Genere:
La strega di Triora
Ottobre, 1587. A Triora, fiorente cittadina dell’entroterra di Imperia, si apre il processo dell’Inquisizione, uno dei più conosciuti della storia italiana. La città, da sempre granaio della Repubblica di Genova, è stata schiacciata negli ultimi due anni da una terribile carestia, che ha provocato miseria e fame in tutta la Valle Argentina. I potenti sono in cerca dei colpevoli e la drammatica situazione viene attribuita alle streghe. Dopo la cacciata del vicario Del Pozzo, giunge in città il commissario Giulio De Scribani, inviato da Genova per estirpare la stregoneria. È un tempo di terrore, di persecuzioni e sofferenze: molte donne sono denunciate, arrestate e torturate, alcune uccise, altre costrette a vivere braccate e nascoste. Quelle stesse donne, alle quali erano stati offerti doni e gratitudine per la loro attività di guaritrici, ora sono oggetto di delazioni e di crudeltà mai viste. Ma chi sono le streghe di Triora? Donne di ogni estrazione e provenienza, unite da un antico patto di fiducia, aiuto e solidarietà reciproca: tra loro si chiamano Sorelle e conoscono a fondo gli utilizzi medicinali delle erbe, percepiscono lo spirito della Natura e s’incontrano di notte, nel bosco, intorno al grande noce. Tra le loro fila si staglia, carismatica e intensa, la figura di Franchetta Borrelli, nota guaritrice e Sorella Anziana. Salva inizialmente grazie alla sua ricchezza, viene catturata e torturata dal De Scribani. Nei tragici giorni della sua reclusione, Franchetta ripercorre la propria vita e prende decisioni che segnano il suo destino per sempre.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Può scaturire una caccia alle streghe da una crisi agricola causata da una forte siccità? Si nel 1587! I frutti della terra non riuscivano a fiorire, le persone riuscivano a mangiare a fatica e non potevano vendere i prodotti quindi non guadagnavano così pensarono bene di credere che ciò che stava succedendo fosse opera di sortilegi additando delle compaesane come streghe. Un periodo particolare stava investendo le donne di Triora, soprattutto quelle che erano note erboriste, donne che aiutavano chi stava male, donne conosciute, donne di ogni estrazione sociale anche quelle di rango elevato. Non ci si poteva fidare più di nessuno, ognuno indicava come strega chi non sopportava o qualcuno di cui aveva paura. La fame stimolava la paura che cresceva sempre di più e che faceva nascere delle superstizioni pericolose che mano a mano si alimentavano. Chi poteva sapere che erano solo superstizioni alimentava le credenze per far decadere il potere delle esponenti di famose famiglie di Triora. In effetti a Triora c’erano delle Sorelle che si riunivano sotto un noce per trasmettere la loro conoscenza alle giovani, una di queste era Franchetta Borrelli . Franchetta si occupava del commercio per la sua famiglia, mentre suo fratello Quilico dei pezzi di terra, ma conosceva anche i segreti delle erbe che potevano curare molti problemi. Le piaceva da sempre poter curare le persone, ma non poteva studiare la medicina che era preogativa maschile. Orgogliosa tanto da risultare arrogante seguì la sua passione mettendola avanti a tutto anche al suo amore. Non avrebbe mai ceduto alla richiesta del suo uomo di smetterla con gli intrugli. Così rimase sola, ma in compagnia delle sue tante Sorelle fino a quando non arrivò l’Inquisizione a Triora nella figura del commissario De Scribani. Donne come Franchetta studiavano anatomia, la scienza conosciuta dalle madri e prima ancora dalle nonne. Le loro finanze permettevano viaggi e incontri con altre come loro, con medici e studiosi e acquisti di libri proibiti. Donne progressiste contro i conservatori che appoggiavano la Chiesa, donne anche protestanti in accordo con gli ugonotti francesi in guerra con i cattolici. Tutto filava liscio fino alla siccità e ala persecuzione che iniziò subito dopo. Incarcerate e torturate fino allo sfinimento, fino alla morte di alcune. Quel commissario aveva un odio che derivava da fatti passati e iniziava tutto con una donna. Purtroppo riversava quell’odio sulle cosiddette streghe e su Franchetta. Dall’altra parte c’era una donna con un segreto nascosto a due persone da moltissimo tempo solo per orgoglio.Una storia toccante che ripercorre ciò che successe nelle persecuzioni alle streghe in Italia. Una storia da leggere, da comprendere e non da giudicare come al solito per partito preso, ma in modo obiettivo per capire davvero, non per giustificare certi comportamenti, ma anche per comprendere da dove derivano.

Dello Stesso Genere...
Giallo
felix77
La dama rossa

Recensione a cura di Dario Brunetti La dama rossa è un romanzo dell’autrice Giada Trebeschi uscito nella nuova edizione per Oakmond Publishing dopo dieci anni

Leggi Tutto »
Storico
mbasirico
La stagione delle Erinni

Al loro secondo libro ambientato nella Roma Repubblicana (il primo Il diritto dei lupi uscito nel 2021) gli autori tornano a seguire i personaggi del

Leggi Tutto »

Lascia un commento