Genere:
Il mistero Caravaggio – Annalisa Stancanelli
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…
image 11

«La testa le pulsava e un rivolo di sangue le copriva un occhio. Dietro di lei una figura vestita di nero con un’orrenda maschera bianca, con disegnata una bocca rossa da cui sgorgavano schizzi di sangue: sembrava la Medusa di Caravaggio.»

Un brutale omicidio a Milano innesca una spirale di violenza legata da un filo rosso invisibile: Caravaggio e i suoi dipinti perduti. La vittima è una gallerista olandese. Quando a Siracusa un senzatetto, accusato di un furto d’arte in una chiesa, viene trovato ucciso, marchiato a fuoco con lo stesso simbolo della donna assassinata a Milano, il comando centrale europeo che vigila sui crimini legati al mondo dell’arte decide di creare una squadra speciale. Tony Romano, responsabile del distaccamento di Siracusa del nucleo tutela patrimonio artistico dei Carabinieri, viene richiamato a Roma e incaricato della complessa inchiesta. Non sarà solo, insieme a lui indagheranno un’esperta d’arte svizzera, affascinante quanto pericolosa, e uno studioso di antropologia e folklore siciliano, coinvolto perché il simbolo del killer è un antico serpente, al centro di una terribile leggenda barocca.

Recensione a cura di Marika Campeti

Dopo aver letto Mistero siciliano della stessa autrice, sono rimasta piacevolmente ancorata alle pagine con questa nuova avventurosa storia creata ad arte da Annalisa Stancanelli.

Il mistero Caravaggio non è soltanto un giallo ben congegnato, ma anche un romanzo avventuroso che toglie il fiato, un tuffo nell’arte, raccontata con sapienza da chi davvero ne sa tanto, come l’autrice sta ampiamente dimostrando.

Mi è piaciuto il ritmo filmico del romanzo, a tratti ci si sente davvero proiettati nella scena e vien voglia di correre. I colori, i suoni, gli stimoli visivi sono ben riportati nelle descrizioni e soprattutto nell’azione.

Il romanzo gravita intorno a una suggestione, la scomparsa di una famosa tela di Caravaggio, rubata dalla mafia, smembrata e rivenduta nel mercato nero. La storia si snoda in tre piani temporali, e ciò rende il romanzo avvincente e mai noioso, senza interrompere la fluidità della lettura. Affascinante la ricostruzione storica delle lettere di Caravaggio che ci raccontano l’epoca e le emozioni dell’artista rendendolo concreto e umano. Questa è una dote che l’autrice ha dimostrato già con le sue precedenti opere (anche saggistiche): Stancanelli conosce così bene gli artisti del passato da renderli quasi nostri amici. Ne viviamo le angosce, le paure e i sentimenti, dimenticando chi sono stati e rendendoli quindi concreti, reali, veri!

L’autrice ci guida all’indietro, da Caravaggio alla seconda guerra mondiale, facendoci spiare nel bunker di Hitler, custode di alcune notevoli opere dell’artista.

Il protagonista il bel” Tony Romano, tormentato e sfortunato in amore, segue le tracce delle opere sottratte, mentre efferati omicidi apparentemente senza legami lanciano sui personaggi e sul presente un’ombra di minaccia incombente.

Il mistero Caravaggio è un bagno di adrenalina, una storia intrisa di leggenda, arte e mistero.

Consigliata agli amanti del giallo e dell’arte, ma anche a chi ama staccare con una lettura avvincente e coinvolgente.

Dettagli

  • Genere: Giallo
  • Copertina flessibile: 268 pagine
  • Editore: Ugo Mursia Editore (15 luglio 2022)
  • Collana: Giungla Gialla
  • Lingua: Italiano
  • ISBn-10:  8842564664
  • ISBN-13: 978-8842564669
Dello Stesso Genere...
Giallo
felix77
La linea mortale

Bruno Vallepiano scava nel passato del suo protagonista, il professor Mauro Bignami attraverso un prequel uscito per la Golem edizioni dal titolo La linea mortale.

Leggi Tutto »

Lascia un commento