Genere:
Un tempo per soffrire – John Connolly
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Trama

Jerome Burnel un tempo era stato un eroe. Molte persone, destinate a morire in circostanze tragiche e violente, devono a lui il fatto di essere ancora vive. Ma aver aiutato quella gente ha significato per Jerome la perdizione, la condanna a una vita di privazioni e umiliazioni, dolore e sofferenza. Ora, giunto al crepuscolo della propria esistenza, braccato da chi ne desidera la fine, Jerome racconta la sua storia al detective Charlie Parker. Gli racconta della ragazza sopravvissuta a coloro che l’avevano marchiata con il simbolo della morte, delle torture che ha subito e degli aguzzini che lo hanno tormentato. Gli racconta di quella comunità misteriosa, brutale, in cui in nome del Re Morto si compiono i delitti più efferati. È in questi anfratti oscuri che Charlie Parker dovrà calarsi, fino al cuore più torbido della verità. Una nuova, elettrizzante indagine per il detective Charlie Parker, l’ennesimo faccia a faccia con una realtà tetra, più letale di quanto si possa immaginare.

Recensione a cura di Roberto Gassi

“Come un cane caccia nei sogni”, così titola la prima delle cinque parti in cui è strutturato il romanzo, citazione di Lord Alfred Tennyson (1809-1892), dal suo lavoro “Locksley Hall”.

Capitoli brevi, ognuno dei quali termina con maestria per l’entrata di un nuovo personaggio o il lasciare sospesa l’azione, rendendo la voglia del lettore di sapere come va a finire un’impellenza che lo obbliga a girare pagina e proseguire. Un invito che se venisse declinato ci precipiterebbe in un limbo, da cui solo il continuare la lettura permette ascensione o evasione.

Un eroe disgraziato, un idolo caduto dal nome Jerome Burnel. Un uomo che sventa una rapina mirata in realtà a derubarlo, ma che si trasforma in uno sfogo di violenza dei suoi rapinatori affetti dalla mancanza di sanità mentale, nei confronti della famiglia che gestisce il locale in cui incautamente si ferma per una pausa dalla sua vita di venditore.

Lo scontro con La Crepa, una comunità che cerca d’isolarsi dal mondo esterno nonostante faccia parte del tessuto stesso dello stato, con confini ben marcati e che punisce coloro che incautamente cercano di valicarli. La si potrebbe paragonare a un’organizzazione di stampo mafioso se non avesse origini così antiche e le sue azioni non fossero mosse da un’entità maligna che sussurra il da farsi a chi dimora nei suoi confini, anche se sappiamo bene che sono sempre gli uomini, esercitando il loro libero arbitrio, a commettere le azioni (anche le più abiette), indipendentemente da quale voce le suggerisca. Una crepa nella terra, una crepa nell’anima del mondo, il regno del Re Morto.

Chi è il Re Morto?

Così come Parker, troveremo la risposta nelle pagine di un libro; noi in queste.

Connolly attraverso le sue minuziose descrizioni delle fattezze fisiche e dell’anima dei suoi personaggi, riesce a farci vivere le loro vite sia visivamente che a livello emozionale: dal fisico segnato dalle violenze di Jerome Burnel e il suo istinto di sopravvivenza; alla lucida e feroce crudeltà di Oberon, il Re Vivo della Crepa; alla commovente immagine dello spirito di Jennifer che veglia su suo padre.

Per combattere i demoni, siano essi incarnati in corpi umani o pura essenza del male, non bastano polizia o FBI, occorrono cacciatori, angeli vendicatori.

Un cacciatore: Charlie Parker.

Quattrocento pagine il cammino che Connolly ci fa percorrere sino alla battaglia finale tra bene e male, sino alla resa dei conti nella Crepa della contea di Plassey, mentre il Re Morto cercherà di perdurare nelle crepe delle nostre anime e nelle ossa del suo sfortunato portatore.

Un racconto per chi sa dosare il fiato e come un corridore allenato sa giocarsi lo scatto finale reggendo il passo fino alle ultime pagine. Il racconto di un’oscura realtà capace in alcuni passi di farti sentire nudo in una fredda notte dominata da un’angusta luna morta.

 

Dettagli

  • Genere: Giallo
  • Copertina flessibile: 400 pagine
  • Editore: Time Crime (26 settembre 2018)
  • Collana: Narrativa
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 886688345X
  • ISBN-13: 978-8866883456
Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Dentro la gabbia

Provenire dalla scuola di Massimo Carlotto non può che essere elemento positivo nell’approcciarsi a leggere “ Dentro la gabbia”. Stefano Cosmo nel 2014, con il

Leggi Tutto »
Giallo
felix77
Commedia gialla con gatto nero

Commedia gialla con gatto nero è l’ultima opera letteraria che porta la firma di una delle più interessanti autrici del giallo italiano, la partenopea Serena

Leggi Tutto »
Noir
anoseda
Muto come un orsetto

Recensione a cura di Alessandro Noseda Bello!Non credo di aver mai scritto di un noir “superdivertente”, ma questo romanzo breve lo è davvero.Uno stile simpatico,

Leggi Tutto »

Lascia un commento