Genere:
Il fiore dell’apocalisse
Maia Parodi torna a lavorare in questura dopo una gravidanza andata male e viene trasferita alla sezione omicidi. Una donna è appena stata ritrovata morta e l’unico indizio è un medaglione a forma di fiore con quattro petali, di cui uno dipinto di blu, rinvenuto sulla vittima. Le indagini non decollano, ma quando una seconda donna viene uccisa, Maia scopre che le due vittime frequentavano un misterioso centro esoterico e che gli omicidi potrebbero essere collegati alla teoria dei quattro elementi. Altre due persone sono quindi destinate a morire?
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Il fiore dell’apocalisse della casa editrice Leone è stato pubblicato nel 2018 ed appartiene al genere giallo/thriller, l’autrice è la bravissima Luisa Colombo che è nata a Milano e che fin da giovanissima ha coltivato la passione per la scrittura. La Colombo è al suo terzo romanzo, il primo si intitolava Nuotando verso la luna e venne auto pubblicato nel 2011; il secondo, I legami spezzati, pubblicato da mjm editore è del 2014 ed il terzo è appunto Il fiore dell’apocalisse. Il secondo ed il terzo benché scritti a quattro anni di distanza hanno la stessa protagonista, cioè Maia Parodi che nel primo libro è una fotografa della polizia scientifica, nel secondo, invece, dopo una lunga assenza dal lavoro, la troviamo inserita negli organici della questura alla sezione omicidi. Per lei inizialmente non sarà semplice integrarsi in una squadra investigativa piuttosto affiatata e ben rodata dal tempo. In più lei non ha alcuna esperienza in questo campo di indagine. Della squadra fanno parte due ispettori (Esposito e De rosa) che, oltre che molto capaci, sono anche molto divertenti ed ai quali, con le loro battute, è demandato il lato ironico del romanzo; un capo ispettore, Piras ed un commissario, Anika Miller.

Se nel primo romanzo l’indiscussa protagonista era Maia in questo thriller sono molti i personaggi che si contendono il ruolo principale e sono quasi tutte figure femminili. La psicologa e criminologa Giada Damonte, il commissario Anika Miller ma poi ancora Monique, Ilaria, Giovanna, una galleria di donne ottimamente descritte ed indagate approfondendo paure e sogni della loro vita, il più delle volte complicata e nella quale far convivere affetti e lavoro.

La vicenda si svolge prevalentemente a Milano e nel suo hinterland anche se l’epilogo sarà lontano dal capoluogo lombardo. La squadra del commissario Miller sarà impegnata nella ricerca di uno spietato serial killer imprevedibile e fortemente disturbato che lega i suoi omicidi ad un singolare simbolo esoterico con un significato molto particolare. Grazie anche alle intuizioni di Maia il caso troverà una conclusione ma forse non tutto è chiarito… Ad aiutare la soluzione dell’indagine contribuiscono anche alcuni sogni premonitori avuti dalle protagoniste. Queste visioni ancor che razionalmente poco spiegabili sono comunque molto ben inserite all’interno della vicenda e danno al libro un ulteriore tocco di interesse e originalità.

Nel complesso devo dire che il libro è scritto in maniera molto scorrevole e la trama e la storia coinvolgono il lettore tenendolo legato fino alle battute finali.

 

Dello Stesso Genere...
Alba nera
Thriller
lfrigiotti
Alba Nera

Giancarlo De Cataldo torna in libreria per la collana Nero Rizzoli presentando un personaggio femminile, ma non è la sua prima apparizione. Alba Doria nasce

Leggi Tutto »
Thriller
fmanu
L’ombra del lupo grigio

L’ombra del lupo grigio è il romanzo che non ti aspetti. Scritto a quattro mani, è la perfetta fusione di stili e background diversi, personaggi

Leggi Tutto »

Lascia un commento