Genere:
Tre storie di sangue
S’è detto tante volte che Modena è una città piuttosto tranquilla, in cui non succede quasi niente. Ma, vero o no che sia, all’improvviso ben tre fatti di cronaca nera arrivano a coinvolgere negli stessi giorni il commissario Laudani e il suo nuovo collaboratore, l’ispettore Bartoli. Primo: un ricco pittore dilettante è trovato impiccato nel suo appartamento, e lascia per testamento tutti i suoi beni all’unico nipote e a un giovane protetto estraneo alla famiglia, conosciuto da poco. Secondo: due vecchie di ottantacinque anni – amiche di gioventù ma da tempo senza più contatti – muoiono in circostanze anomale, l’una in una casa di riposo, l’altra suicida col gas di scarico della propria auto. Terzo: un restauratore di mobili viene accoltellato a morte nel suo laboratorio del centro storico, senza che la moglie, ferita insieme a lui, riesca a fornire indicazioni sul misterioso aggressore. Se tre indagini insieme potrebbero sembrare troppe a qualsiasi inquirente, non è così per Laudani, poliziotto di stropicciata umanità, che sa fare domande ma soprattutto che sa ascoltare. E guidato dall’esperienza e dall’intuito, Laudani si addentrerà nei meandri sempre più difficili.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Tre storie di sangue è il nuovo romanzo giallo del prolifico autore modenese Luigi Guicciardi uscito per Gilgamesh edizioni.

Ritorna il commissario Giovanni Laudani che coadiuvato dal suo nuovo collaboratore l’ispettore Bartoli dovrà indagare su tre inquietanti misteri: due anziane signore muoiono in circostanze alquanto sospette, per una delle due si pensa a un suicidio avvenuto col gas di scarico, un pittore viene trovato impiccato e lascia un testamenti dove tutti i suoi beni sono destinati a suo nipote e a una persona di fiducia completamente estranea alla famiglia e infine l’accoltellamento a morte di un restauratore e il ferimento di sua moglie.

Il commissario Laudani e l’ispettore Bartoli sono chiamati a indagare su più fronti, ma a prevalere sarà la scienza della deduzione e l’ottima intesa tra i due protagonisti supportati dal medico legale Turi.

La fatidica resa dei conti arriverà puntuale, ma lascerà un retrogusto amaro nelle vite dei personaggi che ruotano intorno a queste Tre storie di sangue.

Dopo i segreti riposano in pace, l’ottimo Guicciardi ripropone questo nuovo personaggio offrendo un giallo di assoluta qualità che si contraddistingue per la sua trama costruita alla perfezione sottoposta ai giusti ingranaggi che favoriscono lo sviluppo della storia che si avvale di dialoghi serrati e di una scrittura molto lineare che rende piacevole la lettura agli amanti di un genere intramontabile.

Cari all’autore modenese i riferimenti a due pilastri del genere come i giallisti Joseph Smith Fletcher ed Ezio D’Errico: il primo è uno scrittore e giornalista inglese appartenente alla cosiddetta “epoca d’oro” che è riuscito ad affermarsi attraverso più generi letterari, passando dal giallo, al genere horror e per finire alla fantascienza. Il secondo è stato un uomo poliedrico, sceneggiatore, pittore, drammaturgo e scrittore di gialli di successo con protagonista il commissario Emilio Richard. Vengono menzionate due opere letterarie di grande pregio e di rara reperibilità di questi due grandi autori del passato.

A volte per decidere le sorti di un buon libro giallo possono bastare 150 pagine di indiscutibile fattura per risultare efficace nella sua stesura che non si perda nelle lungaggini di una narrazione a volte fuori luogo e al tempo stesso poco credibile.

L’autore, che magistralmente narra le conseguenze nefaste di queste tre storie, decreta la resa dell’essere umano, che sia avido o vendicativo, ma pur sempre destinato a cadere, commettendo il più atroce dei mali: il delitto.

Ottima e appassionante lettura di un romanzo più che consigliato.

Dello Stesso Genere...
Cane mangia cane
Noir
pschiavone
Cane mangia cane

” Talvolta la vita criminale ti obbliga a far secco qualcuno, ma perdio, non tutti, o chiunque, senza un buon motivo “ Edward Bunker è

Leggi Tutto »

Lascia un commento