Genere:
Vitamore Vitamorte – Danilo Angioletti

Deprecated: preg_replace(): Passing null to parameter #3 ($subject) of type array|string is deprecated in /home/gialloec/public_html/wp-includes/kses.php on line 1744

cover vitamore vitamorte 400Trama

L’impresario di una piccola ditta di pompe funebri si rifugia nella tranquillità dei suoi morti per sfuggire alla vita. Si crea un nascondiglio segreto e rapporti surreali con la morte e con la solitudine, tanto intensi da risultare reali e a volte grotteschi. Qual è il contrario della morte? La nostra stiracchiata vita o l’amore? Alcuni eventi inattesi gli faranno mettere in discussione il valore di tutta la sua esistenza, spingendolo a fare uno di quei bilanci dove la mano trema nel compilare le cifre. Ci vuole molta forza per tollerare l’amore, più di quella necessaria per sopportare la morte.

Recensione

Vitamorte Vitamore potrebbe essere definito come il contrasto che c’è tra la vita e la morte, tra il bianco e il nero. E’ una storia che ruota intorno ad un personaggio che fa un mestiere sicuramente poco ambito come quello del necroforo, in cui passa molto tempo da solo o, ancor meglio, in compagnia dei cadaveri, con cui instaura dialoghi e scambi di pensiero. Potrebbe sembrare macabro, ma non lo è. Una storia di contrasto familiare, una visione personale del mondo e degli esseri che lo popolano vista dalla parte di colui che ha rapporti non con la vita, piuttosto con la morte.

Vitamorte Vitamore è però anche una storia d’amore tra Ernesto (il protagonista) ed Agata, il confronto tra una vita solitaria e una di coppia, il confronto con un vivo per chi non è abituato ad averne. Le atmosfere appaiono talora cupe, talora torve con spiragli di luce qua e là. Luci e ombre, vita e morte. Romanzo costruito con un susseguirsi di capitoli che apparentemente sembrano un vortice di pensieri che si inseguono per poi trovare sbocco nella storia.

Un romanzo sicuramente originale nella sua ideazione e nel suo sviluppo, con spunti di riflessione disseminati lungo il cammino e con un’architettura che ne consente una buona fruibilità da parte del lettore a dispetto delle tematiche trattate.

E’ difficile consigliare o meno un libro del genere proprio per le sue caratteristiche. Se cercate qualcosa di particolare e siete lettori di ampie vedute, il mio consiglio è quello di osare.

Dettagli

  • Lunghezza stampa: 198
  • Editore: goWare; 1 edizione (28 ottobre 2013)
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00G9ZN7L4
  • http://www.goware-apps.com
Dello Stesso Genere...
Noir
rcasazza
La persona sbagliata

Recensione a cura di Rino Casazza Il Commissario Sergio Crema, personaggio tra i più popolari della narrativa poliziesca nostrana, ha una vita movimentata, sia sul

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
LA RAGAZZA CHE VIENE DAL BUIO

RECENSIONE a cura di Edoardo Todaro Rimasto decisamente colpito dal precedente “ BRAVA RAGAZZA, CATTIVA RAGAZZA “ non potevo sottrarmi da “ LA RAGAZZA CHE

Leggi Tutto »

Lascia un commento