Genere:
Trittico di morte
Milano. Il cadavere di un uomo viene ritrovato nella vasca da bagno della sua abitazione; accanto, soltanto un biglietto d’addio e una rosa. Il commissario Berti, vicino alla pensione e gravemente malato, e il suo sottoposto indagano, arrivando a una possibile conclusione ma un evento inaspettato sconvolgerà i loro piani. La Spezia. Per l’ispettore Belladonna è difficile ambientarsi in una nuova città. In attesa dell’agognata ricollocazione a Genova è assegnata a un caso di sospetto suicidio: il corpo di un uomo è stato avvistato su uno scoglio in prossimità della riva di Portovenere. Ma proprio quando è prossima a fiutare cosa si celi dietro questa morte, il suo trasferimento le impedisce di proseguire. Roma. A distanza di tempo, il poliziotto Falchi indaga sul ritrovamento del corpo di un imprenditore, apparentemente suicidatosi con un colpo di pistola alla testa. L’investigatore, affiancato da una giovane e impavida hacker, ben presto intuisce il legame che accomuna i tre casi, certo ormai che si tratti di veri e propri omicidi a sangue freddo: ma chi è il serial killer che continua a seminare morte? E, soprattutto, perché uccide così metodicamente e senza pietà?
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Trittico di morte è il nuovo giallo dell’autore spezzino Corrado Pelagotti uscito per Leone editore.

Ritrovo con grande piacere ed entusiasmo un autore che fa dell’abilità narrativa il suo vero marchio di fabbrica riuscendo ad alternare al meglio il thriller, il noir e il giallo. Generi similari solo in apparenza, ma che in realtà non lo sono affatto. E allora sarebbe interessante chiedersi a quale genere si avvicina il suo nuovo romanzo?

Trittico di morte è un testo a metà tra un giallo e un thriller ambientato in tre città diverse: Milano, La Spezia e Roma.

Arturo Berti è un commissario cagionevole di salute, schiavo della sua malattia che sembra non dargli tregua ed è ormai vicino alla pensione, si trova a dover affrontare un caso di apparente suicidio; si tratta del ritrovamento di un cadavere di un uomo nella sua vasca da bagno. Accanto all’uomo gli inquirenti trovano una rosa e un bigliettino d’addio. Il commissario Berti dovrà contare sul supporto dell’agente Caputo per ricostruire la dinamica dell’incidente ma ancor di più indagare sulla vita del defunto.

Dalla Milano del commissario Berti passiamo al secondo caso che investe l’ispettrice Ines Belladonna mandata a La Spezia, in attesa di rientrare nella sua Genova. Dovrà dipanare un altro mistero. Viene rinvenuto sugli scogli in prossimità della Riva di Portovenere, il corpo di un uomo. Ancora un altro caso di suicidio. Ines è affiancata dall’agente Attilio Sottili e riceve le costanti pressioni del commissario capo Michele Leoncavallo.

Infine Roma, anche nella città eterna un uomo si è suicidato con un colpo di pistola alla tempia. Incaricato delle indagini l’ispettore Manuel Falchi che si avvarrà della preziosa collaborazione dell’agente Gaia Pandolfi per risolvere un ennesimo caso prossimo ad essere archiviato.

C’è un filo conduttore che lega tre casi avvenuti in periodi diversi? Sarà una corsa contro il tempo dimostrare che non si tratti di tre casi di suicidio bensì di omicidi ben congegnati da una mano astuta e spietata?

Un serial killer che a distanza di anni decide implacabile di tornare a colpire.

La curiosità che avvolge il lettore leggendo questo giallo, sta nel modo in cui l’autore è riuscito a costruire un solido impianto narrativo che poggia su tre storie simili che dovranno trovare un unico e solo punto di convergenza che impatta in maniera devastante sia nelle vite dei protagonisti, consumati fino allo stremo delle forze, sia nei poveri destini di tre uomini che hanno trovato un’unica mano omicida.

Un desiderio di vendetta che trova la sua essenza con quel sapore che sa di morte, e dove l’animo umano sembra sprofondare in un abisso senza fine annientato da una forza interiore prevaricatrice che riesce a pianificare con estrema lucidità l’omicidio camuffandolo abilmente in suicidio.

Con Trittico di morte, Corrado Pelagotti ci fa riscoprire la meccanica del delitto cosi ben camuffata sotto forma di un suicidio solo in apparenza, ma se il killer è così sicuro di aver compiuto l’omicidio perfetto non lo sarà invece chi lo porterà alla fatidica resa dei conti.

Quando si tratta di essere vicini alla soluzione del caso, sentiamo salire la giusta adrenalina soprattutto quando il cerchio sembra stringersi sempre più intorno all’omicida, ragion per cui saranno pian piano più vivi i colori del thriller che ci faranno gustare questo romanzo scritto con eleganza e maestria.

Dello Stesso Genere...
Noir
arinaldi
Il mostro del lodigiano

Recensione a cura di Alessandra Rinaldi Una nuova indagine per l’ispettrice Luce Frambelli. Il romanzo è ambientato nella martoriata provincia di Lodi proprio nel momento

Leggi Tutto »

Lascia un commento