Genere:
Omicidi a Milano
Non c’è pace per l’ispettore Ceolin detto ‘Ndemo tosi. A nove mesi dalla vicenda che l’ha segnato personalmente e professionalmente, la morte della sorella Teresa, una nuova bufera si sta per abbattere su di lui, fatto oggetto di accuse gravissime e, di riflesso, sul suo capo, il commissario Daniele Ferrazza, neo papà di una bimba di tre mesi, Alice. Chi ha ucciso Adelaide Rigamonti, la moglie dello stimato imprenditore che controlla il mercato dell’assistenza ai rifugiati e quello del riciclo dei rifiuti? Chi ha ucciso Gianluca De Marco, il presidente della cooperativa Siamo Umani? Un groviglio di delitti, calunnie, rapimenti, conflitti familiari, apparentemente slegati tra di loro, metterà a repentaglio la coscienza e la rispettabilità dei poliziotti del commissariato, dove per la prima volta fa la sua apparizione un personaggio singolare, Amanda Valli, la nuova vice di Ceolin, che grazie alle sue competenze informatiche conquisterà un posto al sole tra i colleghi e di fronte alla stessa Procura. Una donna “tosta”, come la definisce Ferrazza, reduce da un’esperienza traumatica che l’ha toccata nei suoi affetti più cari, un “bulldozer” che non si ferma davanti a nulla pur di portare a termine i compiti, ufficiali e non, che le vengono affidati. Il trio, coadiuvato dall’investigatore ex carabiniere Romano Montanari, si troverà a combattere contro poteri immensi e sconosciuti, il nuovo Leviathan, dirà qualcuno: Nessuno sulla terra è pari a lui/fatto per non aver paura/lo teme ogni essere più altero/egli è il re su tutte le fiere più superbe. Un nemico contro il quale il potere della legge può fare ben poco, perché esso è “oltre la legge”. È un noir, questo di Bastasi, dove è importante non tanto chiedersi “chi è l’assassino?” ma “perché? Come è possibile?”. Un romanzo che, tra le righe, racconta silenzi e solitudini cui è difficile sfuggire se l’unica cosa che sappiamo fare è rifugiarci nell’illusione delle comode mura di casa.
Il commissario Ferrazza e l’ispettore Ceolin sotto attacco

Recensione a cura di Dario Brunetti

Dopo Milano e i pensieri oscuri, torna Alessandro Bastasi col suo nuovo noir metropolitano edito Fratelli Frilli dal titolo Omicidi a Milano.

Il filo conduttore che lega questo romanzo al precedente è la morte di Teresa, sorella dell’ispettore Ceolin, così al commissario Daniele Ferrazza non resta che stare vicino prima di tutto all’amico nonché suo collega di lavoro.

Per Alvise Ceolin non sarà cosa facile riprendersi da un evento così drammatico, ma come al solito sono i delitti a tenere in costante apprensione i protagonisti, come l’uccisione di Adele, moglie di Augusto Rigamonti, noto imprenditore che controlla il riciclo dei rifiuti e il mercato dell’assistenza ai rifugiati e l’assassinio di Gianluca De Marco, presidente della Cooperativa Siamo Umani.

Cosa si nasconde dietro questi omicidi?

Politica, affari, criminalità organizzata e poteri occulti abilmente raccontati dalla pregevole penna di Bastasi che tocca le corde giuste, per affrontare al meglio problematiche di particolare rilevanza che hanno distrutto e continuano inesorabilmente a distruggere il nostro paese italiano.

Così il lettore si trova catapultato ancora una volta in una storia da un ritmo piuttosto frenetico, infatti questo romanzo ha tutti gli ingredienti di un noir-poliziesco dove l’azione ne diventa l’elemento imprescindibile; questa peculiarità la si evince proprio dal sottotitolo.

Ebbene sì, i nostri protagonisti si dovranno difendere più che mai dall’attacco serrato della criminalità organizzata che cercherà di metterli spalle al muro, a dar loro man forte e alla stessa storia entreranno in scena due nuovi personaggi: Amanda Valli (cugina di Anita, una delle squinzie personaggio dell’autrice milanese, Paola Varalli) e Romano Montanari.

La prima è una donna che si è dovuta fortificare da un’esperienza dura e pesante che ha lasciato un segno indelebile sulla sua vita, il secondo invece è un investigatore con un passato in forza ai carabinieri.

Due risorse utili alla causa, chi per competenze informatiche e chi per acume investigativo saranno fondamentali per contrastare al massimo la ferocia di quei poteri occulti dove molto spesso gli inquirenti si devono arrendere.

Ma ci sono due efferati delitti da scoprire e in più, i nostri due antieroi saranno messi a dura prova saggiando la consistenza di un piano diabolico così ben articolato che entrerà insidioso nelle loro vite.

Omicidi a Milano è un noir che concentra l’attenzione sul potere, come elemento di sopraffazione e di dominio sull’individuo che si serve senza pietà di qualsiasi mezzo sleale.

Un potere economico o finanziario, criminale o addirittura mediatico che riesce ad anestetizzare un intero paese, rendendolo privo di forze.

L’autore trevigiano alza notevolmente l’asticella e offre un romanzo scomodo ma al tempo stesso necessario per mettere in evidenza i mali del nostro paese, di un sistema sempre più corrotto, purtroppo si vive in un’epoca dove si cerca di fingere sin troppo bene di essere una nazione unita, ma in fin dei conti non lo si è per nulla, perché siamo costantemente in preda a un individualismo sfrenato e sempre più concentrati nella gestione degli affari privati, tutto questo rende una società indifferente e allo stesso modo passiva, totalmente incapace di cercare una via di riscatto.

Ma un sistema corrotto ha un effetto domino su un’intera popolazione, e il romanzo noir diventa solo uno strumento del tutto efficace per raccontare la realtà giornaliera.

L’ottimo Bastasi riesce a muovere i personaggi nel modo più corretto possibile diventando del tutto funzionali allo sviluppo della storia, una prosa evocativa che soprattutto nel finale regala citazioni degne della migliore mitologia greca.

Una prova maiuscola che merita la doverosa attenzione del lettore.

Dello Stesso Genere...
Noir
mmendolia
Scirocco e zagara

Recensione a cura di Marika Mendolia  “Scirocco e zagara” rappresenta una narrazione alquanto dinamica, dai toni investigativi e furtivi, il tutto condito da una meravigliosa

Leggi Tutto »

Lascia un commento