Genere:
La voce – Arnaldur Indridason
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

image bookTrama : Il Natale è alle porte, fervono i preparativi, ma la festosa atmosfera di un lussuoso albergo di Reykjavik viene turbata dal ritrovamento del corpo di un uomo ucciso a coltellate. Svolte le prime verifiche del caso, l’agente investigativo Erlendur e la sua squadra scoprono che si tratta di Gudlaugur Egilsson, portiere e tuttofare alle dipendenze dell’hotel, morto in circostanze a dir poco misteriose: l’uomo, infatti, indossava un costume da Babbo Natale e aveva i pantaloni calati… Scavando nel suo passato, Erlendur ricostruisce la vicenda di Gulli, ex bambino prodigio, talentuoso solista di un coro di voci bianche, acclamato dal grande pubblico internazionale, con la prospettiva di una brillante carriera nel mondo del bel canto. Ma evidentemente qualcosa è andato storto…

Recensione : “La voce” è un romanzo in cui elementi del giallo classici e moderni si fondono e il mixing che ne risulta è estremamante gradevole. Classico è ad esempio, l’omicidio in un hotel, con la ricerca del colpevole tra gli ospiti. Diverse sono le tematiche trattate dall’autore, con una sovrapposizione strategica di due casi che, seppur diversi, vengono intrecciati in alcuni punti di contatto. Ciò crea una buona tensione e un buon ritmo. Le capacità narrative di questo autore sono eccellenti. E’un piacere leggere e appassinarsi alle vicende legate al commissario Erlendur Sveinsson!

Votazione : 4/5

Dettagli :

  • Brossura: 316 pagine
  • Editore: TEA (14 gennaio 2010)
  • Collana: Teadue
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8850220766
  • ISBN-13: 978-8850220762

 

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
A fuoco lento

Philip Kerr, conosciuto a molti per la cosiddetta trilogia berlinese, ci porta non solo a Buenos Aires negli anni ’50, che assomiglia in tutto e

Leggi Tutto »
Le notti di Reykjavik
Giallo
elio.freda
Le notti di Reykjavík

Leggere Indriðason è come bere una bottiglia di vino conosciuto ma che da diverso tempo non si assapora. Non si può che essere eternamente estasiati

Leggi Tutto »

Lascia un commento