Genere:
Milano e i pensieri oscuri: La strana indagine del commissario Ferrazza
Rincasando dopo una cena con il commissario Ferrazza, l’ispettore Ceolin si trova di fronte a una scena raccapricciante: sua sorella Teresa è stata uccisa a coltellate e poi impiccata alla ringhiera di una scala a chiocciola. Teresa, che in passato aveva aderito a ideali di sinistra, negli ultimi anni era diventata militante di un movimento di estrema destra, Supremazia Italia. Ed è in questi ambienti che iniziano le indagini per individuare l’autore o l’autrice dell’atroce delitto. Al centro dell’accaduto pare ci sia la scomparsa di un malloppo di cinquecentomila euro, una somma considerevole che fa gola a tante persone, a qualunque schieramento politico appartengano. In una catena di ulteriori omicidi, di fughe e ritrovamenti, di tradimenti e di rimorsi, il coro degli innumerevoli personaggi del romanzo disegna un universo umano e sociale al limite della disgregazione, all’interno del quale i nostri investigatori si muoveranno con estrema difficoltà. Un mondo amorale e autocentrato, permeato di individualismo e di opportunismo, a stretto contatto con un’ondata migratoria che lentamente sta cambiando i connotati della città, provocando violente reazioni contrapposte. Saranno l’amore di Laura e una notizia inaspettata che consentiranno a Daniele Ferrazza di uscire dal caso senza grossi contraccolpi, mentre chi apparirà fortemente abbattuto sarà l’ispettore Ceolin, e non solo per la tragedia che l’ha indirettamente colpito. Con “Milano e i pensieri oscuri” Bastasi si sposta dal noir classico dei suoi precedenti romanzi all’esplorazione di altri territori, dove non esiste un’univoca soluzione del caso: perché qui l’ambito dell’indagine è soprattutto il lato oscuro acquattato nella mente di ciascuno di noi, che ci spinge ad azioni e comportamenti anche in netto contrasto con i nostri convincimenti razionali.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Dario Brunetti

Torna uno dei maestri del noir milanese, pur essendo nativo di Treviso, conosce Milano come le sue tasche, un motivo valido per offrirci storie di indiscusso valore e qualità. Alessandro Bastasi da vita a una nuova indagine alquanto complessa e piena di insidie che vede ancora una volta protagonista il commissario  Daniele Ferrazza alle prese con un delitto  particolarmente efferato.

La vittima è Teresa, la sorella dell’ispettore Alvise Ceolin barbaramente assassinata e trovata impiccata alla ringhiera di una scala a chiocciola della sua abitazione.

Negli ultimi tempi la ragazza aveva aderito ed era militante di un partito di estrema destra Supremazia Italia, proprio lei che faceva parte del partito comunista, come si spiega questo cambiamento radicale? Bisognerà mettere ordine e far luce nella nebulosa vita di Teresa, alla quale suo fratello se ne fa una colpa che lo renderà permeabile e vulnerabile, per non dire sconfitto.

La sua morte pesa come un macigno nella vita di Alvise, ma al centro della storia c’è un ingente somma di denaro che farà gola a molti, ma come ben sappiamo il denaro è lo sterco del diavolo, e proprio questo malloppo che misteriosamente scomparirà nel nulla segnerà l’inizio di una catena di omicidi.

Milano e i pensieri oscuri non è solo un noir , forse per la prima volta l’autore trevigiano si cimenta peraltro con apprezzabili risultati, con il thriller psicologico perché con lo scorrere delle pagine a prescindere da un ritmo più serrato, ci si accorge che ogni personaggio del romanzo ha un segreto da nascondere che potrà giocare decisamente a suo sfavore.

La trama è molto elaborata ma al tempo stesso decisamente avvolgente, grazie a una tecnica narrativa che come sempre è il fiore all’occhiello del repertorio letterario dell’autore che si contraddistingue per la sua prosa elegante, ma i misteri si infittiscono e alla fine il malloppo è l’elemento essenziale a tal punto da giocare un ruolo fondamentale all’interno della storia.

Un romanzo che ha la capacità di mettere a fuoco tante tematiche sociali che fanno il cattivo tempo in una città come Milano, oscura così com’è oscuro l’animo dei personaggi, di un’avidità che si spinge oltre, fino ai limiti dell’impossibile da scatenare e mettere in evidenza la parte peggiore dell’essere umano destabilizzando completamente la sua psiche e facendo venir fuori il suo lato torbido e perverso.

Cosa rimarrà ai due protagonisti e come ne usciranno da questa incredibile vicenda?

Non rimane che immergersi in una storia tremenda e incisiva come non mai, con l’autore che si è preso l’arduo compito di alzare ancora di più l’asticella offrendo un romanzo sicuramente diverso dai precedenti e dando anche un tocco di giusta e sana imprevedibilità.

Buona lettura !

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Yellow diamonds

Aver letto “ YELLOW DIAMONDS “ mi ha fatto tornare indietro di anni. Quest’ultimo, a mio avviso, è legato ad un filo che unisce quanto

Leggi Tutto »

Lascia un commento