Genere:
La casa dell’uva fragola
Questa casa è qualcosa di più delle sue mura. È la nostra storia, sono le vite passate e future. Tra Varese e il lago Maggiore, a Castello Cabiaglio, che una volta si chiamava soltanto Cabiaglio, c’è un grande portone verde, il portone della Casa dell’uva fragola. Ernesta, Francesca ed Ezechiella sono le donne che hanno vissuto nelle sue stanze e nel suo giardino. Quadri, mobili, fiori, alberi raccontano le loro storie. Quella di Francesca innamorata di un uomo che è stato al fianco di Garibaldi. Quella di Ezechiella che sposa Giovanni per amore, anche se forse non lo ha mai confessato nemmeno a se stessa, mette al mondo sette figli e guarda Ernesto, il suo primogenito, partire volontario per la Grande Guerra. E, prima di tutte, Ernesta, forte e volitiva, che nella casa ha lasciato un’impronta che durerà nei secoli. La Casa dell’uva fragola, dove tutto sembra iniziare e tutto finire, ha molto da narrare e molte nuove vite da veder sbocciare. Per salvare quella dimora e i tanti ricordi che contiene, si sarà disposti a tutto. Pier Vittorio Buffa racconta la storia di una famiglia tra le guerre d’Indipendenza e la Seconda guerra mondiale, con intensità e precisione. Da un lato la vita al fronte, vista con lo sguardo disincantato di chi di guerra ha già scritto e studiato tanto, dall’altro la lunga attesa di chi resta a casa, scruta la porta aspettando notizie, trema per l’arrivo del postino. Di chi ha, comunque, un disperato bisogno di amore. Poi le feste e la mondanità, le nascite e i matrimoni che si alternano a scelte decisive e coraggiose, a momenti drammatici che segneranno per sempre la famiglia. Mentre la pianta dell’uva fragola è sempre lì, con la sua vitalità, i suoi colori, i suoi profumi.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

La casa dell’uva fragola è un romanzo corale di Pier Vittorio Buffa ambientato a Cabiaglio tra Varese e il Lago Maggiore, in quanto tutti i personaggi risulteranno fondamentali all’interno della storia narrata.

Una narrazione delineata dai sentimenti più profondi come l’amore per la famiglia, l’innocenza nei confronti della guerra e quindi di ciò che li aspetta al fronte. La casa dell’uva fragola rappresenta il punto cardine di una famiglia umile che negli anni più terribili della storia del nostro paese affronta con coraggio i tragici eventi accaduti. Nonna Ernesta, Ezechiella, Giovanni, Francesca e la loro discendenza ci accomuna completamente.  Ognuno di noi può tranquillamente rispecchiarsi in ciascun di loro e affezionandosi con lo scorrere delle pagine. Un romanzo sincero, senza fronzoli che dà voce a molti personaggi rendendolo affascinante e creando quel filo conduttore che lo rende significativo e indimenticabile.

Dello Stesso Genere...
Giallo
gcampaner
Segreti che uccidono

Segreti che uccidono è l’ultimo romanzo thriller consegnato alla Newton Compton da Riccardo Landini e pubblicato dalla casa editrice nel marzo scorso. Il romanzo racconta

Leggi Tutto »

Lascia un commento