Genere:
La gabbia dorata
Faye sembra avere tutto. Un marito perfetto, una figlia adorabile e un lussuoso appartamento nel quartiere più elegante di Stoccolma. Ma, al di là della superficie scintillante, è una donna tormentata dai ricordi legati al suo oscuro passato a Fjällbacka, una donna che sempre più si sente prigioniera di una gabbia dorata. Un tempo era forte e ambiziosa. Poi è arrivato Jack, il marito, e lei ha rinunciato alla sua vita. Jack non è un uomo fedele, però, e quando Faye lo scopre, il suo mondo va in pezzi. Non le resta più niente, è distrutta. Fino al momento in cui decide di passare al contrattacco e di vendicarsi in modo raffinato e crudele… Faye non è certo la prima donna al mondo a essere stata umiliata dal marito, trattata come una stupida e costretta a lasciare il posto a una più giovane e piacente. Ma per lei è arrivato il momento di dire basta: «Unite siamo forti, non ci rassegneremo mai più al silenzio.»
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Manuela Fontenova

A circa un mese dall’uscita italiana, La gabbia dorata conferma la Läckberg come una delle più brillanti scrittrici contemporanee. Versatile e talentuosa, Camilla dopo 17 anni anni cambia strada: abbandona temporaneamente, speriamo, il mondo del thriller nordico, e si cimenta con un noir intrigante e lussurioso.

Una nuova protagonista dalle tante sfaccettature, Faye, una vita ricca di agi, ma un prezzo troppo alto da pagare: a cosa sei disposta a rinunciare pur di trattenere un amore tanto effimero quanto malato?

Dov’è finita Fjällbacka? Riecheggia nel torbido e oscuro passato di Faye: è la sua città natale e benché la storia si svolga a Stoccolma, il passato è sempre lì, pronto a ricordarle chi è, da dove viene e cosa potrebbe aver fatto. Come se l’eco di ciò che è stato fosse un campanellino appeso alla porta dei ricordi, basta una lieve brezza a farlo suonare, quel piccolo rintocco sa correre la distanza come una sinapsi sa generare un pensiero di morte.

Faye inizialmente non suscita simpatia, né tanto meno comprensione, non si riesce a giustificarla, anzi è quasi fastidiosa nella sua totale sottomissione. La sua vita rinchiusa in questa Gabbia dorata è in netto contrasto con la Faye che conosciamo nella prima parte del romanzo: una donna che guarda avanti, dritta verso la meta. Ecco che il primo tradimento che la giovane protagonista subisce non è quello del marito, ma è quello che lei stessa compie nei suoi confronti: ha barattato l’energia, la voglia di rivalsa con la parvenza di una vita felice. Ma quella forza  non è morta, in ogni fibra del suo corpo , nella memoria e nelle sue vene il lato oscuro che la accompagna da sempre, è pronto a scorrere inesorabile e a riattivare la circolazione di quella linfa vitale che da troppo ristagna nell’oblio.

“Sentì le tenebre familiari affiorare da ogni poro, quelle stesse tenebre che era riuscita a dimenticare. Aveva finto che non ci fossero mai state, che non avessero mai fatto parte di lei, ma stava lentamente cominciando a ricordare chi era, chi era stata”

Un genere completamente diverso per l’autrice che ha saputo dare una nuova veste alla sua famosa vena creativa: un linguaggio crudo, il tono rasenta spesso la volgarità, con scene di sesso esplicite, quasi grottesche. Badate bene, non è che abbia voluto scrivere un romanzetto erotico ma semplicemente forzare la mano sull’eccesso: eccesso nelle reazioni, nella sottomissione e nella vendetta. Le situazioni sono esasperate, tutto è teso all’estremo, a creare una grande tensione che renda esplosivo il finale.

Con molto dispiacere mi sono imbattuta in aspre critiche, e sottolineo il mio dispiacere perché è ovvio che dietro a questi giudizi c’è una mancata comprensione del romanzo. Che Camilla avesse in serbo un cambio di rotta era difatti cosa nota, e ci aveva offerto un’anteprima a novembre con Donne che non perdonano, un piccolo ma intenso spaccato di vite offese dalla violenza domestica.

Potremmo paragonarlo alla puntata pilota di una nuova serie tv: consapevole della portata innovativa del suo personaggio, l’autrice ha scelto di mettere alla prova e allo stesso tempo incuriosire i lettori con un piccolo assaggio di quello che sarebbe stato il suo nuovo capolavoro.

Uno splendido romanzo di donne, scritto per le donne affinché non dimentichino che amare se stesse è l’unico modo per sopravvivere, e per gli uomini (che fortunatamente non sono tutti come Jack) ma che a volte dimenticano che l’amore non imprigiona ma lascia liberi di volare. Un invito ad aprire le porte delle nostre gabbie

“Le brave bambine non fanno a botte. Le brave bambine non alzano la voce. Sono cose che le donne imparano fin da piccole. Le donne accolgono, appianano, si assumono le responsabilità di ogni rapporto, mandano giù l’orgoglio e si sminuiscono fino a sparire.

Ma adesso basta, pensò. Insieme siamo forti e non intendiamo tacere”.

Aspettavo con impazienza di leggere La gabbia dorata, e posso affermare con assoluta certezza che Camilla Läckberg non delude MAI.

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
LA SETTIMA LUNA

Possiamo dire, senza ombra di dubbio, che Piergiorgio Pulixi ha decisamente portato pagine molto interessanti nel panorama del noir italiano. Ci sta abituando, positivamente, alla

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
Delitto a Kolonaki

Dobbiamo esser onesti e dire che non c’è molta conoscenza con gli autori greci, autori di romanzi, noir in particolare. Ovviamente il nome più familiare,

Leggi Tutto »
L'uomo esterno
Noir
elio.freda
L’uomo esterno

Recensione a cura di Luca Poldelmengo I demoni non muoiono mai, occorre tutta una vita per espiare e liberarsi della loro presenza. Chiedetelo a David

Leggi Tutto »

Lascia un commento