Genere:
L’Ombra del vento – Carlos Ruìz Zafon
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…
8129ODZ5AEL

Trama

“Quando morirò tutto ciò che sarà mio sarà tuo…

Eccetto i sogni”

L’ombra del vento è un romanzo pubblicato nel 2001 dall’autore spagnolo Carlos Ruiz Zafòn. Uscito in Spagna, diventa un vero caso editoriale, registrando otto milioni di copie vendute a livello mondiale.

Dramma, mystery, thriller e fiction gotica, L’ombra del vento narra di un segreto sepolto nel “cimitero dei libri dimenticati”, ubicato nella Barcellona di allora così tanto misteriosa, arcana ed enigmatica.

Protagonista del romanzo è Daniel Sempere, un ragazzo che fin dalla nascita si porta nel cuore la sofferenza di aver perso la propria mamma a causa del colera. Accompagnato da suo padre, che svolge l’attività da bibliotecario, viene portato in un incredibile luogo dove sono conservati tutti quei libri che vengono cancellati dall’oblio del tempo. In questo posto, nel cimitero dei libri dimenticati, Daniel è attratto da un libro: “l’ombra del Vento”, di Julian Carax. Promettendo al padre di custodire per sempre questo libro, Daniel si ritroverà ad affrontare la scoperta dell’enigmatico mistero: scoprire l’ignota identità di Julian.

Recensione a cura di Valentina Barletta

Dal punto di vista storico il romanzo si ricolloca all’epoca della guerra civile spagnola e del franchismo.  Tutte le vicende e le ricerche di Daniel si intrecciano con la storia della decadente Barcellona, spesso raffigurata con toni foschi. Per dieci anni, Daniel indaga sul mistero di Julian, riportando alla luce storie di famiglie distrutte. Tale ricerca mette in evidenza tutta una serie di eventi e circostanze simili a quelli della vita di Carax, per poi rivelare l’indicibile segreto. La vita di Daniel e quella di Julian Carax si intrecceranno, fondendosi in un’unica storia che darà origine a questo splendido romanzo. Sia Daniel che Julian sono separati da confini, confini che per quanto possano sembrare lontani, iniziano ad assottigliarsi per poi sparire. Ognuno dei protagonisti vive nella propria realtà: abbiamo Daniel, Julian Carax, ma anche il lettore, colui che quando termina questo romanzo si risveglia, prendendo atto di non aver capito nulla della storia. Il fulcro centrale della vicenda si basa su un importante aspetto di tecnica letteraria chiamata “alibi dello scrittore”, dove l’autore inganna chi legge facendogli pensare di aver compreso la verità. Anche se i due protagonisti vivono in contesti storici diversi conoscono le stesse persone. Non c’è un istante in cui il lettore non si domandi come sia possibile, e tutta questa “suspense” deriva dalla tecnica narrativa che utilizza l’autore  e che varia a seconda del rapporto spazio e tempo. Lesomiglianti differenze in cui vivono questi due personaggi si spiegano mediante una narrazione semplice seppure di diverso stile linguistico, dove la fabula e l’intreccio non sono disposti in un ordine cronologico e lineare. Per poter  evidenziare il differente contesto temporale della vicenda, Zafòn utilizza il corsivo per parlare del passato (flashback), e lo stampatello per le vicende collocate nel presente. La narrazione del romanzo inizia proprio nel 1945, all’undicesimo compleanno di Daniel e si conclude quando compie diciotto anni. Sin dall’inizio del libro il protagonista sembra essere l’ingenuo Daniel, ma con lo sfogliare della pagine, tutto inizia a ruotare attorno a Julian. Soltanto alla fine del romanzo si scopre che il vero protagonista di tutta la storia è proprio il libro stesso. L’ombra del vento rappresenta il centro attorno al quale ruotano le vite di tutti i personaggi, e si dimostra il  “filo conduttore” che collega la storia di tutto il romanzo. Antagonisti della storia sono Lain Courbert, personaggio che incarna il diavolo nel libro trovato da Daniel, e Javier Fumero, criminale disumano e folle. Cosa accumunerà Julian al personaggio di Fumero?  Se continuassi questa recensione vi svelerei il mistero del libro, e romperei il patto che ho fatto a me stessa una volta finito di leggerlo. Soltanto una cosa mi sento di dire: tutti possono scrivere, ma non tutti possono diventare scrittori. Come lui, come l’autore.

Dettagli

  • Copertina flessibile: 439pagine
  • Genere:  dramma, mystery, thriller e fiction gotica
  • Editore: Mondadori, 4° edizione (4 luglio 2006)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8804561300
  • SBN-13: 978-8804561309
Dello Stesso Genere...
Thriller
cpelagotti
Il tuo ultimo gioco

Recensione a cura di Corrado Pelagotti La storia di questo ultimo romanzo di Rachel Abbott è un intreccio di relazioni un po’ alla Agata Christie,

Leggi Tutto »
Thriller
felix77
La lupa

Dopo Formicae, torna Piernicola Silvis con un altro incredibile romanzo dal titolo La Lupa, si fa chiamare così Sonia Di Gennaro, moglie del boss Granatiero,

Leggi Tutto »

Lascia un commento