’autrice usa la tecnica del flashback in maniera eccezionale, catapultandoci nel passato di Cameron come se fosse ancora vivo.

Un romanzo cupo, ambientato in una terra che non perdona: un’Australia crudele e giustiziera.

Dello Stesso Genere...
Thriller
sghelfitani
L’uomo della sabbia

Lars Kepler è lo pseudonimo dei coniugi Alexander Ahndoril e Alexandra Coelho Ahndoril, una coppia di scrittori svedesi. Questo è un thriller psicologico avvincente, ricco

Leggi Tutto »
Thriller
elio.freda
Il sangue versato

Tornano sulla scena Rebecka e Anna-Maria Mella in questa seconda inchiesta ambientata nella fredda Svezia. In questo secondo ci sono riferimenti alla precedente inchiesta, quindi

Leggi Tutto »
Thriller
lfrigiotti
Uva Noir

Lolita entra nel cuore di chi la legge, diventa una amica da seguire, diventa molto familiare. Il lettore ha la possibilità di poter quasi sentire

Leggi Tutto »

Lascia un commento