Genere:
Il commissario Bordelli
Firenze, estate 1963. La città è deserta perle vacanze e assediata dal caldo e dalle zanzare. Il commissario Bordelli passa le sue notti a rigirarsi nelle lenzuola, incapace di prender sonno, dopo giornate di banale routine estiva sbrigata da quei pochi rimasti in commissariato, come il poliziotto Mugnai e il nuovo arrivato Piras. Durante una di quelle lunghe notti insonni, Bordelli riceve una telefonata che gli annuncia una morte misteriosa. Recatosi sul luogo del delitto, una villa del Settecento, trova il corpo senza vita di un’anziana signora; accanto al suo letto c’è un bicchiere con tracce di un medicinale per l’asma e sul comodino, riposto con cura e perfettamente chiuso, il flacone di quel medicinale. Difficile, però, pensare a un attacco improvviso della malattia, come spiega il fidato anatomopatologo Diotivede, collaboratore e amico di vecchia data del commissario. Bordelli inizia le sue indagini, partendo proprio dai singolari personaggi che frequentavano abitualmente la villa: l’anziana governante; i nipoti Giulio e Anselmo; Dante, il bizzarro fratello della vittima. Ma ognuno di questi ha un alibi inattaccabile. O almeno così sembra, fino a quando il commissario Bordelli non decide di tornare sul luogo del delitto…
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Un appassionato lettore in più  fiorentino  non può non sentirsi tirato in causa, nel leggere quanto Vichi ci propone attraverso la figura del commissario Bordelli .Un dubbio lo assale rispetto  alla produzione di romanzi portata avanti da Vichi, un dubbio che nasce da punti di vista che si stanno contrapponendo tra i lettori. Da una parte chi considera “ Vichi una garanzia ed incontrare il commissario Bordelli è come riabbracciare un familiare che non si vede da tempo “; dall’altra chi, dopo aver letto tanti dei suoi libri, comincia a prestare il fianco alla stanchezza, “ accusando “ Vichi di incorrere nella ripetitività nell’uso/abuso di  spunti che con il tempo vanno accentuandosi : le cene tra amici ed i conseguenti racconti che ne scaturiscono. Racconti che si dilungano e che rischiano di far perdere l’attenzione rispetto  al motivo principale per cui è stata iniziata la lettura del romanzo. Non ritengo che dire verso quale  parte propendo sia importante; ciò che ritengo importante è l’aver cercato uno strumento che mi desse elementi per chiarirmi il dubbio poco sopra detto .Ho ritenuto che prendere in mano “ Il commissario Bordelli “ potesse  servirmi a questo scopo, in quanto il primo con Vichi che da vita al commissario Bordelli,  con, addirittura, una “ lettera di Bordelli ” a Vichi, cioè dove tutto ebbe inizio. Fatta questa premessa, ecco che siamo a Firenze nel 1963, nel post periodo bellico con troppa miseria a giro che non ci doveva essere. Firenze, con un’afa insopportabile, tra zampironi ed il mai dimenticato DDT. Un Bordelli che nell’ essersi affezionato alla  solitudine, manifesta la mancanza di certezze ed i ricordi mai passati, della guerra,senza più voglia di sognare; con i suoi amici che vivono in bilico tra legalità ed il suo contrario, come il Botta; il ladruncolo, un cuoco nato, che gli ha insegnato come aprire le porte, ma che i suoi insegnamenti sono motivo di importanza,che sulla faccia porta i segni di una vita dura e misera refrattario ad assistere al le autopsie e che si regge in piedi grazie alla tensione emotiva . Già in questo romanzo troviamo sia luoghi che successivamente Vichi ci rinnovererà, a partire da quelle trattorie popolari, da Cesare a I’Lordo, oggi chiuse definitivamente a quei personaggi, che sono veri e propri casi umani . Ed ecco le fatidiche cene tra, e con gli amici; con riferimenti a personaggi che hanno segnato Firenze, come ad esempio Don Cubattoli. Comunque in questo romanzo ciò che emerge è la disillusione  post liberazione dal nazi-fascismo con i partigiani che finiscono in galera ed i fascisti invece, fuori, perché “ è necessario dimenticare il passato “, parole che abbiamo sentito ripetere, spesso, anche di recente. Alla fine di queste oltre 200 pagine , sinceramente posso dire di aver letto un buon romanzo, ma non sciolto il mio dubbio, la cui risoluzione la rimando alla prossima lettura di un romanzo di Vichi.

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
I cerchi nell’acqua

Carlo Monterossi protagonista indiscusso dei romanzi di Alessandro Robecchi si fa da parte introducendo il duo Ghezzi/Carella, con cui i lettori di Robecchi hanno già

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
LA LUNA SULLA PINETA

RECENSIONE a cura di Edoardo Todaro Prima di iniziare a leggere “ La luna nella pineta “ una domanda legittima sorge spontanea: come è possibile

Leggi Tutto »
Noir
felix77
Amarga

Recensione a cura di Dario Brunetti Gradito ritorno dell’autrice Paola Iannelli che dopo l’esordio letterario con il romanzo Il paradiso non ha un angolo retto,

Leggi Tutto »

Lascia un commento