Genere:
Mi limitavo ad amare te
Si esiste interi solo prima di nascere. Ma quello strappo è la vita. Omar ha dieci anni e passa le giornate alla finestra sperando che sua madre torni: da troppi giorni non viene, e lui non sa più nemmeno se è viva. Suo fratello gli strofina il naso sulla guancia per fargli il solletico, ma non riesce a consolarlo. Senza la madre il mondo svapora. Solo Nada lo calma, tenendolo per mano: soltanto lei, con i suoi occhi celesti, è per Omar un desiderio. Ha undici anni, sulla fronte una vena che pulsa se qualcuno la fa arrabbiare, e un fratello, Ivo, grande abbastanza da essere arruolato. Nada e Omar sono bambini nella primavera del 1992, a Sarajevo. Per allontanarli dalla guerra, una mattina di luglio un pullman li porta via contro la loro volontà. Se la madre di Omar è ancora viva, come farà a ritrovarlo? E se Ivo morisse combattendo? In viaggio per l’Italia, lungo strade ridotte in macerie, Nada conosce Danilo, che ha mani calde e una famiglia, al contrario di lei, e che un giorno le fa una promessa. Nessuna infanzia è spensierata, ciascuno di noi porta con sé le sue ferite, ma anche quando ogni certezza sembra venire meno, possiamo trovare un punto fermo attorno al quale far girare tutto il resto. Mi limitavo ad amare te entra nelle fibre del lettore colpendo quel punto come una freccia. Ispirato a una storia vera, è un romanzo di ampio respiro, di formazione, di guerra e d’amore, che si colloca a pieno titolo nella tradizione del grande romanzo europeo. Con la sua scrittura precisa e toccante, Rosella Postorino torna a indagare le nostre questioni private, quelle che finiscono per occupare il centro dei pensieri e delle azioni degli esseri umani anche nel mezzo dei rivolgimenti storici più scioccanti. Così, mentre infuria il conflitto che per primo in Europa ha spezzato una lunga pace, ecco che ci interroghiamo sull’“inconveniente di essere nati”. Come si diventa grandi quando da piccoli si è stati amati malamente? E chi può mai dire di essere stato amato come e quanto avrebbe voluto? Nada, Omar e Danilo scoprono presto nel legame che li unisce, e che li spinge a giurarsi fedeltà eterna oppure a tradirsi, la più grande risorsa per una possibile salvezza.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Frutto di un rilevante lavoro di ricerca storiografica e delle contestualità dei rispettivi periodi durante i quali si svolge l’intera narrazione, “Mi limitavo ad amare te” è un romanzo di ampio respiro che esce dalla dimensione del microcosmo individuale che purtroppo spesso contraddistingue certa narrativa nostrana. Al contrario, l’autrice ha scelto di puntare verso una dimensione internazionale dell’intera storia, che prende le mosse dal periodo dei bombardamenti di Sarajevo, del clima bellico che si respirava nell’ex-Jugoslavia nel 1992, in un’epoca che, attraverso queste pagine, torna a vivere davanti ai nostri occhi e all’immaginario del lettore con una forza vitale, tale da spingerci a seguire passo dopo passo il vissuto di questo gruppo di ragazzini.

E la percezione che si prova, nel corso della lettura, è davvero quella di un appagamento totale, di una profondità nelle relazioni umane di questi ragazzi, a mano a mano che la loro crescita si sviluppa nel corso degli anni, con tutte quelle privazioni che si trovano ad affrontare, prima in occasione della partenza improvvisa in pullman per salvarli, e senza la certezza di sapere se mai potranno riabbracciare, rivedere, ritrovare i propri genitori. Così tutto quanto accade in seguito, dal trasferimento in Italia all’ospitalità presso i vari istituti religiosi, dalle peripezie varie vissute mentre il tempo scorre inesorabilmente, viene narrato con un senso di partecipazione e un’angolazione vista attraverso questo gruppo di bambini, poi adolescenti, poi giovani adulti, e con un senso di ampio respiro che diventa l’occasione di una sincera narrazione di vita esistenziale, propria di chi sa cosa vuol dire condividere la sofferenza, le paure, i dubbi di ogni giorno, e soprattutto di fronte ad una tragedia come quella della guerra consumata a poche centinaia di chilometri di distanza dall’Italia.

Se proprio va evidenziata una cifra caratteristica di “Mi limitavo ad amare te” è proprio il taglio internazionale, la capacità dell’autrice di saper uscire dai confini nazionali, e di saper creare un prodotto narrativo contrassegnato da elementi di universalità, tali da saper toccare le corde emotive del lettore. Come già era accaduto con il precedente romanzo “Le assaggiatrici” (che aveva fatto affermare Rosella Postorino in ambito mondiale), “Mi limitavo ad amare te” è una storia di crescita, di vissuto, di analisi di fronte ai fatti storici di rilevanza internazionale, nella quale è proprio lo sguardo rivolto agli ultimi, alle persone che faticano a difendersi, che devono compiere delle scelte improvvise, e si ritrovano, loro malgrado, protagoniste, di eventi straordinari, ineluttabili, e diventano a loro volta delle vere e proprie cartine di tornasole in grado di consentirci a meglio conoscere le implicazioni di una delle più agghiaccianti e tristi pagine di storia contemporanea.

Se c’è un romanzo che merita quindi di essere letto e apprezzato, ebbene, è proprio questo. Perché Rosella Postorino ha alzato ulteriormente l’asticella, proprio per cogliere da una vicenda individuale (quella di tre ragazzini portati forzatamente in Italia dalla guerra di Sarajevo) gli spunti di una narrazione universale, coinvolgente, che sa emozionarci, coinvolgerci, commuoverci, e invita a farci riflettere con grande attenzione.

Dello Stesso Genere...
Giallo
felix77
Morte a Trecolli

Esordio interessante di Carmelo Pecora con il romanzo Morte a Trecolli, da voce a se stesso nelle vesti di maresciallo dei Carabinieri, sarà coadiuvato dalla

Leggi Tutto »
Sono cose da grandi – Simona Sparaco

https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/81FwT07c1pL.jpg Trama Un giorno, davanti alla televisione, per la prima volta Simona riconosce negli occhi del figlio la paura. E non è la paura catartica

Leggi Tutto »
a un passo dalla follia
Narrativa
mmendolia
A un passo dalla follia

Il noto profiler ed ex procuratore Elia Preziosi, ritorna in Italia nonostante la  traumatica perdita di Silvia la sua amata coniuge uccisa per mano del

Leggi Tutto »

Lascia un commento