Genere:
Le armi della luce
Il quinto capitolo della saga di Kingsbridge. “Le armi della luce” si svolge tra il 1792 e il 1824, un’epoca di grandissimi cambiamenti in cui il progresso si scontra con le tradizioni del vecchio mondo rurale e il governo dispotico è determinato a fare dell’Inghilterra un potente impero commerciale. A Kingsbridge l’industrializzazione si fa rapidamente strada riducendo alla miseria la maggior parte della popolazione dedita alla manifattura tessile, la principale fonte di reddito della città. La vita di un gruppo di famiglie collegate tra loro viene stravolta dalla nuova era delle macchine, mentre imperversa la guerra con la vicina Francia di Napoleone Bonaparte che giunge alla sua epocale conclusione con la battaglia di Waterloo. Scoppiano le rivolte del pane, gli scioperi e la ribellione contro l’arruolamento forzato nell’esercito. Una coraggiosa filatrice, un ragazzo geniale, una giovane idealista che fonda una scuola per bambini disagiati, un commerciante di tessuti travolto dai debiti del padre, una moglie infedele, un operaio ribelle, un artigiano intraprendente, un vescovo inetto, un ricco imprenditore senza scrupoli sono solo alcuni dei personaggi che animano questa storia indimenticabile. Eroine ed eroi carismatici combattono per un futuro libero dall’oppressione, personaggi cattivi e perversi cercano di mantenere ad ogni costo i loro privilegi in un complesso intreccio ricco di dettagli storici accuratamente documentati.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Come sempre ci troviamo dinanzi ad un romanzo storico di grande spessore dalla trama incalzante e curato nei minimi dettagli. In questo quinto capitolo della saga di Kingsbridge, l’autore ci trasporta in un periodo di trasformazione e progresso legato all’avvento delle macchine tessitrici; tutto ciò è contornato da una svariata serie di personaggi dai canoni perfettamente aderenti all’epoca vissuta.  Ritroveremo un paese ormai rinnovato, una vicenda che si sussegue e che molto spesso ci farà tornare in mente i primi abitanti di Kingsbridge con le loro storie del tutto travagliate.

Anche in questo capitolo ci troveremo di fronte alle ingiustizie da parte della nobiltà nei confronti del popolo.

Ma finalmente avremo qualcosa di nuovo. Una novità nel concetto di “famiglia”; in quanto i vari figuranti vivranno delle vicissitudini tragiche dovute alla vedovanza e per la prima volta potranno vivere un nuovo amore senza essere giudicati. Follett ci trasporterà anche tra la creazione dei primi gruppi per i movimenti operai e nella nascita delle prime scuole per i bambini del popolo, quindi l’istruzione inizia ad estendersi anche a chi non fa parte della nobiltà. Amos, Elsie, Kit, Arabella, Spade, Sal è gente che combatterà per la propria libertà… libertà d’amare, per l’emancipazione femminile

e soprattutto per trascorrere con dignità la propria vita.  L’ autore narra tutto ciò rendendoci partecipi dell’esistenza dei propri personaggi a cui ogni lettore non può non

 

affezionarsi. Una trama che rispecchia perfettamente il mio genere preferito di letture; un romanzo storico ben costruito e per nulla tralasciato. Che dire! Soddisfatta da questo ulteriore capolavoro del talentuoso autore britannico.

Dello Stesso Genere...
Giallo
aderiggi
Blu Room Hotel

Un libro breve ma dal significato intenso. Cosa succederebbe se la nuova era della tecnologia digitale prendesse definitivamente il posto del cartaceo? Ce lo racconta

Leggi Tutto »

Lascia un commento