Genere:
Il giallo di via San Giorgio – Riccardo Landini
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

41k6NjoBuiL.jpg

TRAMA

Astore Rossi lavora come restauratore di mobili antichi in una piccola città di provincia. Uomo schivo, solitario e amareggiato dai ricordi del passato, coltiva soltanto i pochi legami indispensabili al suo lavoro. L’unica persona con cui ha allacciato un rapporto è Luisa, un’anziana vicina di casa. Quando lei muore, lasciandogli una misteriosa chiave e strappandogli la promessa di rimediare al male passato, Astore si trova coinvolto, suo malgrado, nelle oscure vicende che riguardano la famiglia Spada, cui Luisa apparteneva. Ci sono antichi e inimmaginabili segreti custoditi dalle stanze di una villa immersa nei boschi dell’Appennino bolognese. E c’è qualcuno, spietato, che non vuole assolutamente che vengano scoperti. La posta in gioco per arrivare alla verità e mantenere la promessa fatta a Luisa rischia di essere molto alta…

Voce di Eleonora Zaffino

[bandcamp width=100% height=120 track=2379253462 size=large bgcol=ffffff linkcol=0687f5 tracklist=false artwork=small]

RECENSIONE A CURA DI Gino Campaner (ginodeilibri)

Dopo avervi raccontato la trilogia che ha visto come protagonista il perito assicurativo Brenno Sandrelli, detective suo malgrado, eccomi di nuovo a recensire un libro di Riccardo Landini

La sua ultima fatica letteraria si intitola “Il giallo di via San Giorgio”, edito dalla Newton Compton e uscito nel febbraio di quest’anno.

Riccardo Landini vive a Reggio Emilia, è un grande appassionato del cinema italiano degli Anni ’60-’70, insegna storia del cinema e organizza rassegne cinematografiche. Nel 2009 ha esordito nella narrativa con il romanzo “E verrà la morte seconda” (SBC Edizioni). Nel 2000 ha scritto e diretto il film “Buio morte”: horror nello stile di Dario Argento, molto splatter. Nel 2013 è stato vincitore del premio letterario Giallo Stresa.

“Il giallo di via San Giorgio” è un romanzo thriller e il protagonista è Astore Rossi: un restauratore di mobili, solitario e un po’ misantropo. Vive in modo molto modesto, cercando di dimenticare le traversie vissute in gioventù che gli hanno cambiato la vita.

L’unica che è riuscita a rompere, con dolcezza e pazienza, il suo isolamento è la sua anziana dirimpettaia. Un giorno, rincasando sconvolta, gli affida una misteriosa chiave chiedendogli di far emergere il terribile passato della sua famiglia.

Quello stesso giorno lei muore e lui si ritrova a dover indagare per realizzare il suo ultimo desiderio.

Una caratteristica che amo molto dei thriller di Landini è che i suoi personaggi non sono problematici detective supereroi, ma persone semplici  anche molto modeste. Diventano involontari protagonisti di storie pericolose e misteriose.

Sono stato folgorato dalla scrittura di Landini e dalle sue storie leggendo “Il primo inganno” un bel thriller che mi ha completamente conquistato. Da allora è uno dei miei preferiti tra gli autori di gialli.

Con “Il giallo di via San Giorgio” conferma le sue qualità di scrittore: raccontato in prima persona immerge il lettore, già dalle prime pagine, in una storia che appassiona e colpisce.

Il romanzo è, come sempre nelle storie di Landini, pieno di colpi di scena e suspence che tengono, chi legge, sempre sulla corda.

Non ci sono forzature e tutto si svolge in maniera molto verosimile. Il ritmo incalzante del racconto non dà tregua mantenendo sempre alto l’interesse.

Un’unica nota negativa da rilevare, ma solo per i miei gusti, è che l’autore mi aveva abituato a finali meno “edulcorati”, più cinici e a me piacevano molto. In questo caso invece, alla fine, rimette a posto un po’ tutto. Ma nella realtà quasi mai è cosi.

Riccardo Landini è ormai una certezza e anche in questo romanzo conferma le sue qualità, se si vuole leggere un ottimo thriller, questo è la scelta giusta.

 

DETTAGLI

  • Genere: thriller
  • Copertina rigida: 254 pagine
  • Editore: Newton Compton (28 febbraio 2019)
  • Collana: Nuova narrativa Newton
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8822725751
  • ISBN-13: 978-8822725752

 

Dello Stesso Genere...
Giallo
pvaralli
Tutta colpa di Chopin

Olga Cazzaniga Peroni: il ritorno! Una minaccia? Ebbene si! La vulcanica brianzola, bionda di ritorno (e la ripetizione è d’obbligo), è di nuovo tra noi,

Leggi Tutto »
Noir
mmendolia
IL  SISTEMA

 Spesso accade, che in una città degli Stati Uniti esplode una rivolta, una sommossa. Quando ciò avviene in tanti si domandano e si pongono la,

Leggi Tutto »
commesse treviso
Giallo
elio.freda
Commesse di Treviso

Ci sono dei libri in cui più storie decorrono parallele tra loro, senza punti di unione tra loro. Si va avanti, sicuri che qualcosa accadrà

Leggi Tutto »

Lascia un commento