Genere:
Kafka sulla spiaggia – Haruki Murakam
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

61R0XpGhHgL

Trama

Un ragazzo di quindici anni, maturo e determinato come un adulto, e un vecchio con l’ingenuità e il candore di un bambino, si allontanano dallo stesso quartiere di Tokyo diretti allo stesso luogo, Takamatsu, nel Sud del Giappone. Il ragazzo, che ha scelto come pseudonimo Kafka, è in fuga dal padre, uno scultore geniale e satanico, e dalla sua profezia, che riecheggia quella di Edipo. Il vecchio, Nakata, fugge invece dalla scena di un delitto sconvolgente nel quale è stato coinvolto contro la sua volontà. Abbandonata la sua vita tranquilla e fantastica, fatta di piccole abitudini quotidiane e rallegrata da animate conversazioni con i gatti, dei quali parla e capisce la lingua, parte per il Sud. Nel corso del viaggio, Nakata scopre di essere chiamato a svolgere un compito, anche a prezzo della propria vita. Seguendo percorsi paralleli, che non tarderanno a sovrapporsi, il vecchio e il ragazzo avanzano nella nebbia dell’incomprensibile schivando numerosi ostacoli, ognuno proteso verso un obiettivo che ignora ma che rappresenterà il compimento del proprio destino. Diversi personaggi affiancano i due protagonisti: Hoshino, un giovane camionista di irresistibile simpatia; l’affascinante signora Saeki, ferma nel ricordo di un passato lontano; Òshima, l’androgino custode di una biblioteca; una splendida prostituta che fa sesso citando Hegel; e poi i gatti, che sovente rubano la scena agli umani. E infine Kafka. “Uno spirito solitario che vaga lungo la riva dell’assurdo”.

Recensione a cura di Miriam Salladini

“Kafka sulla spiaggia” è un romanzo molto particolare: surreale, onirico, strano ma a mio avviso bellissimo. I due protagonisti sono Tamura e Nakata. La storia si apre con la decisione di Tamura, un giovane quindicenne, di fuggire di casa per ragioni non subito chiare al lettore. Il ragazzo dialoga con il suo amico “il ragazzo chiamato Corvo” esponendogli le ragioni della sua decisione e illustrandogli il duro allenamento che si è prefissato di seguire. Parallelamente comincia a delinearsi la storia di Nakata, un vecchietto simpatico e ingenuo che riesce a parlare con i gatti e che come lavoro va alla ricerca di gatti scomparsi. Piano piano la storia passa dal reale al surreale e il lettore viene coinvolto pagina dopo pagina nella vicenda.

Murakami è uno scrittore molto particolare, le sue storie sono surreali a tratti forse troppi irreali: gatti che parlano, profezie, maledizioni, sanguisughe che piovono dal cielo e tanto altro. Generalmente non leggo libri surreali ma questo scrittore mi ha catturato da subito incollandomi al racconto fin dalle prime pagine. Suggerisco questa lettura anche a chi è restio a cimentarsi con storie del genere: tutto questo perché lo ero anch’io e oggi sono Murakami dipendente.

Dettagli

  • Copertina flessibile: 514 pagine
  • Editore: Einaudi (28 maggio 2013)
  • Collana: Super ET
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8806216945
  • ISBN-13: 978-8806216948
Dello Stesso Genere...
Narrativa
Regina Cesta
Come un fiore di ciliegio nel vento

Una scrittura gentile, diversa dai modi di scrivere ai quali sono abituata. Mentre leggevo questo romanzo ero trasportata completamente nella cultura giapponese, sicuramente quel nodo

Leggi Tutto »
Giallo
mcampeti
In grazia di Dio

Ho letto con molto piacere questo racconto lungo di Cristina Biolcati, che già avevo avuto modo di conoscere e apprezzare leggendo altri suoi racconti in

Leggi Tutto »
L'inferno Invisibile
Narrativa
gmorozzi
L’inferno Invisibile

Quanti romanzi abbiamo letto sull’ossessione d’amore? Noi lettori siamo stati svezzati dal personaggio di Buzzati che rimane intrappolato senza speranza in un loop temporale vedendo

Leggi Tutto »

Lascia un commento