Genere:
La torre dei matti
Quattro amici in un casolare sperduto, asserragliati con degli sconosciuti. Non possono fuggire, e una predizione incombe su di loro: qualcuno morirà, all’ombra della misteriosa Torre dei Matti. Era già accaduto agli inizi del Novecento: alcuni amici segregati loro malgrado nella Torre dei Matti, che oggi svetta su un antico casolare sperduto nelle campagne. La storia si ripete quando Matteo, con alcuni amici, si rifugia nell’edifico di proprietà della sua famiglia, per sfuggire alla fosca predizione di una cartomante, secondo cui il due novembre morirà qualcuno che non vede da tempo. Ma una volta nel casolare ecco la sorpresa: vi si sono rifugiati cinque ragazzi che appartengono a una comune, tipi loschi che forse nascondono qualcosa. Impossibilitati a fuggire quando la loro automobile viene danneggiata, Matteo e gli amici devono capire come affrontare il pericolo, soprattutto quando uno degli intrusi viene trovato morto all’ombra della Torre dei Matti. Sono in trappola, con un temibile assassino fra loro, proprio allo scoccare del due novembre.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Marco Scarlatti fa immergere il lettore in una cupa atmosfera di mistero sin dall’inizio, quando il protagonista Matteo incontra un’indovina che farà una terribile predizione.

Già dalle prime pagine il lettore sa, quindi, che accadrà qualcosa di ineluttabile, e che Matteo ha poche possibilità di cambiare il destino che è stato segnato dai tarocchi.

La Toscana, il bosco, la vegetazione rigogliosa che nasconde segreti e persone inaspettate, è protagonista tanto quanto Matteo e i suoi amici. Li avvolge, li protegge e allo stesso tempo li ostacola nella ricerca di una normalità che nel casale del nonno, sembra essersi perduta.

L’amicizia e la forza dei ricordi si sentono tra le pagine, e hanno le vesti e il sapore della nostalgia, un senso di appartenenza al passato e a quei valori che crescendo si sono perduti: la salvezza dei suoi amici simboleggia il voler preservare un tempo puro, scanzonato, di gioventù goduta e poi svanita con l’inevitabile arrivo dell’età adulta. Quella stessa giovinezza che è incarnata negli altri personaggi, antagonisti e protagonisti insieme a Matteo e il suo gruppetto: i ragazzi della comunità di Lagado. Chi sono? E cosa ci fanno nel casale del nonno di Matteo? La loro giovane età e la leggerezza dei loro modi e delle loro risposte alle tante domande, sono lo specchio di ciò che Matteo e i suoi amici erano un tempo, e i battibecchi tra i due gruppi di amici sono magistralmente trattati con l’utilizzo di dialoghi ironici, incalzanti e provocatori.

Tutt’intorno alla trama ci sono le parole. Parole che l’autore sa amalgamare in una prosa avvolgente e poetica, immersiva non solo nei luoghi che appaiono pennellati a colori vividi nella mente di chi legge, ma anche dei sentimenti, veri, autentici e allo stesso tempo onirici.

Dello Stesso Genere...
Thriller
felix77
Verità occulte

Recensione a cura di Dario Brunetti Verità occulte è il nuovo romanzo dell’astro nascente del crime scandinavo, si tratta della scrittrice svedese Kristina Ohlsson. Il

Leggi Tutto »

Lascia un commento