Genere:
Ritroverò Leonardo?
1494. Durante un naufragio, vanno perduti quattro disegni preparatori del Cenacolo di Leonardo Da Vinci. 2022. Mentre un aereo con a bordo Anastasia Bakler decolla da Londra con destinazione Mosca, due ex compagni di liceo si ritrovano dopo quasi trent’anni su due lati avversi a discutere della vendita di un’antica villa sul lago Maggiore. Che segreto nasconde quella villa? Ha forse a che vedere con un incidente d’auto accaduto al tempo della scuola in cui perirono due loro amici? Quale mistero li lega ad Anastasia? A scompaginare la situazione un omicidio che ha legami con il passato, una banca sull’orlo del fallimento ceduta in poche ore, una moglie tradita e un intrigo internazionale tra Milano e Londra con in ballo milioni di euro. Un unico filo conduttore li collega tra loro: i disegni perduti di Leonardo, tornati di nuovo in circolazione a Stresa dopo anni di oblio. Ancora una volta il maresciallo Calarco, aiutato nell’indagine dal suo amico giornalista Marcello Forni, dà prova della sua grande abilità a districarsi tra depistaggi e testimoni falsi e nel tessere la tela che lo porterà alla soluzione del caso.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Dopo l’uscita del suo romanzo giallo I disegni perduti di Leonardo, ritorna l’autore Alberto Pizzi con il sequel dedicato a uno dei più grandi geni del Rinascimento, Leonardo Da Vinci.

Ritroverò Leonardo è la nuova opera letteraria pubblicata nel 2023 per la prestigiosa casa editrice Vallecchi di Firenze.

Al centro della storia ritroviamo i quattro disegni preparatori del Cenacolo di Leonardo Da Vinci che nel 1494 sono andati dispersi durante un naufragio.

Come nel primo romanzo, la trama si svolge su due piani temporali e ci riporta nel 2022. Il lettore è già venuto a conoscenza che quei disegni si sono portati dietro una maledizione lanciata dallo stesso Leonardo e chi se ne impossessa perde la vita.

Identico scenario che si sviluppa in questo giallo con dei nuovi personaggi. Il magnate Attilio Paranzi Marelli incarica l’avvocato Francesco Ravello di vendere la sua antica villa in stile Liberty incontrando un italo americano pronto ad acquistarla per un valore stimato sugli otto milioni di dollari.

Revello ritroverà una vecchia conoscenza, quel Massimo Bardelli che è stato suo compagno di scuola e che ora rappresenta la controparte per la vendita della lussuosa villa, nonché ex genero di Marelli. Questo incontro è determinato dal malcontento di Margherita, figlia del Marelli che nutre un sentimento di amore e odio per il suo ex marito Bardelli, e combinazione della sorte nell’albergo dove deve svolgersi la trattativa lavora come factotum un altro compagno di scuola, Matteo Lorani.

Il destino porta questi ragazzi ormai divenuti adulti a rincontrarsi, ma su di loro aleggia l’ombra di un tragico incidente che ha visto la morte di altri due loro amici e che Lorani vede nel Bardelli, il responsabile dell’accaduto. Quella sera i ragazzi erano ubriachi e il mettersi alla guida è stata un’imprudenza risultata fatale.

Il giorno dopo l’incontro scompare misteriosamente Massimo Bardelli che sarà ritrovato morto in una casa incendiata. Nel frattempo perde la vita un uomo che è annegato in mare dopo essere caduto da un traghetto.

Sono collegate le due morti? Chi poteva nutrire un odio cosi forte da arrivare a uccidere Massimo Bardelli.

Incaricato delle indagini è il maresciallo Calarco che dovrà scavare nella vita di questi personaggi che sembrano nascondere un segreto, a coadiuvarlo è l’onnipresente amico giornalista Marcello Forni.

Il maresciallo nutre ancora una volta il sospetto che le morti siano legate ai misteriosi disegni dell’artista di Anchiano.

La pace e la tranquillità che regna a Stresa è sconvolta da questi due drammatici eventi e toccherà al maresciallo e la sua squadra dipanare un mistero che risale a più di un secolo.

I disegni di Leonardo Da Vinci sono ancora una volta il filo conduttore che lega questo romanzo al precedente e che Alberto Pizzi ha trasformato in un giallo di qualità ricco di colpi di scena che tengono alta la tensione.

Personaggi ben caratterizzati dalla penna elegante dell’autore che ha saputo ben strutturare un testo particolarmente godibile.

Un romanzo coinvolgente che regala ai lettori luoghi incantevoli e atmosfere suggestive. Stresa, Verbania e il lago Maggiore saranno le location per ambientare un giallo che ha quei giusti ingredienti per renderlo credibile anche grazie alla cura di ogni piccolo dettaglio dell’autore.

L’arte si circonda di fascino e mistero, le opere di Leonardo seppur di grande fascino si riveleranno un’arma a doppio taglio per chi se ne impossessa.

A noi lettori non rimane che immergerci in questa nuova avventura piena di intrighi e di suspense, aspettando Calarco in un’altra emozionante indagine.

Dello Stesso Genere...
Giallo
rcastelli
La casa disabitata

Recensione a cura di Roberta Castelli “Se MAI una residenza, adatta sotto ogni aspetto a una famiglia di posizione, ha infestato lo studio di un

Leggi Tutto »
la scimmia e il caporale
Giallo
felix77
La scimmia e il caporale

L’Umbria e una Puglia ancestrale, (tra ricette della migliore tradizione popolare e leggende zingare ) fanno da sfondo all’ultimo romanzo di Caterina Emili “La scimmia

Leggi Tutto »

Lascia un commento