Genere:
Omicidio a Carloforte
Il commissario Alvise Terranova ha tre passioni: il buon vino, Tom Waits e la poesia. È a Carloforte da poche settimane ma non è un forestiero, fino all’età di quattordici anni ha vissuto nell’isola. Alle soglie della celebrazione della Madonna dello Schiavo, una delle principali festività del paese, un servizio dell’emittente locale Tele Radio Maristella mostra i danni causati dal maltempo e una scritta apparsa sul muro della chiesa: la fede è in pericolo. La mattina successiva, viene ritrovato il corpo senza vita di padre Moresco, storico sacerdote di Carloforte. Il medico intervenuto dichiara che la morte è sopraggiunta accidentalmente, a causa di una caduta dalle scale, ma Alvise non è convinto. C’è un gruppo di fedeli scontenti che aveva avviato una petizione per richiedere il trasferimento di padre Moresco; l’accesa discussione che il prete ha avuto in chiesa con una donna, a tarda notte, poco prima di morire. E poi c’è una chiave che, però, non apre nessuna porta della canonica. Quando il commissario riceve una lettera anonima, tutti i sospetti si spostano in una direzione. Ma lui non è mai stato il tipo che si innamora della versione più facile e continua l’indagine contro il parere di tutti. Tra trame politiche, clientelismi locali, intrighi di diversa natura, tentati sabotaggi e depistaggi, Alvise riuscirà a scoprire il segreto così a lungo tenuto nascosto, che è costato la vita di padre Moresco. Antonio Boggio, al suo esordio nel romanzo, con lingua fluida, colorata qui e là di espressioni dialettali, costruisce una trama complessa che si snoda rapida tra personaggi originali e un’ambientazione ricca di fascino.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

L’odore di croissant e l’aroma del caffè gli avvolsero lo stomaco. “Come fa un uomo a iniziare la giornata senza aver fatto la colazione?” Trasse un sospiro ed entrò nel bar, pensando che tanto il morto poteva aspettare. Se non hanno pazienza loro, chi ce la doveva avere?

Bastano poche frasi, un pensiero, per entrare nel cuore del Commissario Alvise Terranova.

Un’isola nell’isola, quella di San Pietro, in Sardegna.

Antonio Boggio ha scelto di ambientare proprio qui il suo romanzo d’esordio: “Omicidio a Carloforte”, edito da PIEMME.

Carloforte, il paese dove Alvise è nato e  vissuto finché il lavoro non lo ha portato “in continente”, fuori dalla Sardegna.

Ora, è tornato a casa dove tutto è uguale,  tutto è diverso.

È novembre. Il cielo e il mare dopo il temporale sembrano un dipinto di pennellate blu, con molte sfumature.

Alvise Terranova è impaziente di rimettere la barca che era stata di suo padre, in navigazione.

Tanto, “a Carloforte, non succede mai niente.”

Ma nella Chiesa della Madonna dello schiavo, il parroco viene trovato morto nella canonica.

Il medico legale, detto “il Topo”, perché qui hanno tutti un soprannome, liquida il tutto con “morte naturale” in seguito a una caduta dalle scale.

Il Questore chiude il caso.

Ma attorno alla figura alla figura di Padre Moresco  gravitano tante vicende e troppe persone, ognuna con una storia.

Il commissario Alvise Terranova continua la sua indagine in privato.

C’è qualcosa che non lo convince, qualcosa fuori posto.

Il prete è un personaggio ambiguo: era sempre disponibile e pronto ad accogliere e aiutare tutti ma era anche un  uomo rigido, ligio al suo ruolo, che non voleva unire il sacro e il profano nemmeno per una ricorrenza come i festeggiamenti per la Madonna dello schiavo.

Però in privato si concedeva vizi che stonavano con il resto.

Aveva  fatto scelte discutibili che scatenavano conseguenze inattese.

Chi era Padre Moresco?

È caduto? O lo hanno ucciso?

 

I personaggi

Alvise Terranova, da buon filibustiere, è un uomo arguto, sarcastico, con la battuta sempre in tasca.

I dialoghi sono davvero divertenti. Il collega Rivano è un ottima spalla.

Altresì è riservato, attento alle emozioni. Scrive poesie, tra le mura di casa si rilassa ascoltando i dischi di Tom Waits.

Amante del buon vino e del buon cibo, sostiene sia impensabile cominciare la giornata senza aver fatto colazione.

Si immerge nel suo lavoro per arrivare alla verità ma è in grado di percepire la bellezza del mondo nelle piccole cose. E di fermarsi a guardarle.

Ci sono, in “Omicidio a Carloforte”, diversi personaggi femminili che solo all’apparenza sembrano marginali ma che in realtà hanno peso e sostanza in tutta la storia. C’è Maddalena Tiragallo, che sostiene di continuo “Se qui ti danno un’etichetta ti rimarrà incollata addosso per sempre”, ma è la prima che ci si appiglia.

C’è Elisabetta Magari, che lavora al bar di famiglia, il Bar Cipollina.

Il brutto anatroccolo che diventa un bellissimo cigno bianco. Arguta e simpatica, forse l’unica in grado di tenere testa e conciliarsi con il carattere del commissario Alvise.

C’è Ines, la perpetua, che ha perso tutto e trova pace solo negli ambienti della Chiesa. Maria Luisa, giovane, impaurita dalla vita ma in gamba, in grado di prendere decisioni migliori di chi l’ha preceduta.

E poi c’è un altro personaggio.

Fondale di tutta la storia. Cielo e terra. Caruggi e stelle. Case e persone. Mare.

È l’isola nell’isola, il paese teatro di “Omicidio a Carloforte”.

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
LA NOTTE QUALUNQUE

Quando un evento significativo per quello che riguarda i futuri assetti geopolitici internazionali, da spunto ad Alessandro Ferranti per scrivere 381 belle pagine. Sono passati

Leggi Tutto »
Giallo
mbaldi
Le aquile della notte

Ritroviamo Anita Bo un lunedì mattina, strappata al sonno, poco interessata all’organizzazione del suo matrimonio e anzi meravigliata che la madre voglia spendere per il

Leggi Tutto »

Lascia un commento