Genere:
Ultimo respiro
Il corpo di una donna viene ritrovato in un cassonetto, con gli occhi spalancati e i vestiti ricoperti di sangue, e la detective Erika Foster è tra i primi a giungere sulla scena del crimine. Il problema è che questa volta il caso non è suo. Mentre tenta di assicurarsi un posto nella squadra investigativa, Erika non può fare a meno di notare che le caratteristiche del ritrovamento ricordano un omicidio irrisolto avvenuto quattro mesi prima. Il cadavere di un’altra donna, abbandonato in un luogo analogo, presentava una ferita identica: un’incisione fatale sull’arteria femorale. Nell’ombra c’è un assassino che adesca le sue vittime online, nascondendosi sotto una falsa identità. Le sue prede sono donne giovani e attraenti. Quando un’altra ragazza scompare, per Erika e la sua squadra ha inizio una corsa contro il tempo sulle tracce di un individuo terribilmente sadico. Ma come si può catturare un killer che non sembra nemmeno esistere?
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Robert Bryndza ci regala un altro giallo d’indagine ambientato in una Londra cupa e minacciosa, su cui incombono un cielo di cenere, gravido di pioggia, e la mano di un efferato serial killer che adesca le proprie vittime sui social media. Ancora una volta, è Erika Foster a seguire le tracce di sangue lungo l’asfalto londinese: dopo La donna di ghiaccio, La vittima perfetta e La ragazza nell’acqua, la detective creata dalla penna di Bryndza dovrà fare di nuovo i conti con un nuovo mostro in Ultimo respiro. Tormentata dalla morte del marito e rimossa dalla squadra omicidi, Erika si imbatte in un cadavere gettato tra i rifiuti di un cassonetto. Messa a margine, non può che stare a guardare i colleghi che imboccano una falsa pista arrestando l’uomo sbagliato. Quando l’assassino torna a colpire, mostrando tutta la vulnerabilità delle indagini in corso, alla polizia londinese non resta che reintegrare Erika Foster e la sua squadra di agenti, e dare il via a una caccia mozzafiato in una periferia lugubre e desolata, dove i mostri riescono a nascondersi bene.

Il romanzo ha la giusta dose di adrenalina e suspense, ma l’aspetto più interessante è il doppio punto di vista, quello di Erika Foster e quello del serial killer, di cui vengono sondate ogni pulsione e ogni ossessione: una vera e propria discesa nell’abisso di una mente disturbata, in grado di agire in maniera fin troppo lucida per adescare le proprie vittime ed eludere la polizia.

Unica pecca un editing e una traduzione non proprio eccellenti, che però non inficiano la lettura.

 

Dello Stesso Genere...
Thriller
felix77
Dalle 9 alle 6

Recensione a cura di Dario Brunetti Dopo il promettente esordio con il romanzo Il programma, uscito nel 2020 per la casa editrice Eclissi che gli

Leggi Tutto »

Lascia un commento