Genere:
Non si ingannano i morti
Nel cercare di recuperare una vettura rubata a un cliente, Sandrelli si trova costretto a impadronirsi di un altro veicolo nel cui bagagliaio trova un piede umano avvolto nella plastica. È l’inizio di un nuovo incubo. Coinvolto suo malgrado nell’inchiesta contro l’amico brigadiere Maietto a seguito di un conflitto a fuoco, dovrà districarsi per non essere accusato di complicità e, nel contempo, scoprire chi è la vittima di cui ha trovato i resti. Purtroppo per lui l’assassino sta cercando a sua volta di scoprire che fine ha fatto la macchina e chi si è messo sulle sue tracce. Sullo sfondo la storia di Claudia, la donna di cui Brenno si sta innamorando, ma che nasconde un tragico segreto. Voce di Roberto Roganti [bandcamp width=100% height=120 track=4261329232 size=large bgcol=ffffff linkcol=0687f5 tracklist=false artwork=small]
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Non si ingannano i morti è il secondo libro della trilogia thriller che vede protagonista il perito assicurativo, e non solo, Brenno Sandrelli. Il libro è edito da Cento autori ed è stato pubblicato nel 2017. L’autore è Riccardo Landini che è nato a Reggio Emilia nel 1960 e ha esordito nel 2009 con il romanzo “E verrà la morte seconda”. Sono poi seguiti “Il primo inganno”, “Non si ingannano i morti” e “Ingannando si impara” che compongono la trilogia. Nel 2013 ha vinto il premio Giallo Stresa. A fine febbraio uscirà il suo ultimo romanzo “Il giallo di via San Giorgio” pubblicato da Newton Compton.

In “Non si ingannano i morti” Brenno è alle prese con una complessa e drammatica vicenda che sconvolge, suo malgrado, la già complicata esistenza che conduce. La routine di Brenno, che cerca di ritrovare un po’ di serenità dopo gli avvenimenti che qualche tempo addietro gli hanno irrimediabilmente cambiato la vita, (e che sono raccontati nel primo volume della trilogia), viene nuovamente sconvolta quando assume l’incarico di ritrovare l’auto rubata alla dolce e misteriosa Claudia, per la quale finirà in grossi guai. Il finale lascia senza fiato.

Anche in questo secondo volume, come nel primo, il protagonista assoluto è il temerario Brenno Sandrelli circondato via via da tanti personaggi perfettamente integrati nella storia; al suo fianco, per quasi l’intero racconto, troviamo Claudia che è anche l’unico personaggio femminile di rilievo. Il romanzo è scritto in prima persona ed anche per questo l’immersione nella vicenda è totale e molto coinvolgente. Il ritmo è vivace, il plot narrativo avvincente. Il libro mantiene un perfetto equilibrio fra momenti più leggeri (pensieri, battute divertenti) e quelli drammatici o di suspense, anche se sono poche le situazioni autenticamente thriller ed è questa personalmente l’unica pecca che posso rilevare.  Amo molto la scrittura di Landini, il suo modo di raccontare ironico ma allo stesso tempo infarcito di situazioni ad alta tensione che catturano l’attenzione e fanno salire l’adrenalina. Sono efficacissime le stilettate che riserva ai finali provocando ferite nell’animo che bruciano e sanguinano a lungo. Consigliatissimo; suggerisco comunque, anche se questo libro si regge benissimo anche da solo, di leggere prima “Il primo inganno” così da poter apprezzare appieno l’intera storia.

Dello Stesso Genere...
Thriller
fmanu
IL GIOCO DELL’ANIMA

Ho avuto il grande piacere di parlare con Javier Castillo, di fargli delle domande e soprattutto di ascoltarlo: ho sentito la passione per la scrittura,

Leggi Tutto »
Thriller
elio.freda
I due esorcisti

Un dialogo tra due preti. Qualcosa di strano emerge fin da subito dal loro scambio di parole. La pacatezza della conversazione che avviene in un

Leggi Tutto »

Lascia un commento