Genere:
L’errore
Pepe Ruggieri è un criminologo forense che lavora per un Centro Anti-violenza di genere di Ancona. Il suo mestiere è tutelare le donne vittime dell’aggressività di mariti, fidanzati o ex compagni. Quarantenne, di origine palestinese, è sposato con Flo McCarthy, una giovane irlandese che lavora per un magazine digitale e frequenta gli ambienti benestanti della città. La loro tranquilla quotidianità viene sconvolta quando una sera Pepe rientra a casa e non trova la moglie. La cerca ovunque, ma Flo sembra sparita. Disperato, contatta le amiche, i conoscenti, ma di lei non c’è traccia… Pepe chiede aiuto alle forze dell’ordine e partono le ricerche della donna: è stata vittima di un incidente? È stata uccisa? È fuggita? Nessuno sa o immagina dove sia e cosa le sia successo, tranne la stessa Flo. Ha fatto la cosa giusta o ha sbagliato irrimediabilmente? Perché quando si commette un grave errore, la vita non consente di tornare indietro nel tempo e resettare tutto. Un romanzo sui sentimenti dal ritmo incalzante, in cui nessuno dei protagonisti può considerarsi del tutto dalla parte della ragione o del torto.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Questo romanzo è due cose.

Innanzitutto la storia incalzante dell’adescamento di una donna, del suo plagio e alla fine, del suo sequestro con fuga rocambolesca da parte di un criminale psicopatico.

È un caso di maltrattamento e di prevaricazione sessista, con conclusione drammatica, in una relazione sentimentale, quale spesso si presenta: l’uomo all’inizio appare come un vero e proprio Principe Azzurro, bello, gentile e sinceramente innamorato, ma poi si scopre che sotto questo paravento perfetto nasconde una malsana volontà di prevaricazione e dominio. La donna viene irretita dalle sue lusinghe, e resiste finché può al manifestarsi progressivo della vera personalità del partner, fino a ravvedersi quando la situazione è ormai precipitata verso una corsa contro il tempo per liberarla dalle catene in cui si è ingenuamente fatta stringere, perché l’uomo era fin dall’inizio un delinquente incallito uso approcciarsi in modo patologico all’altro sesso.

Un film già visto troppe volte che coinvolge il lettore per il ritmo serrato con cui la storia va avanti, nella doppia prospettiva della donna ingannata e del suo ultimo compagno “buono”, che per un doloroso contrappasso è un criminologo forense che si occupa di violenza sulle donne, e partecipa attivamente alle indagini per ritrovarla.

C’è però ne ‘L’errore” un altro risvolto, suggerito dal titolo.

E’ l’esplorazione di un legame di coppia promettente e positivo che, a un certo punto, piega verso una crisi così profonda e irrecuperabile che non ha nemmeno bisogno di esplodere, ma rimane, pur nella sua definitività , misteriosa e inespressa. La protagonista femminile, una bellissima giovane donna di origini irlandesi, da un giorno all’altro, senza alcuna avvisaglia, scompare dalla vita del marito, appunto il criminologo impegnato contro il patriarcato aggressivo, un uomo di ascendenze palestinesi trapiantato in Italia. Costui è così preso dai problemi del lavoro e da un intimo senso di inadeguatezza da non accorgersi, colpevolmente, che la sua donna sta allontanandosi da lui.

Il rapporto tra i due è nato e proseguito nel segno di un’incomprensione che nessuno dei due è riuscito ad affrontare veramente, com’era necessario, aprendosi alle ragioni dell’altro anche a rischio di una rottura.

Se buttarsi tra le braccia dell’uomo sbagliato è stato un errore fatale, lo sbaglio ha radici profonde  nel menage precedente, rimasto in sospeso e incompiuto.

La morale conclusiva è amara.

Le donne sono fragili forse anche perché neanche gli uomini corretti e alieni dalla violenza riescono a capirle e a capirsi.

Dello Stesso Genere...
Rosa
pvaralli
Forse ho sognato troppo

Ho letteralmente adorato “Ninfee nere” che ritengo (e non sono la sola) il capolavoro indiscusso di Bussi nonché uno dei libri più belli mai letti

Leggi Tutto »
Thriller
elio.freda
Nero a Manhattan

Prima o poi, se sei appassionato del genere, in Jeffery Deaver ti ci devi imbattere… Ho scelto di iniziare non con la serie che lo

Leggi Tutto »

Lascia un commento